Siete qui:

Contenuto

5 giugno 2019

MIELOFIBROSI: TASSI DI RISPOSTA DEL 30% CON FEDRATINIB

Al Congresso ASCO di Chicago presentata l’analisi aggiornata dei dati dello studio
JAKARTA2 in pazienti non precedentemente trattati con ruxolitinib

Chicago, 5 giugno 2019 - Celgene Corporation ha annunciato la presentazione di un’analisi aggiornata dei dati dello studio di fase 2 JAKARTA2 che mostrano tassi di risposta clinicamente significativi con febratinib, farmaco sperimentale (non autorizzato in Italia), in pazienti con mielofibrosi precedentemente trattati con ruxolitinib (farmaco autorizzato in Italia). Questa analisi aggiornata di febratinib ha utilizzato i principi di ‘intent-to-treat’ (ITT) e una definizione più stretta dei pazienti recidivati, refrattari o intolleranti a ruxolitinib. I risultati sono stati divulgati in una presentazione poster al Congresso annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) a Chicago.
Nella popolazione ITT (n = 97), la percentuale di pazienti che ha mostrato una riduzione del 35% o superiore del volume della milza alla fine del ciclo 6 era pari al 31% (IC 95%: 22-41). Di questi 97 pazienti, 79 (81%) rientravano tra i criteri più stretti di resistenza o intolleranza a ruxolitinib. In questa coorte, la percentuale di pazienti che ha mostrato una riduzione del 35% o superiore del volume della milza al ciclo 6 era pari al 30% (IC 95%: 21-42), in linea con il tasso di risposta osservato nella popolazione ITT. Inoltre, la percentuale di pazienti che ha manifestato un tasso di risposta nei sintomi del 50% o superiore era pari al 27% sia nella popolazione ITT (IC 95%: 18-37) che nei pazienti inclusi nell’analisi con criteri più stretti (IC 95%: 17-39).
Le alterazioni ematologiche di grado 3-4 più frequenti sono risultate essere anemia (46%) e trombocitopenia (24%). Gli eventi avversi non ematologici più comuni correlati al trattamento in tutti i pazienti trattati sono stati diarrea (62%), nausea (56%), vomito (41%) e costipazione (21%).
“La mielofibrosi è una rara e grave malattia del midollo osseo per la quale esiste solo un’opzione di trattamento attualmente approvata”, ha affermato Claire N. Harrison, M.D., Deputy Clinical Director of Cancer and Haematology al Guy’s and St. Thomas’ NHS Foundation Trust Hospital di Londra. “I pazienti possono divenire intolleranti o resistenti alla terapia. Questi risultati aggiornati mostrano significative riduzioni del volume della milza e dei sintomi e rinforzano il potenziale di fedratinib in questi pazienti difficili da trattare che non possono più beneficiare del trattamento con ruxolitinib”.
“Febratinib ha il potenziale di essere la prima nuova opzione di trattamento dal 2011 per i pazienti con mielofibrosi“, ha aggiunto la dott.ssa Alise Reicin, Presidente, Global Clinical Development, Celgene. “I pazienti con mielofibrosi che hanno sviluppato recidiva, refrattarietà o intolleranza a ruxolitinib rappresentano una popolazione ad elevato bisogno medico insoddisfatto e siamo impegnati a portare avanti questa importante opzione di trattamento”.

Lo studio JAKARTA2
JAKARTA2 è uno studio di fase 2, multicentrico, in aperto, di singolo braccio, che ha valutato l’efficacia di fedratinib in singola dose giornaliera (dose iniziale 400 mg) in pazienti precedentemente trattati con ruxolitinib e con diagnosi di mielofibrosi primaria, a rischio intermedio-1 con sintomi, intermedio-2 o alto, mielofibrosi post-policitemia vera o mielofibrosi post-trombocitopenia essenziale. Lo studio ha arruolato 97 pazienti in 40 sedi distribuite in 10 Paesi.
L’endpoint primario era il tasso di risposta del volume della milza, definito come la percentuale di pazienti che manifestavano una riduzione del volume della milza di almeno il 35%, misurato con RMI o TAC dopo sei cicli di trattamento di un mese ciascuno. Endpoint secondari includevano il tasso di risposta dei sintomi, definito come la percentuale di pazienti che presentavano una riduzione del 50% o superiore del Total Symptom Score (punteggio dei sintomi totali) dopo sei cicli di trattamento di un mese ciascuno, misurato con il questionario/diario Myelofibrosis Symptoms Assessment Form (MFSAF) versione 2.0.
Ad agosto 2017, la FDA ha rimosso il blocco clinico sul programma di sviluppo di fedratinib che era stato posto nel 2013, dopo potenziali casi di encefalopatia di Wernicke, riportati in 8 degli 877 pazienti che avevano ricevuto una o due dosi di farmaco (meno dell’1% dei pazienti trattati). L’encefalopatia di Wernicke è una condizione neurologica indotta da deficienza di vitamina B1 che si manifesta come paralisi di uno o più muscoli extraoculari, perdita di coordinazione muscolare e confusione. I tassi di encefalopatia di Wernicke sono compresi tra 0,8% e 2,8% nella popolazione generale, come risulta da studi autoptici, comunque l’incidenza nei pazienti con neoplasie mieloproliferative è tre volte maggiore.

Fedratinib
Fedratinib è un inibitore orale delle chinasi con attività verso JAK2 (Janus Associated Kinase 2) ‘wild type’ e attivata dalla mutazione verso FLT3 (FMS-like tyrosine kinase 3). Fedratinib è un inibitore selettivo di JAK2 con potenza più elevata per JAK2 rispetto agli altri membri della famiglia JAK (JAK1, JAK3 e TYK2). Un’attivazione eccessiva di JAK2 è associata a neoplasie mieloproliferative, che includono la mielofibrosi e la policitemia vera. In modelli cellulari che esprimono JAK2 attivato da mutazione, fedratinib ha ridotto la fosforillazione di proteine trasduttori del segnale e attivatori di trascrizione (STAT3/5), ha inibito la proliferazione cellulare e indotto la morte cellulare apoptotica. In modelli animali di malattia mieloproliferativa guidata da JAK2V617K, fedratinib ha bloccato la fosforillazione di STAT3/5, migliorato la sopravvivenza e i segni associati alla malattia (che comprendono il numero di globuli bianchi nel sangue, l’ematocrito, la splenomegalia e la fibrosi).
Fedratinib è un farmaco sperimentale non approvato per alcun uso in nessun Paese.

Anteprima News

14/06/19

REUMATOLOGIA: ANNAMARIA IAGNOCCO NUOVO PRESIDENTE ELETTO DELL'EULA

Sarà la prima donna italiana a guidare la lega europea che riunisce rappresentati dei clinici e pazienti. "Ringrazio tutti per la fiducia. Primo obiettivo favorire la ricerca in tutto il continente"

Madrid, 14 giugno 2019 - Annamaria Iagnocco è il nuovo Presidente Eletto dell'EULAR (European League Against Rheumatism). Tra due anni sarà la prima donna italiana a guidare l'associazione europea che…
14/06/19

SIMG: NASCE IL ‘CORE CURRICULUM’ DELLA MEDICINA DI FAMIGLIA
UNA VISIONE UNITARIA DELLA PROFESSIONE IN ITALIA E IN EUROPA

Il presidente Claudio Cricelli: “Il testo definisce e uniforma a livello nazionale i contenuti del corso triennale di formazione. I futuri medici devono saper utilizzare strumenti di organizzazione e diagnostica avanzata. Solo così può essere garantita la sostenibilità del sistema”

Firenze, 14 giugno 2019 – Un documento che definisce i cardini della medicina generale e su cui si deve basare la formazione triennale dei futuri professionisti. È il “Core Curriculum” della medicina…
10/06/19

Tumori: al via la collaborazione fra Bayer e Foundation Medicine per lo sviluppo di test diagnostici

La collaborazione avrà inizio con lo sviluppo di un companion test per larotrectinib, inibitore delle TRK approvato negli Stati Uniti per i pazienti affetti da tumori con fusione di TRK (tutte le tipologie di tumori solidi); larotrectinib è in fase di revisione in altri mercati di tutto il mondo. L'obiettivo è favorire l’accesso dei pazienti a test genomici completi, in linea con l'impegno di Bayer in favore della medicina di precisione

Milano, 10 giugno 2019 – Bayer e Foundation Medicine hanno annunciato una collaborazione nello sviluppo e nella commercializzazione di companion test basati sulla tecnologia Next Generation Sequencing…
07/06/19

DERMATOLOGI ITALIANI ALL’AVANGUARDIA NELLA RICERCA
‘PARTECIPIAMO A UN TEAM DI ESPERTI DI TUTTO IL MONDO CONTRO L’IDROSADENITE’

Il Prof. Marzano: “E’ una patologia della pelle finora considerata rara, ma che oggi non può più essere definita tale: sappiamo che in Italia sono almeno 2.500 i pazienti e i nuovi casi sono in aumento”

Milano, 7 giugno 2019 – Lesioni nodulari dolorose, a carico delle pieghe del corpo, quali ascelle e inguini, e della regione ano-genitale. Sono questi i segni dell’idrosadenite suppurativa, conosciuta…
07/06/19

CANCRO DEL SENO, IL 30% DELLE DONNE NON TOGLIE LA PARRUCCA A FINE CURA
I DERMATOLOGI: “VOGLIAMO TROVARE UNA SOLUZIONE”

La prof. Piraccini: “È un problema molto sentito: l’87% delle pazienti è vivo a 5 anni, ma non veder ricrescere del tutto i capelli non permette loro di ‘voltare pagina’. Secondo una ricerca americana il 4% delle donne sotto i 35 anni rifiuta i trattamenti per paura di un cambiamento del proprio aspetto"

Milano, 7 giugno 2019 – È sotto gli occhi di tutti: per questo perdere i capelli è uno tra gli effetti indesiderati più temuti di alcuni trattamenti chemioterapici, che peggiora di molto la qualità di…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522