Contenuto

3 giugno 2019

DURVALUMAB, UNICA IMMUNOTERAPIA CON SOPRAVVIVENZA GLOBALE A TRE ANNI NEL TUMORE DEL POLMONE NON A PICCOLE CELLULE IN STADIO III NON OPERABILE

In base ai dati presentati al Congresso ASCO 2019, il 57% dei pazienti è vivo dopo tre anni rispetto al 43,5% con placebo

Chicago, 3 giugno 2019 - AstraZeneca ha presentato al Congresso Annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) a Chicago i risultati di sopravvivenza globale (OS) a tre anni dallo studio di fase III PACIFIC con durvalumab nel tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC) in stadio III non operabile.

Questi ultimi risultati mostrano un beneficio duraturo e sostenuto di OS in pazienti con NSCLC in stadio III non operabile, che non è progredito dopo somministrazione concomitante di chemio-radioterapia (CRT), precedentemente considerato lo standard di cura (SoC). Il tasso di OS a tre anni è stato pari al 57% per i pazienti che hanno ricevuto durvalumab rispetto al 43,5% nel gruppo placebo, dopo concomitante CRT. La OS mediana non è stata ancora raggiunta con durvalumab rispetto a 29,1 mesi per il placebo.

Il Professor Giorgio Scagliotti, Direttore del Dipartimento di Oncologia Medica dell’Università di Torino e Presidente dell’International Association for the Study of Lung Cancer (IASLC), ha dichiarato: "Questi risultati sono estremamente incoraggianti per i pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule in stadio III, non resecabile, che da 15 anni non avevano a disposizione nessuna nuova arma terapeutica, e confermano durvalumab quale prima immunoterapia a dimostrare un beneficio significativo di sopravvivenza globale”.

Il Professor Umberto Ricardi, Direttore del Dipartimento di Oncologia della Città della Salute e della Scienza di Torino e Presidente ESTRO (European SocieTy for Radiotherapy and Oncology), ha commentato: “Durvalumab rappresenta indubbiamente un importante progresso nel trattamento di questi pazienti e supporta l’introduzione dell’immunoterapia come nuovo approccio terapeutico in grado di ottimizzare l’efficacia degli attuali standard di trattamento con chemio-radioterapia. Emerge inoltre il ruolo chiave del Team Multidisciplinare per un’adeguata selezione e per la corretta gestione dei pazienti con tumore polmonare localmente avanzato”.

“Questi risultati con durvalumab rappresentano un ulteriore esempio del nostro obiettivo di offrire benefici di sopravvivenza a lungo termine ai pazienti che ancora hanno una possibilità di cura”, ha affermato Scott Pescatore, Vice President Oncology Business Unit for AstraZeneca Italy. “Siamo ottimisti che questo trend di sopravvivenza continuerà man mano che ci muoviamo verso il termine dei cinque anni in questo setting ad intento curativo”.

I risultati si sommano all’analisi primaria di OS a due anni che è stata pubblicata sul New England Journal of Medicine a settembre 2018 e dimostrano un significativo beneficio della OS con il trattamento a base di durvalumab vs placebo dopo CRT, indipendentemente dall’espressione di PD-L1. L’analisi primaria ha indicato che durvalumab ha ridotto il rischio di morte del 32% (HR 0,68; IC 99,73%: 0,47 - 0,997; p = 0,0025).

Con un addizionale anno di follow-up, gli ultimi risultati di durvalumab hanno mostrato un’efficacia costante e duratura, mantenendo una riduzione del 31% del rischio di morte vs placebo dopo CRT (HR 0,69; IC 95%: 0,55 - 0,86).

“Prima della disponibilità di durvalumab per il trattamento dei pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule in stadio III, non operabile, i tassi di sopravvivenza a cinque anni erano limitati al 15-30%”, ha aggiunto Jhanelle Gray, MD, Direttore del dipartimento di Oncologia Toracica al Moffitt Cancer Center di Tampa in Florida e investigatore nello studio PACIFIC. “È straordinario vedere che più della metà dei pazienti trattati con il regime PACIFIC è ancora in vita dopo tre anni. Un risultato che innalza la barra per i trattamenti in questo setting a intento curativo”.

Il profilo di sicurezza e tollerabilità di durvalumab era in linea con i risultati riportati al momento della precedente analisi di OS. Tra i pazienti che hanno ricevuto durvalumab, gli eventi avversi più comuni (superiori o uguali al 20% dei pazienti) vs placebo erano tosse (35,2% vs 25,2%), fatigue (24,0% vs 20,5%), dispnea (22,3% vs 23,9%) e polmonite da radiazioni (20,2% vs 15,8%). Il 30,5% dei pazienti ha manifestato un evento avverso di grado 3 o 4 con durvalumab vs il 26,1% con placebo, e il 15,4% dei pazienti ha dovuto interrompere il trattamento per gli eventi avversi causati da durvalumab rispetto al 9,8% con placebo.


Il tumore del polmone non a piccole cellule in stadio III

Il NSCLC in stadio III (localmente avanzato) si divide comunemente in tre sottocategorie (IIIA, IIIB e IIIC), definite sulla base della diffusione locale del tumore e della possibilità di intervenire chirurgicamente. La malattia in stadio III è diversa da quella in stadio IV, nella quale il tumore si è diffuso agli organi distanti (metastasi), in quanto lo stadio III è attualmente trattato con intento curativo.

Il NSCLC in stadio III rappresenta circa un terzo dei casi di incidenza di NSCLC, e si stima abbia colpito quasi 200.000 pazienti nei Paesi più industrializzati (Cina, Francia, Germania, Italia, Giappone, Spagna, Regno Unito, Stati Uniti) nel 2015. La maggioranza dei pazienti con NSCLC in stadio III riceve diagnosi di tumore non operabile. Nessun nuovo trattamento, eccetto la chemio-radioterapia, seguita da sorveglianza attiva per monitorare la progressione, è stata resa disponibile ai pazienti per decenni.

Anteprima News

14/06/19

REUMATOLOGIA: ANNAMARIA IAGNOCCO NUOVO PRESIDENTE ELETTO DELL'EULA

Sarà la prima donna italiana a guidare la lega europea che riunisce rappresentati dei clinici e pazienti. "Ringrazio tutti per la fiducia. Primo obiettivo favorire la ricerca in tutto il continente"

Madrid, 14 giugno 2019 - Annamaria Iagnocco è il nuovo Presidente Eletto dell'EULAR (European League Against Rheumatism). Tra due anni sarà la prima donna italiana a guidare l'associazione europea che…
14/06/19

SIMG: NASCE IL ‘CORE CURRICULUM’ DELLA MEDICINA DI FAMIGLIA
UNA VISIONE UNITARIA DELLA PROFESSIONE IN ITALIA E IN EUROPA

Il presidente Claudio Cricelli: “Il testo definisce e uniforma a livello nazionale i contenuti del corso triennale di formazione. I futuri medici devono saper utilizzare strumenti di organizzazione e diagnostica avanzata. Solo così può essere garantita la sostenibilità del sistema”

Firenze, 14 giugno 2019 – Un documento che definisce i cardini della medicina generale e su cui si deve basare la formazione triennale dei futuri professionisti. È il “Core Curriculum” della medicina…
10/06/19

Tumori: al via la collaborazione fra Bayer e Foundation Medicine per lo sviluppo di test diagnostici

La collaborazione avrà inizio con lo sviluppo di un companion test per larotrectinib, inibitore delle TRK approvato negli Stati Uniti per i pazienti affetti da tumori con fusione di TRK (tutte le tipologie di tumori solidi); larotrectinib è in fase di revisione in altri mercati di tutto il mondo. L'obiettivo è favorire l’accesso dei pazienti a test genomici completi, in linea con l'impegno di Bayer in favore della medicina di precisione

Milano, 10 giugno 2019 – Bayer e Foundation Medicine hanno annunciato una collaborazione nello sviluppo e nella commercializzazione di companion test basati sulla tecnologia Next Generation Sequencing…
07/06/19

DERMATOLOGI ITALIANI ALL’AVANGUARDIA NELLA RICERCA
‘PARTECIPIAMO A UN TEAM DI ESPERTI DI TUTTO IL MONDO CONTRO L’IDROSADENITE’

Il Prof. Marzano: “E’ una patologia della pelle finora considerata rara, ma che oggi non può più essere definita tale: sappiamo che in Italia sono almeno 2.500 i pazienti e i nuovi casi sono in aumento”

Milano, 7 giugno 2019 – Lesioni nodulari dolorose, a carico delle pieghe del corpo, quali ascelle e inguini, e della regione ano-genitale. Sono questi i segni dell’idrosadenite suppurativa, conosciuta…
07/06/19

CANCRO DEL SENO, IL 30% DELLE DONNE NON TOGLIE LA PARRUCCA A FINE CURA
I DERMATOLOGI: “VOGLIAMO TROVARE UNA SOLUZIONE”

La prof. Piraccini: “È un problema molto sentito: l’87% delle pazienti è vivo a 5 anni, ma non veder ricrescere del tutto i capelli non permette loro di ‘voltare pagina’. Secondo una ricerca americana il 4% delle donne sotto i 35 anni rifiuta i trattamenti per paura di un cambiamento del proprio aspetto"

Milano, 7 giugno 2019 – È sotto gli occhi di tutti: per questo perdere i capelli è uno tra gli effetti indesiderati più temuti di alcuni trattamenti chemioterapici, che peggiora di molto la qualità di…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522