Contenuto

10 maggio 2019

TUMORI: “IL 42% DEGLI STUDI È IN ONCOLOGIA, +6% IN UN ANNO
ONCOLOGI IN PRIMA LINEA PER LA TRASPARENZA DI RICERCA E FORMAZIONE”

Stefania Gori, presidente AIOM: “È consolidato l’impegno della società scientifica per tutelare l’indipendenza del lavoro dei clinici”. Fabrizio Nicolis, presidente Fondazione AIOM: “Serve un’alleanza fra pazienti, medici, industria, università ed istituzioni per consentire l’accesso ai farmaci innovativi in tempi brevi”

Ragusa, 10 maggio 2019 – Gli oncologi italiani sono impegnati in prima linea sul fronte del conflitto di interessi. Tema sensibile, che può interessare l’attività clinica quotidiana, la formazione, la produzione di linee guida fino alle campagne di informazione e alla ricerca. Il conflitto di interessi, prima che un comportamento, rappresenta una “condizione, nella quale il giudizio professionale riguardante un interesse primario (la salute di un paziente o la veridicità dei risultati di una ricerca o l’imparzialità nella presentazione di un’informazione) tende a essere indebitamente influenzato da un interesse secondario (ad esempio un guadagno economico o un vantaggio di carriera)”. L’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), a tutela della trasparenza di ogni sua iniziativa, ha adottato un “Regolamento per dichiarazione e regolamentazione degli eventuali conflitti di interessi”, proprio per tutelare l’imparzialità di ogni sua iniziativa. E al “Conflitto di interessi” AIOM e Fondazione AIOM dedicano l’VIII edizione delle “Giornate dell’etica in oncologia”, che si apre oggi a Ragusa.
“L’alta qualità dell’oncologia italiana è in grado di attrarre investimenti da parte dell’industria e rappresenta una leva importante dello sviluppo scientifico, economico e sociale - spiega Stefania Gori, Presidente Nazionale AIOM -. Ricerca, assistenza e formazione devono essere tutelate e sostenute, grazie a un nuovo modello virtuoso basato sulla confluenza dei reciproci interessi fra pubblico e privato”.
“Un modello virtuoso di partnership pubblico-privato – sottolinea Giordano Beretta, Presidente eletto AIOM - favorisce anche l’innovazione e si traduce in un miglioramento della salute dei cittadini e della qualità di vita dei pazienti e della sostenibilità del sistema sanitario. È necessario quindi promuovere l’educazione ad un comportamento etico anche in ambito professionale, assistenziale e scientifico”.
“Attenzione particolare va posta al ‘conflitto di interessi e associazioni pazienti’ - sottolinea Fabrizio Nicolis, Presidente Fondazione AIOM -. La mancanza di conoscenza e di informazioni specifiche, ad esempio, può far sì che le associazioni di pazienti oncologici diventino veicolo di interesse non dei pazienti ma di altri soggetti ad esse collegati. È importante quindi che i pazienti siano sempre più ‘informati’ e ‘formati’: è questo uno degli obiettivi prioritari di Fondazione AIOM. È fondamentale inoltre che le singole associazioni abbiano sempre maggior percezione dei possibili fattori di rischio correlati alle interazioni con i diversi attori con i quali devono interagire: industrie del farmaco o di tecnologie biomedicali e medici specialisti, ad esempio”.
In Italia sta aumentando il numero degli studi clinici in oncologia: nel 2017 sono stati 238 (42,2% del totale), nel 2016 erano 235 (35,6%). Rispetto al totale delle sperimentazioni l’incremento in un anno è stato del 6%. Non solo. Nel 2017, i lavori scientifici italiani in ambito oncologico pubblicati su riviste mediche indexate sono stati oggetto di 3.009 citazioni da parte di altri autori, ponendo il nostro Paese al primo posto in Europa in questa classifica, davanti a Germania (3.008), Regno Unito (2.656), Francia (2.471) e Olanda (1.457), tutte nazioni con solidissime tradizioni di eccellenza nella ricerca biomedica.
“Il dato diventa ancora più importante se si pensa che il nostro Paese investe solo l’1,3% in ricerca e sviluppo, collocandosi al dodicesimo posto tra i 28 dell’Unione Europea - afferma Roberto Bordonaro- Segretario Nazionale AIOM-. È quindi importante che esista una attenzione particolare sul conflitto di interessi tra sperimentatori e aziende del farmaco”.
L’interesse primario di una società scientifica come AIOM è la tutela della salute pubblica, attraverso redazione di Linee Guida e raccomandazioni, pubblicazioni su riviste scientifiche, eventi formativi per i professionisti, sostegno alla ricerca. “Proprio l’elaborazione di Linee Guida, uno degli obiettivi prioritari di AIOM, necessita di una particolare attenzione al conflitto di interesse - afferma Saverio Cinieri, Tesoriere Nazionale AIOM -. E l’associazione garantisce l’indipendenza nella stesura di Linee Guida grazie a Regole comportamentali che da molti anni segue”.
L’oncologia è l’area terapeutica in cui si concentrano i maggiori investimenti. Tutte le terapie antitumorali (chemioterapia, ormonoterapia, terapie a bersaglio molecolare, immunoterapia) utilizzate oggi per la cura dei tumori sono infatti il risultato di ricerche e studi precedenti. Ma anche i progressi tecnologici in ambito diagnostico (radiologia, anatomia-patologica, biologia molecolare) e terapeutico (chirurgia e radioterapia) sono il risultato della ricerca.
“Ed è grazie alla ricerca di laboratorio e clinica che abbiamo ottenuto quei progressi che si sono tradotti nell’aumento della sopravvivenza dei malati e nel continuo incremento del numero delle persone vive dopo una diagnosi di cancro, quasi 3 milioni e quattrocentomila in Italia – conclude il presidente Gori -. Il supporto economico da parte dell’industria, che rappresenta una fonte di finanziamento per queste attività, non ne compromette l’indipendenza, purché sia delimitato e trasparente. È fondamentale che esistano delle regole precise che governino il conflitto di interessi: proprio per questo il convegno di Ragusa si concluderà con le ‘Regole di trasparenza’ in oncologia”.

Anteprima News

17/05/19

MALATTIE CRONICHE, 350MILA LOMBARDI GIA’ ASSISTITI DAL MEDICO DI FAMIGLIA
LA SIMG: “L’OBIETTIVO LA PRESA IN CARICO DI TUTTI I PAZIENTI ENTRO 5 ANNI”

Il dott. Aurelio Sessa: “Le cure primarie sono il “luogo ideale” dove curare patologie sempre più diffuse. Siamo i professionisti che meglio conosciamo il malato, le sue condizioni e il contesto in cui vive”

Varese, 17 maggio 2019 – Tutti i pazienti cronici lombardi devono essere presi in carico e assistiti da un medico di medicina generale che può diventare così il “regista” della loro assistenza.…
16/05/19

FONDAZIONE POLIAMBULANZA PREMIATA DAL POLITECNICO DI MILANO

Riconosciuti i risultati del progetto “Le Tecnologie ‘mobile’ nella gestione clinica ospedaliera” avviato nel 2012. Alessandro Triboldi: “Così riusciamo a garantire una maggiore qualità e sicurezza per i nostri pazienti”

Brescia, 16 maggio 2019 – Nuovo riconoscimento del Politecnico di Milano a Fondazione Poliambulanza per il suo impegno nell’informatizzazione dei percorsi clinici. L’istituto bresciano ha vinto il…
15/05/19

A RENDE ARRIVA LA CAMPAGNA NAZIONALE #REUMADAYS
AL CENTRO COMMERCIALE METROPOLIS UN INFO-POINT SU MALATTIE REUMATICHE

Il 20 e 21 maggio gli specialisti Reumatologi della SIR incontrano i cittadini per insegnare come giocare d'anticipo contro disturbi gravi ed invalidanti
che colpiscono 5 milioni di italiani. È prevista la diffusione di opuscoli e di altro materiale informativo. Sarà possibile effettuare dimostrazioni pratiche di alcuni esami

Rende (CS), 15 maggio 2019 - Pericolose e potenzialmente invalidanti, subdole e molto diffuse ma ancora troppo spesso sottovalutate. Sono le malattie reumatiche, oltre 150 diverse patologie che…
13/05/19

TUMORI: CENA DI BENEFICENZA DI “INSIEME CONTRO IL CANCRO”
IL PROF. COGNETTI: “RACCOGLIAMO FONDI PER PREVENZIONE E RICERCA”

Il presidente della Fondazione: “Ogni anno 150mila nuove diagnosi potrebbero essere evitate seguendo uno stile di vita sano”

Roma, 13 maggio 2019 – Nel nostro Paese ogni anno circa 150mila nuovi casi di tumore potrebbero essere evitati seguendo stili di vita sani (no al fumo, attività fisica costante e dieta corretta) e…
13/05/19

LA FIMP: “BENE IL DDL PER LA PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI SCOLASTICI
PRONTI A FORMARE GLI INSEGANTI SUL SOFFOCAMENTO DA CORPO ESTRANEO”

Il dott. Mattia Doria: “Piccoli oggetti o pezzi di cibo possono ostruire le vie respiratorie. Bastano solo 4 minuti per arrivare alla morte cerebrale. Ci auguriamo che la legge venga approvata al più presto”

Roma, 13 maggio 2019 - “Siamo soddisfatti del nuovo Disegno di Legge per la prevenzione e il controllo degli incidenti in ambito scolastico. In particolare guardiamo con grande interesse e attenzione…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522