Siete qui:

Contenuto

29 ottobre 2018

TUMORE DELLA PROSTATA: DAROLUTAMIDE È RISULTATA EFFICACE IN UNO STUDIO NEI PAZIENTI NON METASTATICI RESISTENTI ALLA CASTRAZIONE

• La nuova molecola ha aumentato significativamente la sopravvivenza libera da metastasi. Sicurezza e tollerabilità sono state osservate nello studio di fase III ARAMIS

Milano, 29 ottobre 2018 – Una nuova molecola non steroidea, darolutamide, ha aumentato significativamente la sopravvivenza libera da metastasi (MFS) rispetto al placebo in pazienti affetti da tumore della prostata resistente alla castrazione non metastatico (nmCRPC). Lo dimostra lo studio di Fase III ARAMIS (Androgen Receptor inhibiting Agent for MetastatIc-free Survival), che ha raggiunto il suo obiettivo primario.
Il profilo di sicurezza e tollerabilità di darolutamide osservate nello studio ARAMIS sono coerenti con i dati precedentemente pubblicati.
Darolutamide è un farmaco sperimentale, antagonista orale del recettore per gli androgeni (AR), sviluppato insieme da Bayer e Orion Corporation, un’azienda farmaceutica finlandese presente nel mercato mondiale. Nel 2018 in Italia sono stimati 35.300 nuovi casi di tumore della prostata.
“Nonostante i recenti progressi nel nmCRPC, rimane un importante bisogno insoddisfatto di ulteriori opzioni terapeutiche in grado di ritardare lo sviluppo di metastasi, con un profilo di sicurezza maneggevole”, ha detto il dr. Scott Fields, vice presidente senior e responsabile dello Sviluppo Oncology della divisione Pharmaceuticals di Bayer. “Siamo soddisfatti dei risultati dello studio ARAMIS i cui dati saranno presentati in uno dei prossimi congressi scientifici”.
Bayer ha programmato di discutere i dati dello studio ARAMIS con le autorità regolatorie per la sottomissione della richiesta per l’autorizzazione al commercio. A Bayer è stata concessa la designazione “Fast Track” dalla Food and Drug Administration (FDA) per la darolutamide in uomini affetti da nmCRPC.

Lo studio ARAMIS
Lo studio ARAMIS è uno studio randomizzato di Fase III, multicentrico, in doppio cieco, controllato verso placebo, che ha valutato la sicurezza e l’efficacia di darolutamide orale in pazienti affetti da nmCRPC, in trattamento con terapia di deprivazione androgenica (ADT) quale standard di cura, che sono a rischio di sviluppare malattia metastatica. Oltre 1500 pazienti sono stati randomizzati con un random 2:1 a ricevere 600 mg di darolutamide due volte al giorno oppure placebo.
L’obiettivo primario dello studio è la sopravvivenza libera da metastasi (MFS) definita come il tempo tra la randomizzazione e l’evidenza di metastasi o la morte per qualsiasi causa. Gli obiettivi secondari dello studio sono la sopravvivenza globale (OS), il tempo al primo evento scheletrico sintomatico (SSE), il tempo all’inizio del primo trattamento chemioterapico citotossico, il tempo alla progressione del dolore e la valutazione del profilo di sicurezza e tollerabilità di darolutamide.

Il tumore della prostata resistente alla castrazione (CRPC)
Il tumore alla prostata è la seconda neoplasia per incidenza nel mondo nella popolazione maschile. Nel 2018, è stimato che 1.2 milioni di uomini riceveranno una diagnosi di questo tipo di tumore e circa 358.000 moriranno per tale patologia nel mondo, rappresentando così la quinta causa di morte per cancro negli uomini.
Il tumore della prostata è determinato dalla proliferazione anomala di cellule all’interno della ghiandola prostatica, che fa parte del sistema riproduttivo maschile. Colpisce principalmente uomini oltre i 50 anni d’età e il rischio aumenta con l’età.
Le opzioni terapeutiche vanno dalla chirurgia al trattamento radioterapico, alla terapia che utilizza gli antagonisti dei recettori ormonali, sostanze che bloccano la formazione di testosterone o prevengono il suo effetto nella sede del suo bersaglio. In quasi tutti i casi, il tumore sviluppa resistenza ai trattamenti ormonali convenzionali.
Il CRPC rappresenta una fase avanzata della malattia che si sviluppa quando il tumore progredisce nonostante il testosterone totale misurabile nel sangue sia ridotto a livelli molto bassi. Lo scenario delle opzioni di trattamento per i pazienti resistenti alla castrazione sta evolvendo rapidamente, ma fino a poco tempo fa non vi erano opzioni terapeutiche efficaci per i pazienti con CRPC che presentavano rialzo del PSA (Antigene prostatico specifico) durante il trattamento con ADT, senza metastasi rilevabili.
Negli uomini con nmCRPC in progressione, un breve tempo di raddoppiamento del PSA si associa a una riduzione del tempo alla prima metastasi e alla morte.

Darolutamide
Darolutamide è un antagonista non steroideo del recettore per gli androgeni, con una specifica struttura chimica che lega il recettore con alta affinità ed è caratterizzata da una potente attività antagonista, inibendo così la funzione del recettore e la crescita delle cellule neoplastiche.
Darolutamide ha dimostrato un’attività promettente negli studi di fase 1/2 in pazienti affetti da mCRPC. Attualmente, è in corso uno studio di Fase III nel tumore della prostata metastatico ormono-sensibile (ARASENS). Informazioni su questo studio sono disponibili su www.clinicaltrials.gov.
Darolutamide non è approvato da FDA US, dall’agenzia europea del farmaco EMA, nè da altre autorità regolatorie.

Anteprima News

16/01/19

RINNOVO ACCORDI COLLETTIVI NAZIONALI DELLA MEDICINA CONVENZIONATA
FIMP- SUMAI ASSOPROF- FIMMG: “ESPRIMIAMO CAUTO OTTIMISMO”

Oggi l’incontro tra Paolo Biasci, Antonio Magi, Silvestro Scotti e il presidente del Comitato di Settore Sergio Venturi

Roma, 16 gennaio 2019 – E’ un “cauto ottimismo” quello che segue l’incontro di stamane tra i rappresentanti della medicina convenzionata e Sergio Venturi, presidente del Comitato di Settore.…
15/01/19


LA COMMISSIONE EUROPEA APPROVA L’ESTENSIONE DI INDICAZIONE DI NIVOLUMAB IN ASSOCIAZIONE A UN BASSO DOSAGGIO DI IPILIMUMAB PER IL TRATTAMENTO IN PRIMA LINEA DI PAZIENTI CON CARCINOMA A CELLULE RENALI AVANZATO A RISCHIO INTERMEDIO E SFAVOREVOLE

È il primo regime di combinazione immuno-oncologica a ricevere l’approvazione europea per pazienti non precedentemente trattati con carcinoma a cellule renali avanzato

L’approvazione si basa sui risultati dello studio di fase 3 CheckMate -214

(PRINCETON, NJ, 15 gennaio 2019) - Bristol-Myers Squibb ha annunciato oggi che la Commissione Europea ha approvato l’associazione di nivolumab (3 mg/kg) con un “basso dosaggio” di ipilimumab (1 mg/kg)…
08/01/19

I PEDIATRI FIMP: “BUON LAVORO AL NUOVO COMMISSARIO ISS”

Roma, 8 gennaio 2019 - “Accogliamo con soddisfazione la nomina del prof. Silvio Brusaferro a Commissario dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS)”. E’ quanto afferma il dott. Paolo Biasci, presidente…
21/12/18

“THE PATIENT DREAM. SOGNARE DI STAR BENE”
UN PROGETTO DI REALTÀ VIRTUALE AL SERVIZIO DELLE DONNE IN TRATTAMENTO CHEMIOTERAPICO

La sperimentazione al via nel 2019 all’Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena” IFO di Roma

Roma, 21 dicembre 2018 – Con 52.800 nuovi casi, il tumore della mammella è diventato il più frequente in Italia nel 2018. Rappresenta il 29% delle neoplasie femminili, ma grazie all’efficacia dei…
20/12/18

FIMP: “GRAZIE AL PROF. WALTER RICCIARDI PER IL LAVORO SVOLTO”

Il dott. Paolo Biasci: “Siamo pronti a collaborare nuovamente con i rinnovati vertici istituzionali dell’Istituto Superiore di Sanità”

Roma, 20 dicembre 2018 – “La Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) ringrazia il prof. Walter Ricciardi per la determinazione con la quale ha guidato in questi ultimi anni l’Istituto Superiore di…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it