giovedì, 15 novembre 2018

Contenuto

30 luglio 2018

Melanoma: parere positivo del CHMP per encorafenib + binimetinib in pazienti adulti con melanoma avanzato con mutazione BRAF

Milano, 30 luglio 2018 – L’associazione di encorafenib e binimetinib è stata recentemente approvata dalla Food and Drug Administration americana per i pazienti con melanoma inoperabile o metastatico con mutazione BRAFV600E o BRAFV600K

Pierre Fabre annuncia che il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) ha emesso parere positivo raccomandando l’approvazione dell’associazione di encorafenib e binimetinib per il trattamento di pazienti adulti con melanoma inoperabile o metastatico con mutazione BRAFV600. Il parere si basa sui risultati dello studio di fase III COLUMBUS.1 La raccomandazione del CHMP sarà ora analizzata dalla Commissione Europea (EC), che ha l’autorità di approvare i medicinali nell’ambito dell’Unione Europea. La decisione sarà valida per i 28 Stati membri dell’Unione Europea, per Liechtenstein, Islanda e Norvegia.

“Siamo lieti di aver fatto un passo in avanti nel rendere disponibile l’associazione di encorafenib e binimetinib per i pazienti con melanoma avanzato con mutazione BRAF in Europa” ha affermato Frédéric Duchesne, Presidente e CEO della Divisione Farmaceutica di Pierre Fabre “Se la Commissione Europea approverà encorafenib e binimetinib, questa associazione rappresenterà una nuova opzione di trattamento per i pazienti che attualmente hanno una prognosi difficile”.

Il parere positivo del CHMP si basa sui risultati dello studio di fase III COLUMBUS che ha dimostrato che l’associazione ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione (PFS) mediana rispetto a vemurafenib in monoterapia (rispettivamente 14,9 mesi vs 7,3 mesi: hazard ratio [HR] 0,54; IC 95%: 0,41–0,71; p<0,0001). Presentato a giugno all’ASCO 2018, il trattamento con encorafenib e binimetinib ha raggiunto una sopravvivenza globale (OS) mediana di 33,6 mesi, rispetto ai 16,9 mesi nei pazienti trattati con vemurafenib in monoterapia (HR 0,61, IC 95%: 0,47–0,79; p<0,0001) nell’analisi pianificata di OS prevista nello studio COLUMBUS. Eventi avversi, che hanno portato a sospensione del trattamento per sospetta correlazione al trattamento in studio, si sono verificati nel 6% dei pazienti. Gli eventi avversi più comuni di Grado 3-4, osservati in più del 5% dei pazienti, sono stati: aumento di gamma-glutamiltransferasi (9%), aumento di creatin-fosfochinasi (7%) e ipertensione (6%).

Importanti informazioni di sicurezza e raccomandazioni per l’uso di encorafenib e binimetinib saranno fornite nel riassunto delle caratteristiche del prodotto (SmPC), che sarà pubblicato nell’EPAR (European Public Assessment Report) e sarà reso disponibile in tutte le lingue ufficiali dell’Unione Europea, se l’associazione riceverà l’autorizzazione all’immissione in commercio dalla Commissione Europea.

Il 27 giugno 2018, Array BioPharma, partner di Pierre Fabre, che detiene i diritti esclusivi per questi farmaci negli Stati Uniti, ha annunciato che encorafenib e binimetinib sono stati approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) negli Stati Uniti per il trattamento del melanoma inoperabile o metastatico con mutazione BRAFV600E o BRAFV600K, determinate con test approvato da FDA.3,4 Encorafenib non è indicato per il trattamento dei pazienti con melanoma BRAF wild-type. Encorafenib e binimetinib sono medicinali in fase di sperimentazione e al momento non sono approvati in nessun altro paese al di fuori degli Stati Uniti. Le richieste di autorizzazione all’immissione in commercio di encorafenib e binimetinib in altri paesi sono attualmente oggetto di revisione.

Melanoma metastatico con mutazione BRAF
Il melanoma si sviluppa quando un danno non riparato del DNA nelle cellule cutanee provoca mutazioni che possono portare alla proliferazione e formazione di tumori maligni. Il melanoma metastatico è il tipo di tumore della pelle più grave e potenzialmente letale ed è associato a tassi di sopravvivenza bassi. Esiste una varietà di mutazioni genetiche che possono portare al melanoma metastatico. La mutazione genetica più comune nel melanoma metastatico è BRAF. Nel mondo ogni anno vengono diagnosticati circa 200.000 nuovi casi di melanoma, la metà dei quali circa presenta mutazione BRAF, un bersaglio chiave nel trattamento del melanoma metastatico.

Encorafenib e binimetinib
Encorafenib è una piccola molecola per uso orale, inibitore della chinasi BRAF, e binimetinib è una piccola molecola per uso orale MEK inibitore che colpisce enzimi chiave nella via del segnale MAPK (RAS-RAF-MEK-ERK). L’attivazione non appropriata delle proteine di questa via è stata dimostrata in molti tumori tra cui il melanoma, il tumore del colon-retto, del polmone non a piccole cellule, della tiroide e altri.

Pierre Fabre detiene i diritti esclusivi per lo sviluppo e la commercializzazione di encorafenib e binimetinib a livello mondiale, esclusi Stati Uniti e Canada dove Array BioPharma ne possiede l’esclusiva; Israele dove i diritti esclusivi sono di Medison; Giappone e Corea del Sud dove Ono Pharmaceutical detiene i diritti esclusivi per la commercializzazione di entrambi i prodotti.

Lo studio COLUMBUS
Lo studio COLUMBUS (NCT01909453) è uno studio di fase III, in due parti, internazionale, randomizzato, in aperto che ha valutato l’efficacia e la sicurezza di encorafenib in associazione con binimetinib rispetto alla monoterapia con vemurafenib ed encorafenib in 921 pazienti con melanoma localmente avanzato inoperabile o metastatico con mutazione BRAFV600. Tutte le analisi secondarie di efficacia, compresa OS, sono di natura descrittiva. Più di 200 centri in Nord America, Europa, Sud America, Africa, Asia e Australia hanno partecipato allo studio COLUMBUS.

Il parere positivo del CHMP si basa sui risultati dello studio COLUMBUS di fase 3 che ha dimostrato che l’associazione ha migliorato la PFS mediana rispetto a vemurafenib in monoterapia (rispettivamente 14,9 mesi vs 7,3 mesi: HR 0,54, IC 95%: 0,41–0,71; p<0,0001). Presentato a giugno all’ASCO 2018, il trattamento con encorafenib e binimetinib ha raggiunto una OS mediana di 33,6 mesi rispetto a 16,9 mesi nei pazienti trattati con vemurafenib in monoterapia (HR 0,61, IC 95%: 0,47–0,79; p<0,0001) nell’analisi pianificata di OS prevista nello studio COLUMBUS. Eventi avversi, che hanno portato alla sospensione del trattamento per sospetta correlazione al trattamento in studio, si sono verificati nel 6% dei pazienti. Gli eventi avversi più comuni di Grado 3-4, osservati in più del 5% dei pazienti, sono stati: aumento di gamma-glutamiltransferasi (9%), aumento di creatin-fosfochinasi (7%) e ipertensione (6%).

PIERRE FABRE
Con un portfolio che rappresenta un continuum di attività che vanno dalla prescrizione dei farmaci e prodotti per la salute ai dermo-cosmetici, Pierre Fabre è il secondo più grande laboratorio dermo-cosmetico al mondo, il secondo maggior gruppo farmaceutico privato francese e il leader del mercato in Francia nella vendita dei prodotti da banco in farmacia. Il portfolio dell’azienda include numerosi marchi mondiali e in franchising che comprendono Eau Thermale Avène, Klorane, Ducray, René Furterer, A-Derma, Galénic, Elancyl, Naturactive, Pierre Fabre Health Care, Pierre Fabre Oral Care, Pierre Fabre Dermatologie e Pierre Fabre Oncologie.

Nel 2017, Pierre Fabre ha generato 2.318 milioni di euro di ricavi, di cui il 62% derivanti dal business internazionale e il 61% dalla divisione dermo-cosmetica. Pierre Fabre, che ha sempre avuto la sede principale nel sud-ovest della Francia, conta più di 13.500 dipendenti nel mondo, possiede filiali e uffici in 47 paesi e gode di accordi di distribuzione in più di 130 paesi. Nel 2017, Pierre Fabre ha stanziato circa 175 milioni di euro in R&D, ripartiti tra oncologia, sistema nervoso centrale, benessere, dermatologia e dermo-cosmetica.
Pierre Fabre è detenuta per l’86% dalla Fondazione Pierre Fabre, una fondazione di pubblico interesse riconosciuta a livello governativo e secondariamente dai suoi stessi impiegati attraverso un piano di partecipazione azionaria dei dipendenti.
Il gruppo indipendente francese di certificazione AFNOR ha certificato la polizza di responsabilità sociale del gruppo Pierre Fabre che è ritenuta di “livello esemplare” in accordo con gli standard ISO 26000 per la responsabilità sociale delle imprese (CSR).

Anteprima News

15/11/18

MELANOMA: “A MILANO IL GOLF SOSTIENE LA PREVENZIONE
CONTROLLIAMO I NEI DI TUTTI I CITTADINI PER SCONFIGGERE IL TUMORE”

Il prof. Paolo Ascierto, Presidente della Fondazione Melanoma: “L’attività fisica può diventare uno strumento per trasmettere messaggi sugli stili di vita corretti. Quando questa neoplasia della pelle è individuata in fase iniziale le possibilità di guarigione superano il 90%”

Milano, 15 novembre 2018 - Sport e prevenzione diventano un binomio vincente nella lotta contro il melanoma, un tumore della pelle molto aggressivo. Domenica 18 novembre a Milano, durante la tappa…
12/11/18

EMILIA ROMAGNA: OGNI ANNO 15.450 CASI DI CANCRO NEGLI OVER 65
GLI ONCOLOGI: “SERVE PIU’ COORDINAMENTO TRA OSPEDALE E TERRITORIO”

Il prof. Stefano Cascinu: “Attraverso un rapporto più strutturato con famigliari, medici di famiglia e strutture residenziali possiamo garantire un’assistenza migliore a questi pazienti”

Modena, 12 novembre 2018 – Il cancro è una malattia sempre più della terza età. Ogni anno solo in Emilia Romagna sono 15.450 i nuovi casi di cancro (oltre il 50% del totale) che riguardano gli over…
08/11/18

IN FONDAZIONE POLIAMBULANZA ARRIVA ENDOFASTER,
NUOVO SISTEMA PER VALUTARE LA SALUTE DELLO STOMACO

Il dott. Spada “Con questa metodica verranno eseguite biopsie solo ai pazienti che ne hanno reale necessità e saremo in grado di diagnosticare l’infezione da Helicobacter Pylori immediatamente durante la gastroscopia”

Brescia, 8 novembre 2018 – Si chiama Endofaster ed è una tecnica innovativa frutto della ricerca italiana che permette di effettuare una valutazione istantanea del succo gastrico durante la…
30/10/18

ANMAR: “NO AI RISPARMI IMPOSTI A SCAPITO DELLA SALUTE”

Silvia Tonolo (presidente dell’Associazione): “La decisione del Piemonte rischia di ridurre la libertà prescrittiva del medico. La scelta del farmaco va sempre svolta in accordo con il malato e non può essere dettata solo da questioni di budget. Ci appelliamo alla Costituzione”

Roma, 30 ottobre 2018 – “No alla sostituzione forzata delle terapie a tutti i pazienti in trattamento per alcune gravi malattie reumatologiche. Al medico va garantita la libertà prescrittiva che deve…
30/10/18

MELANOMA: OGNI ANNO IN EMILIA ROMAGNA OLTRE 1.000 NUOVI CASI

La prof.ssa Paola Queirolo, responsabile scientifico di ‘Mela Talk’: “E’ giunto il momento di dare voce ai pazienti alle prese un tumore ancora grave, per il 20% dei malati, ma che si può sconfiggere”

Meldola (FC), 30 ottobre 2018 – Sempre più italiani sono colpiti dal melanoma, uno dei più temuti tumori della pelle. E questo avviene anche in Emilia Romagna dove per il 2018 sono attesi 1.300 nuovi…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it