giovedì, 15 novembre 2018

Siete qui:

Contenuto

27 luglio 2018

VACCINI: FIMP E FIMMG, “I MEDICI DEL TERRITORIO PRINCIPALE RIFERIMENTO PER LE FAMIGLIE”

La leadership dei pediatri e medici di famiglia: “Abbiamo un rapporto diretto e di fiducia con tutti i cittadini, oltre che governance e educazione della popolazione, possiamo eseguire direttamente le vaccinazioni”

Roma, 27 luglio 2018 – “La legge sull'obbligo vaccinale ha indubbiamente contribuito al raggiungimento dei risultati in termini di aumento delle coperture vaccinali nell’ultimo anno e prima di prevederne una modifica è necessario verificare con esattezza i livelli effettivi delle coperture nel nostro Paese, sia attuali che come mantenimento in proiezione futura. Serve quindi che in tutte le regioni sia attivata una anagrafe vaccinale informatizzata che permetta di verificare in tempo reale l'andamento vaccinale al fine di tenere sotto controllo la situazione e porre in atto gli interventi necessari. Modificare la legge senza che si siano realizzati questi minimi obiettivi organizzativi per il controllo del sistema potrebbe essere inopportuno per continuare a garantire un livello adeguato di protezione per bambini, adolescenti ed adulti”. E’ quanto dichiarano Paolo Biasci e Silvestro Scotti, rispettivamente presidente nazionale FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri) e segretario nazionale FIMMG (Federazione Italiana Medici Di Medicina Generale).

E' necessario migliorare l'offerta vaccinale ed investire in termini di maggiore informazione, facilità di accesso alla vaccinazione, eliminazione delle liste di attesa, andando incontro alle esigenze delle famiglie, soprattutto se le prospettive sono quelle di una modifica legislativa. Per poter raggiungere e mantenere adeguati livelli in termini di copertura vaccinale e quindi di sicurezza di salute sarà indispensabile l'inserimento della vaccinazione nel contesto fiduciario che lega i Pediatri e i Medici di famiglia con i cittadini italiani di ogni fascia d’età. Il sistema vaccinale italiano ha bisogno di essere modernizzato ed adeguato a nuove esigenze che tengano conto degli obiettivi di salute pubblica ma anche delle necessità sociali ed assistenziali delle famiglie e dei loro figli.

“I vaccini sono un ottimo strumento di prevenzione e anche l’arma migliore a nostra disposizione contro molte gravi malattie - proseguono Biasci e Scotti -. Noi possiamo educare e mettere in guardia le famiglie e le categorie di persone più esposte ai rischi di contagio come bambini e anziani. Inoltre per migliorare il sistema vaccinale attuale, i livelli di copertura, e quindi aumentare la sicurezza di tutti, siamo sempre disponibili a dare il nostro contributo nell’esecuzione delle vaccinazioni, come già avviene in alcune Regioni e per alcune campagne vaccinali stagionali con buoni risultati e soprattutto con alto gradimento delle famiglie.

“Infine, ed anche in questa ottica, accogliamo con soddisfazione le dichiarazioni del Ministro Giulia Grillo a favore della necessità di aumentare i finanziamenti pubblici al Sistema Sanitario Nazionale - concludono il presidente FIMP e il segretario FIMMG - e di valorizzare la Pediatria di Famiglia e la Medicina Generale nel loro ruolo di insostituibile riferimento assistenziale e sociale nei confronti delle famiglie. Auspichiamo che dalle parole si passi quanto prima ai fatti. Rimaniamo quindi in attesa di nuovi provvedimenti che vadano in questa direzione”.

Anteprima News

15/11/18

MELANOMA: “A MILANO IL GOLF SOSTIENE LA PREVENZIONE
CONTROLLIAMO I NEI DI TUTTI I CITTADINI PER SCONFIGGERE IL TUMORE”

Il prof. Paolo Ascierto, Presidente della Fondazione Melanoma: “L’attività fisica può diventare uno strumento per trasmettere messaggi sugli stili di vita corretti. Quando questa neoplasia della pelle è individuata in fase iniziale le possibilità di guarigione superano il 90%”

Milano, 15 novembre 2018 - Sport e prevenzione diventano un binomio vincente nella lotta contro il melanoma, un tumore della pelle molto aggressivo. Domenica 18 novembre a Milano, durante la tappa…
12/11/18

EMILIA ROMAGNA: OGNI ANNO 15.450 CASI DI CANCRO NEGLI OVER 65
GLI ONCOLOGI: “SERVE PIU’ COORDINAMENTO TRA OSPEDALE E TERRITORIO”

Il prof. Stefano Cascinu: “Attraverso un rapporto più strutturato con famigliari, medici di famiglia e strutture residenziali possiamo garantire un’assistenza migliore a questi pazienti”

Modena, 12 novembre 2018 – Il cancro è una malattia sempre più della terza età. Ogni anno solo in Emilia Romagna sono 15.450 i nuovi casi di cancro (oltre il 50% del totale) che riguardano gli over…
08/11/18

IN FONDAZIONE POLIAMBULANZA ARRIVA ENDOFASTER,
NUOVO SISTEMA PER VALUTARE LA SALUTE DELLO STOMACO

Il dott. Spada “Con questa metodica verranno eseguite biopsie solo ai pazienti che ne hanno reale necessità e saremo in grado di diagnosticare l’infezione da Helicobacter Pylori immediatamente durante la gastroscopia”

Brescia, 8 novembre 2018 – Si chiama Endofaster ed è una tecnica innovativa frutto della ricerca italiana che permette di effettuare una valutazione istantanea del succo gastrico durante la…
30/10/18

ANMAR: “NO AI RISPARMI IMPOSTI A SCAPITO DELLA SALUTE”

Silvia Tonolo (presidente dell’Associazione): “La decisione del Piemonte rischia di ridurre la libertà prescrittiva del medico. La scelta del farmaco va sempre svolta in accordo con il malato e non può essere dettata solo da questioni di budget. Ci appelliamo alla Costituzione”

Roma, 30 ottobre 2018 – “No alla sostituzione forzata delle terapie a tutti i pazienti in trattamento per alcune gravi malattie reumatologiche. Al medico va garantita la libertà prescrittiva che deve…
30/10/18

MELANOMA: OGNI ANNO IN EMILIA ROMAGNA OLTRE 1.000 NUOVI CASI

La prof.ssa Paola Queirolo, responsabile scientifico di ‘Mela Talk’: “E’ giunto il momento di dare voce ai pazienti alle prese un tumore ancora grave, per il 20% dei malati, ma che si può sconfiggere”

Meldola (FC), 30 ottobre 2018 – Sempre più italiani sono colpiti dal melanoma, uno dei più temuti tumori della pelle. E questo avviene anche in Emilia Romagna dove per il 2018 sono attesi 1.300 nuovi…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it