giovedì, 15 novembre 2018

Contenuto

17 luglio 2018

FONDAZIONE POLIAMBULANZA ECCELLENZA NELLA CARDIOCHIRURGIA
+775% D'INTERVENTI SU PAZIENTI ULTRAOTTANTENNI NEGLI ULTIMI 20 ANNI

Brescia, 17 luglio 2018 - Il dott. Giovanni Troise del centro ospedaliero bresciano: "Attraverso l'utilizzo di nuove tecniche d'avanguardia sempre meno invasive possiamo riparare o sostituire le valvole anche nei pazienti molto anziani e a rischio elevato"

E' aumentato di 9 volte il numero di pazienti cardiopatici con più di 80 anni che si rivolge a Fondazione Poliambulanza per interventi chirurgici alle valvole cardiache. Nell'Istituto Ospedaliero bresciano oltre il 20% dei pazienti operati al cuore è costituito da ultraottantenni: erano solo il 2% del 1997 (+775%). L'incremento è reso possibile dall'assoluto livello di eccellenza del dipartimento cardiovascolare della struttura sanitaria. A conferma della qualità dell'assistenza ci sono i dati ufficiali Agenas: l'ente di monitoraggio del servizio sanitario nazionale. Gli interventi di plastica riparativa o di sostituzione di valvole cardiache hanno, in Poliambulanza, un rischio di mortalità a 30 giorni dello 0,3%, contro il 2,7% a livello nazionale. E' quanto annunciano con orgoglio gli specialisti di Poliambulanza, ospedale divenuto punto di riferimento nazionale per i pazienti oltre i 65 anni che in Italia, nel 10% dei casi, presenta malattia della valvola aortica o mitralica.

"La nostra cardiochirurgia è sicuramente tra le migliori - osserva il dott. Giovanni Troise, Direttore dell'Unità Operativa di Cardiochirurgia di Fondazione Poliambulanza -. Riusciamo, infatti, a garantire a tutti i pazienti l'uso di tecniche d'avanguardia che consentono di operare in massima sicurezza anche gli ultraottantenni. I tempi di recupero post-intervento sono ridotti e le percentuali di successo delle operazioni in costante aumento. Il segreto del successo è nell'impiego sempre più diffuso delle nuove tecnologie e nella capacità di lavorare in team." Proprio con questa finalità, il prof. Troise è stato promotore della costituzione del GTTV (Gruppo di lavoro per il Trattamento Transcatetere delle Valvulopatie), un "heart team" costituito da vari professionisti (cardiologi, cardiochirurghi, cardiorianimatori) che settimanalmente si riuniscono per discutere i casi di pazienti più complessi, per età e patologie associate, identificando la strategia terapeutica più idonea. La chirurgia delle valvole aortica e mitralica può essere effettuata con modalità operatorie convenzionali, ma con approcci meno invasivi (incisione di 6-7 centimetri invece dei 20 canonici della chirurgia tradizionale). Vengono in aiuto a questo scopo, nuove tecnologie come ad esempio le protesi aortiche "sutureless" (senza suture), che permettono una riduzione significativa dei tempi operatori. "In presenza di rischi operatori più elevati pratichiamo procedure alternative alla chirurgia convenzionale - aggiunge il prof. Giovanni Troise -. Per la stenosi aortica dell'anziano esiste la TAVI (Transcatheter Aortic Valve Implantation), con cui è possibile impiantare una protesi aortica biologica accedendo da un'arteria periferica (anche a paziente sveglio) o da un piccolo taglio laterale del torace. Per l'insufficienza mitralica, abbiamo a disposizione procedure come la "Mitraclip" (correzione con approccio dalla regione inquinale) o le "Neochord" (impianto di corde artificiali di goretex dall'apice cardiaco, a cuore battente). Bisogna precisare che, quando fattibile, la chirurgia convenzionale è quella che garantisce ancora oggi i migliori risultati ma, a beneficiare di queste nuove tecniche meno mininvasive, sono proprio quei pazienti che, per età avanzata e condizioni generali molto compromesse, presentano un profilo di rischio chirurgico particolarmente elevato. Il caso più eclatante è quello di un paziente di 94 anni in buona forma psico-fisica, che era già stato operato d'urgenza al cuore nel 2011 per una grave malattia alle coronarie e che abbiamo rioperato con successo per una stenosi aortica severa".

Anteprima News

15/11/18

MELANOMA: “A MILANO IL GOLF SOSTIENE LA PREVENZIONE
CONTROLLIAMO I NEI DI TUTTI I CITTADINI PER SCONFIGGERE IL TUMORE”

Il prof. Paolo Ascierto, Presidente della Fondazione Melanoma: “L’attività fisica può diventare uno strumento per trasmettere messaggi sugli stili di vita corretti. Quando questa neoplasia della pelle è individuata in fase iniziale le possibilità di guarigione superano il 90%”

Milano, 15 novembre 2018 - Sport e prevenzione diventano un binomio vincente nella lotta contro il melanoma, un tumore della pelle molto aggressivo. Domenica 18 novembre a Milano, durante la tappa…
12/11/18

EMILIA ROMAGNA: OGNI ANNO 15.450 CASI DI CANCRO NEGLI OVER 65
GLI ONCOLOGI: “SERVE PIU’ COORDINAMENTO TRA OSPEDALE E TERRITORIO”

Il prof. Stefano Cascinu: “Attraverso un rapporto più strutturato con famigliari, medici di famiglia e strutture residenziali possiamo garantire un’assistenza migliore a questi pazienti”

Modena, 12 novembre 2018 – Il cancro è una malattia sempre più della terza età. Ogni anno solo in Emilia Romagna sono 15.450 i nuovi casi di cancro (oltre il 50% del totale) che riguardano gli over…
08/11/18

IN FONDAZIONE POLIAMBULANZA ARRIVA ENDOFASTER,
NUOVO SISTEMA PER VALUTARE LA SALUTE DELLO STOMACO

Il dott. Spada “Con questa metodica verranno eseguite biopsie solo ai pazienti che ne hanno reale necessità e saremo in grado di diagnosticare l’infezione da Helicobacter Pylori immediatamente durante la gastroscopia”

Brescia, 8 novembre 2018 – Si chiama Endofaster ed è una tecnica innovativa frutto della ricerca italiana che permette di effettuare una valutazione istantanea del succo gastrico durante la…
30/10/18

ANMAR: “NO AI RISPARMI IMPOSTI A SCAPITO DELLA SALUTE”

Silvia Tonolo (presidente dell’Associazione): “La decisione del Piemonte rischia di ridurre la libertà prescrittiva del medico. La scelta del farmaco va sempre svolta in accordo con il malato e non può essere dettata solo da questioni di budget. Ci appelliamo alla Costituzione”

Roma, 30 ottobre 2018 – “No alla sostituzione forzata delle terapie a tutti i pazienti in trattamento per alcune gravi malattie reumatologiche. Al medico va garantita la libertà prescrittiva che deve…
30/10/18

MELANOMA: OGNI ANNO IN EMILIA ROMAGNA OLTRE 1.000 NUOVI CASI

La prof.ssa Paola Queirolo, responsabile scientifico di ‘Mela Talk’: “E’ giunto il momento di dare voce ai pazienti alle prese un tumore ancora grave, per il 20% dei malati, ma che si può sconfiggere”

Meldola (FC), 30 ottobre 2018 – Sempre più italiani sono colpiti dal melanoma, uno dei più temuti tumori della pelle. E questo avviene anche in Emilia Romagna dove per il 2018 sono attesi 1.300 nuovi…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it