mercoledì, 18 luglio 2018

Contenuto

7 luglio 2018

LIGURIA: GENOVA PER 3 GIORNI CAPITALE DELLA LOTTA AI TUMORI
IN PIAZZA DELLA VITTORIA IL FESTIVAL DELLA PREVENZIONE E INNOVAZIONE IN ONCOLOGIA

Genova, 7 luglio 2018 – Giovanni Ucci, Direttore Generale Ospedale Policlinico San Martino: “Nel capoluogo ogni anno più di 2.730 casi di cancro potrebbero essere evitati”. I camici bianchi nel motorhome per fornire consigli e spiegare l’importanza degli stili di vita sani contro le neoplasie. Lucia Del Mastro, membro Direttivo Nazionale AIOM: “Il fumo di sigaretta è il principale fattore di rischio”. Il 27,3% dei cittadini è tabagista: il dato più alto nella Regione

Genova diventa capitale della lotta al cancro. Il capoluogo ligure ospita per 3 giorni la ventesima tappa della nuova edizione del “Festival della prevenzione e innovazione in oncologia”. Un motorhome, cioè un pullman, sarà allestito dal 10 al 12 luglio in Piazza della Vittoria, dove gli oncologi dell’AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) forniranno consigli e informazioni sulla prevenzione, sull’innovazione terapeutica e sui progressi della ricerca in campo oncologico. Sono anche previste attività sportive in Piazza per coinvolgere i cittadini. Ogni anno a Genova sono stimate più di 6.830 nuove diagnosi di tumore (3.683 uomini e 3.151 donne). “Almeno il 40%, circa 2.730 casi ogni anno, potrebbe essere evitato seguendo uno stile di vita sano – spiega Giovanni Ucci, Direttore Generale dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino di Genova -. L’obiettivo del progetto è trasmettere ai cittadini un messaggio fondamentale: contro il cancro si deve giocare d’anticipo. E lanciamo, sul modello dei festival della letteratura, il ‘Festival della prevenzione e innovazione in oncologia’ per spiegare agli italiani il nuovo corso dell’oncologia, che spazia dai corretti stili di vita, agli screening, alle armi innovative, fino al reinserimento nel mondo del lavoro. Serve però più impegno sugli stili di vita e sugli screening. Il cancro è infatti la patologia cronica che risente più fortemente delle misure di prevenzione”.
La manifestazione itinerante, resa possibile grazie al sostegno di Bristol-Myers Squibb, tocca 20 città con eventi che durano tre giorni. Nel 2017 in Liguria sono stati stimati 11.950 nuovi casi (6.200 uomini e 5.750 donne). I 3 tumori più frequenti fra i liguri sono quelli del colon retto (1.750), seno (1.600) e polmone (1.350). A Genova fuma il 27,3% della popolazione, percentuale superiore alla media regionale (25,5%). Sono invece migliori nella provincia genovese i dati relativi alla sedentarietà (21,2% Genova; 29,1% Liguria), al sovrappeso (25% Genova; 27% Liguria), all’obesità (8,2% Genova; 8,4% Liguria) e al consumo di alcol in dosi rischiose per la salute (18% Genova; 18,2% Liguria).
“Il fumo di sigaretta è il principale fattore di rischio oncologico – afferma Lucia Del Mastro, membro del Direttivo Nazionale AIOM e Responsabile della Breast Unit dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino di Genova -. Più di centomila casi di tumore ogni anno in Italia sono dovuti proprio alle sigarette. Numeri che ricordano quelli di un’epidemia. L’85-90% di quelli al polmone, il 75% alla testa e collo (in particolare a laringe e faringe), il 25-30% al pancreas. Evidente l’impatto delle bionde anche nel cancro della vescica, uno dei più frequenti con il 50-65% dei casi riconducibili a questo vizio fra gli uomini e il 20-30% fra le donne. Il fumo inoltre aumenta del 50% la probabilità di sviluppare una neoplasia del rene e fino a 10 volte all’esofago”.
“Un ruolo importante nella prevenzione primaria è svolto anche dall’attività fisica – continua Paolo Pronzato, Direttore Oncologia Medica 2 dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino di Genova -. È dimostrato che il 20% del totale dei tumori è causato proprio dalla sedentarietà. I benefici del movimento sono evidenti e diversi studi hanno sottolineato la sua influenza su alcune delle neoplasie più frequenti: riduce del 12% il rischio di sviluppare il cancro al seno e del 44% al colon-retto. E un tumore alla mammella su 5 (il 23% del totale) si può prevenire in post-menopausa evitando il sovrappeso. Le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità consigliano circa 150 minuti a settimana, cioè 2 ore e mezza, di attività fisica aerobica, come camminare, correre, andare in bicicletta, a un ritmo moderato-intenso. Il movimento fisico esercita effetti preventivi e terapeutici e può essere paragonato a un farmaco che, opportunamente somministrato, previene gravi malattie come i tumori e ne impedisce lo sviluppo, garantendo considerevoli vantaggi sia ai cittadini che al sistema sanitario. Da qui l’importanza delle campagne di sensibilizzazione come questo Festival”.
Oltre agli stili di vita corretti, anche l’adesione agli esami agli screening è fondamentale nella lotta al cancro e nel miglioramento delle percentuali di sopravvivenza. A Genova, l’adesione a questi programmi è inferiore alla media regionale (Libro Bianco della Sanità 2016, Sistema sanitario Regione Liguria). “Il 33,3% dei cittadini ha eseguito il test per individuare in fase precoce il tumore del colon-retto (esame del sangue occulto nelle feci, la media regionale è del 36,7%) e il 58,2% delle donne ha eseguito la mammografia (64,2% Liguria) per la diagnosi precoce del tumore del seno – spiega Claudia Bighin, oncologa al ‘San Martino’ di Genova -. E il 15% delle donne genovesi si è sottoposto allo screening cervicale (Pap test, fondamentale per la diagnosi precoce del tumore della cervice uterina): anche in questo caso il dato è peggiore rispetto alla media regionale (24,7%). Uno degli obiettivi del Festival è proprio migliorare l’adesione a questi fondamentali strumenti di prevenzione”.
“In Italia nel 2017 sono stati stimati poco più di 369.000 nuovi casi di tumore – sottolinea Stefania Gori, Presidente nazionale AIOM e Direttore dipartimento oncologico, IRCCS Ospedale Sacro Cuore Don Calabria - Negrar -. Oggi non possiamo più parlare di male incurabile perché accanto alle armi tradizionali (chirurgia, radioterapia e chemioterapia) abbiamo a disposizione terapie innovative molto efficaci come le terapie a bersaglio molecolare e l’immunoterapia che permettono di migliorare la sopravvivenza a lungo termine con una buona qualità di vita. Grazie alla diagnosi precoce e alle nuove armi, in Italia il 60% dei pazienti sconfigge la malattia. Il sistema sanitario deve saper rispondere alle esigenze di salute di questi cittadini, che spaziano dalla riabilitazione al ritorno alla vita attiva, agli affetti e al lavoro”.
A Genova, durante il “Festival della prevenzione e innovazione in oncologia”, saranno raccolti sondaggi conoscitivi e saranno distribuiti ai cittadini opuscoli sulle principali regole della prevenzione oncologica e sulle nuove armi in grado di sconfiggere la malattia o di migliorare la sopravvivenza in modo significativo.
Nelle tre giornate, all’interno del motorhome (dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17), saranno disponibili gli oncologi dell’AIOM per fornire informazioni e consigli.
Tra i numerosi eventi in programma, martedì 10 luglio, alle 16 ci sarà il saluto di Sonia Viale (Vicepresidente e assessore alla Sanità, Politiche sociali e Sicurezza della Regione Liguria), alle 17 è previsto un focus sull’importanza della corretta alimentazione e alle 18 interverrà Francesco Bocciardo (Campione Italiano Paralimpico).
Mercoledì 11 luglio, dalle 16 alle 18.30, è in programma l’evento “Prevenzione a tutto tondo” presso l’Auditorium del Teatro Carlo Felice.
Giovedì 12 luglio, alle 16 sono previsti approfondimenti sulle fake news in oncologia, alle 16.30 sulle terapie innovative e alle 17 sul sostegno psicologico ai pazienti.
Sono invitati a partecipare le associazioni dei pazienti, i familiari e i cittadini di tutte le età.

Anteprima News

18/07/18

TUMORI GASTROINTESTINALI CON FUSIONI GENICHE DI TRK: TASSO DI RISPOSTA GLOBALE DEL 67% CON LAROTRECTINIB DI BAYER

• Una sub-analisi conferma risposte marcate, rapide e durature per larotrectinib in pazienti con neoplasie maligne gastrointestinali localmente avanzate o metastatiche che presentano fusioni geniche di neurotrophic tropomyosin receptor kinase (NTRK)
• Larotrectinib è oggetto di Priority Review negli Stati Uniti

Milano, 18 luglio 2018 – Sette pazienti su dieci colpiti da tumori gastrointestinali, che presentano una particolare alterazione genetica, la fusione di geni NTRK (neurotrophic tropomyosin receptor…
16/07/18

AUTISMO: SONO 500MILA GLI ITALIANI COLPITI DALLA MALATTIA
AL VIA IL PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE TRA FIMP E ISS

Firmato un accordo tra la Federazione Italiana Medici Pediatri e l’Istituto Superiore
di Sanità. Le prime attività in programma riguarderanno il riconoscimento precoce dei disturbi del neurosviluppo e lo studio dell’impatto dei fattori ambientali sulla salute di bambini e adolescenti

Roma,16 luglio 2018 – Sottoscritto un accordo formale di collaborazione tra la Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) e l’Istituto Superiore di Sanità (ISS). “Si tratta di un accordo lungimirante…
06/07/18

SIMG: “CONDIVIDIAMO IL DOCUMENTO DELL’ISS SUI VACCINI
CONTIENE DATI E EVIDENZE SOSTENUTI DALLA COMUNITÀ SCIENTIFICA”

Firenze, 6 luglio 2018 – “Condividiamo i contenuti del documento diffuso ieri dall’Istituto Superiore di Sanità. Esso contiene dati di fatto ed evidenze condivise dalla comunità scientifica del…
04/07/18

BRISTOL-MYERS SQUIBB RICEVE IL PARERE POSITIVO DEL CHMP, CHE RACCOMANDA L'APPROVAZIONE DI NIVOLUMAB PER IL TRATTAMENTO ADIUVANTE DI PAZIENTI ADULTI CON MELANOMA

Primo e unico agente anti PD-1 a ricevere parere positivo dal CHMP nel setting adiuvante

PRINCETON, 4 luglio 2018 – Bristol-Myers Squibb Company (NYSE: BMY) ha annunciato che il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia europea per i farmaci (EMA) ha raccomandato…
03/07/18

Carcinoma ovarico: olaparib in prima linea ritarda in modo significativo la progressione della malattia

Lo studio SOLO-1 dimostra un vantaggio statistico e clinicamente rilevante di progressione libera di malattia (PFS), confermando il profilo di sicurezza, nel trattamento in mantenimento di 1° linea per pazienti con carcinoma ovarico che presentino una mutazione di BRCA.

Lo studio SOLO-1 conferma l’importanza dell’identificazione della paziente con mutazione di BRCA sin dalla diagnosi per accedere alla corretta terapia con un PARP inibitore.

Commercializzato da AstraZeneca e MSD, olaparib è ad oggi l'unico PARP inibitore a dimostrare un'efficacia significativa sulla prima linea, ponendosi in un setting curativo e non solo palliativo.

3 Luglio 2018 - AstraZeneca e MSD hanno annunciato i risultati positivi dello studio SOLO-1: il trial di Fase III, randomizzato, in doppio cieco di olaparib in compresse controllato con placebo. Le…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it