mercoledì, 19 settembre 2018

Siete qui:

Contenuto

21 giugno 2018

VENETO, OLTRE IL 20% DEI CITTADINI E’ ASSISTITO DA MEDICO FAMIGLIA E INFERMIERE
LA SIMG: “E’ UNA COLLABORAZIONE VINCENTE CHE VA ESTESA E RAFFORZATA”

Il dott. Claudio Cricelli (presidente SIMG): “La cooperazione tra queste due figure professionali raddoppia l’aderenza ai Percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali e riduce il rischio di ospedalizzazioni”

Padova, 21 giugno 2018 – In Veneto il 20% dei cittadini già oggi riceve le cure primarie sul territorio grazie a una assistenza congiunta di medico di famiglia, infermiere e collaboratore di studio. Questa integrazione tra diverse figure professionali che lavorano insieme, collaborando con i medici specialisti, può risultare vincente per rispondere ai bisogni di salute di una popolazione nella quale la prevalenza di persone anziane con malattie croniche è in costante aumento. I dati di MilleinRete, estratti dalle cartelle cliniche dei medici di famiglia e aggiornati al 2017, confermano che il diabete riguarda il 7.4% della popolazione (il 17.3% di chi ha più di 65 anni e il 22% di chi ne ha più di 75), la diagnosi di ipertensione interessa il 29% dei cittadini (il 58,9% di chi ha più di 65 anni), e l’elenco continua per fibrillazione atriale, malattie respiratorie, insufficienza cardiaca, tumori. Sono centinaia gli assistiti che per questi problemi di salute accedono dalle 20 alle 30 volte l’anno dal proprio medico. L’integrazione del lavoro di medico di famiglia, infermiere e assistente di studio nelle stesse strutture permette di realizzare i Percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali (PDTA). E questo determina effetti positivi prima di tutto per la salute dei malati ma anche per l’efficienza del sistema sanitario regionale. E’ quanto emerge dal Progetto Arcipelago, sviluppato dalla Scuola Veneta di Medicina Generale in 10 Medicine di Gruppo Integrate che verrà presentato al Congresso Regionale SIMG Veneto. L’evento dura due giorni, si apre domani a Padova e vede la partecipazione di oltre 200 camici bianchi. “Quelli con malattia cronica sono una categoria di pazienti che hanno la necessità di cure continuative per lunghi periodi - afferma il dott. Claudio Cricelli, presidente nazionale della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG) -. E’ auspicabile che la collaborazione tra medico di famiglia, infermiere e assistenti di studio venga estesa per poter garantire una presa in carico del malato più completa, soprattutto per quanto riguarda la promozione di stili di vita salutari e l’esecuzione degli esami più semplici, il monitoraggio e l’educazione sanitaria, e l’addestramento dei familiari che assistono persone anziane ed ammalate. I vantaggi sono evidenti, nel tempo si riducono le ospedalizzazioni determinate dalle complicanze o dal riacutizzarsi delle patologie croniche.”. “Si tratta di una tipologia di cooperazione che va estesa anche ai pazienti più fragili - prosegue il dott. Maurizio Cancian, coordinatore regionale SIMG Veneto -. Una ricerca recente promossa dalla SIMG e realizzata da 60 medici di famiglia del Veneto su un campione di oltre 80.000 cittadini dimostra che più del 20% delle persone di età superiore a 65 anni si trova in condizione di fragilità. La crescita constante dell’età media della popolazione rende non più rinviabile una riorganizzazione dell’assistenza territoriale. Il Veneto può rappresentare un laboratorio estremamente interessante dove sperimentare nuove soluzioni organizzative e modelli di presa in carico basati sull’evidenza di efficacia. Al Congresso presenteremo dati relativi ai processi di cura e alle buone pratiche, questi dovranno essere sostenuti da modelli organizzativi e da contesti normativi utili a renderli trasferibili e sostenibili”.

Anteprima News

18/09/18

TUMORI: A LUCIA DEL MASTRO IL PREMIO “LUIGI CASTAGNETTA”

L’oncologa genovese: “E’ un grandissimo onore. Contro il cancro c’è bisogno dell’impegno di tutti”

Palermo, 18 settembre 2018 – L’oncologa Lucia Del Mastro ha vinto il premio “Luigi Castagnetta” per il suo impegno scientifico ed umano nella lotta contro il cancro. Salernitana, classe 1964, madre di…
14/09/18

TUMORI: “IN EUROPA IL 71% DEGLI ONCOLOGI UNDER 40 È COLPITO DA ‘BURN OUT’
LE RETI REGIONALI POSSONO RIDURRE DELLA METÀ I CASI”

Alba, 14 settembre 2018 – Il 71% degli oncologi europei under 40 è colpito da “burn out”, cioè da esaurimento professionale. È una sindrome che si manifesta nel lavoro, causata da situazioni emotive e…
14/09/18

TUMORE DEL POLMONE: OK DELL’EUROPA ALLA COMBINAZIONE DI PEMBROLIZUMB E CHEMIOTERAPIA IN PRIMA LINEA

Pembrolizumab è la prima terapia anti-PD-1 approvata in Europa in combinazione con chemioterapia per l’utilizzo nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico mai trattati in precedenza

L’approvazione riguarda la forma non a piccole cellule (NSCLC) metastatica non squamosa senza alterazioni genomiche di EGFR o ALK e si basa sui risultati dello studio di fase 3 KEYNOTE-189 che ha dimostrato come pembrolizumab in combinazione con chemioterapia a base di pemetrexed e platino migliori significativamente la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla sola chemioterapia

KENILWORTH, N.J., 14 settembre 2018 – La Commissione Europea ha approvato pembrolizumab, terapia anti-PD-1, in combinazione con chemioterapia a base di pemetrexed e platino per il trattamento in prima…
13/09/18

CAMBIA IL DIRETTORE GENERALE ALLA POLIAMBULANZA DI BRESCIA
ESCE DOPO 4 ANNI IL DOTT. SIGNORINI, ENTRA IL DOTT. TRIBOLDI

Brescia, 13 settembre 2018 - Avvicendamento ai vertici dell’ospedale bresciano: il dott. Alessandro Signorini, direttore generale di Fondazione Poliambulanza dal 2014, passa il testimone al dott.…
10/09/18

TUMORE TESTA COLLO: NIVOLUMAB È DISPONIBILE IN ITALIA

Roma, 10 settembre 2018 – L’Agenzia Italiana del Farmaco ha approvato la rimborsabilità di nivolumab in monoterapia per il trattamento del carcinoma squamoso della testa e del collo negli adulti in…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it