mercoledì, 19 settembre 2018

Siete qui:

Contenuto

5 giugno 2018

NIVOLUMAB CON CHEMIOTERAPIA MOSTRA UNA SOPRAVVIVENZA LIBERA DA PROGRESSIONE MIGLIORE RISPETTO ALLA SOLA CHEMIOTERAPIA IN PAZIENTI CON TUMORE DEL POLMONE CON PD-L1 < 1% IN PRIMA LINEA

Lo studio di Fase III CheckMate -227 è uno studio randomizzato che fornisce anche importanti informazioni sulle combinazioni tra farmaci immuno-oncologici e tra un immuno-oncologico e la chemioterapia

Per entrambe le combinazioni contenenti nivolumab, sono presentati i risultati secondo il carico mutazionale del tumore (TMB)

Chicago, 5 giugno 2018 - Bristol-Myers Squibb (NYSE: BMY) ha presentato oggi i risultati di una parte dello studio di Fase III CheckMate -227, che ha valutato la combinazione di nivolumab e ipilimumab a basso dosaggio e di nivolumab con la chemioterapia vs sola chemioterapia in prima linea in pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC) in stadio avanzato con espressione di PD-L1 < 1%, a istotipo squamoso e non squamoso (Part 1b).
I dati mostrano che la combinazione nivolumab e chemioterapia (177 pazienti) ha esteso la sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispetto alla chemioterapia (186 pazienti) in pazienti con espressione di PD-L1 < 1% (HR 0,74; CI 95%: 0,58 - 0,94). La PFS è un endpoint secondario nella Part 1b dello studio con nivolumab e chemioterapia e i risultati sono basati su un’analisi descrittiva.
In un’analisi esplorativa nei pazienti con elevato carico mutazionale del tumore (TMB) ≥ 10 mutazioni/megabase (mut/Mb) ed espressione di PD-L1 < 1%, i tassi di PFS a un anno erano pari al 45% con nivolumab e ipilimumab a basso dosaggio (38 pazienti), al 27% con nivolumab e chemioterapia (43 pazienti) e all’8% con la sola chemioterapia (48 pazienti). Nei pazienti con basso TMB (< 10 mut/Mb) e PD-L1 < 1%, il tasso di PFS a un anno era pari al 18% sia con nivolumab e bassa dose di ipilimumab (52 pazienti) che con nivolumab e chemioterapia (54 pazienti), e al 16% con la sola chemioterapia (59 pazienti).
Hossein Borghaei, D.O., study investigator e chief of thoracic medical oncology al Fox Chase Cancer Center di Philadelphia, ha affermato: “Per la prima volta, CheckMate -227 ha permesso agli oncologi di osservare le combinazioni tra farmaci immuno-oncologici e tra un immuno-oncologico e la chemioterapia nell’ambito di un solo gruppo di pazienti. I risultati di questo studio mostrano che nivolumab con la chemioterapia ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla chemioterapia da sola in prima linea nei pazienti con tumore del polmone che non esprime PD-L1. Insieme alla totalità dei dati dello studio CheckMate -227 presentati ad oggi, questi risultati rafforzano l’opinione che lo stato di TMB fornisce informazioni clinicamente importanti per le combinazioni contenenti nivolumab e che la combinazione di nivolumab e ipilimumab a basso dosaggio ha offerto un’efficacia duratura nei pazienti con alto TMB”.
I risultati della Part 1b dello studio CheckMate -227 sono stati divulgati durante la sessione orale abstract ‘Lung Cancer-Non-Small Cell Metastatic’ del congresso annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) a Chicago (Abstract #9001).
“Nell’attuale panorama di trattamento del NSCLC in continua evoluzione” ha commentato Sabine Maier, M.D., development lead, thoracic cancers, Bristol-Myers Squibb “i dati delle combinazioni contenenti nivolumab viste nello studio CheckMate -227 continuano a far progredire le conoscenze sull’immuno-oncologia, portando a una sempre più precisa comprensione dei biomarcatori predittivi, come il TMB, per determinare quali pazienti possano beneficiare delle cure con combinazioni immuno-oncologiche”.
I risultati indicano inoltre che eventi avversi di grado 3-4, legati al trattamento, sono stati osservati nel 25% dei pazienti che hanno ricevuto nivolumab e ipilimumab a basso dosaggio, nel 52% di quelli trattati con nivolumab e chemioterapia e nel 35% di quelli trattati solo con la chemioterapia. I più comuni eventi avversi selezionati legati al trattamento di grado 3-4 con la combinazione di nivolumab e bassa dose di ipilimumab sono stati epatici (8%), gastrointestinali (3%), endocrini (3%), cutanei (3%), diarrea (2%), anemia (2%), fatigue (1%), astenia (1%) e nausea (1%). I più comuni eventi avversi legati al trattamento di grado 3-4 con nivolumab e chemioterapia sono stati anemia (17%), neutropenia (12%), ridotto numero di neutrofili (10%), fatigue (5%), epatici (3%), diminuzione dell’appetito (2%), nausea (2%), gastrointestinali (2%), diarrea (1%), cute (1%) ed endocrini (0,6%).

Lo studio CheckMate -227
CheckMate -227 è uno studio di Fase III in aperto che valuta regimi contenenti nivolumab vs la doppietta chemioterapica a base di platino nel trattamento di prima linea di pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC) avanzato, ad istotipo squamoso e non squamoso. Il programma comprende tre parti:
• Part 1a che valuta la combinazione di nivolumab più ipilimumab a basso dosaggio o la monoterapia con nivolumab vs la chemioterapia in pazienti i cui tumori esprimono PD-L1;
• Part 1b che esamina la combinazione di nivolumab più ipilimumab a basso dosaggio o la combinazione di nivolumab con la chemioterapia vs la sola chemioterapia in pazienti con tumori che non esprimono PD-L1;
• Part 2 studia la combinazione di nivolumab con la chemioterapia vs la sola chemioterapia in un’ampia popolazione, indipendentemente dallo stato di PD-L1 o TMB.
Nella Part 1 sono valutati due endpoint co-primari per la combinazione di nivolumab e ipilimumab (vs la chemioterapia): la sopravvivenza globale (OS) nei pazienti i cui tumori esprimono PD-L1 (valutato nei pazienti arruolati in Part 1a) e la sopravvivenza libera da progressione (PFS) nei pazienti con elevato carico mutazionale del tumore (TMB) (≥ 10 mut/Mb), con qualunque livello di espressione di PD-L1 (determinato nei pazienti arruolati in Part 1a e 1b).
I dati relativi all’endpoint co-primario di PFS sono stati presentati al congresso annuale dell’American Association for Cancer Research (AACR) di Chicago e pubblicati sul New England Journal of Medicine.
Nella Part 1b dello studio, i pazienti sono stati randomizzati 1:1:1 a ricevere nivolumab (3 mg/kg ogni 2 settimane) più ipilimumab a basso dosaggio (1 mg/kg ogni 6 settimane) (187 pazienti), oppure nivolumab 360 mg (ogni 3 settimane) in combinazione con la doppietta chemioterapica contenente platino in base all’istotipo, seguita da nivolumab in monoterapia (177 pazienti), oppure doppietta chemioterapica contenente platino in base all’istotipo ogni 3 settimane fino a un massimo di 4 cicli (186 pazienti). Nello studio, il TMB è stato determinato ricorrendo al test validato, FoundationOne CDx.
L’endpoint primario in Part 2 era la sopravvivenza globale.

Tumor Mutational Burden (TMB)
Nel tempo le cellule tumorali accumulano mutazioni che non si riscontrano nelle normali cellule dell’organismo. Il carico mutazionale del tumore (Tumor Mutational Burden, TMB) è un biomarcatore quantitativo che misura il numero totale di mutazioni presenti nelle cellule tumorali. Le cellule tumorali con elevato TMB hanno alti livelli di neo-antigeni che possono aiutare il sistema immunitario a riconoscere i tumori, provocando un aumento delle cellule T che contrastano il cancro e, di conseguenza, della risposta antitumorale. Il TMB è un biomarcatore che può aiutare a prevedere la probabilità che un paziente risponda positivamente all’immunoterapia.

Anteprima News

18/09/18

TUMORI: A LUCIA DEL MASTRO IL PREMIO “LUIGI CASTAGNETTA”

L’oncologa genovese: “E’ un grandissimo onore. Contro il cancro c’è bisogno dell’impegno di tutti”

Palermo, 18 settembre 2018 – L’oncologa Lucia Del Mastro ha vinto il premio “Luigi Castagnetta” per il suo impegno scientifico ed umano nella lotta contro il cancro. Salernitana, classe 1964, madre di…
14/09/18

TUMORI: “IN EUROPA IL 71% DEGLI ONCOLOGI UNDER 40 È COLPITO DA ‘BURN OUT’
LE RETI REGIONALI POSSONO RIDURRE DELLA METÀ I CASI”

Alba, 14 settembre 2018 – Il 71% degli oncologi europei under 40 è colpito da “burn out”, cioè da esaurimento professionale. È una sindrome che si manifesta nel lavoro, causata da situazioni emotive e…
14/09/18

TUMORE DEL POLMONE: OK DELL’EUROPA ALLA COMBINAZIONE DI PEMBROLIZUMB E CHEMIOTERAPIA IN PRIMA LINEA

Pembrolizumab è la prima terapia anti-PD-1 approvata in Europa in combinazione con chemioterapia per l’utilizzo nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico mai trattati in precedenza

L’approvazione riguarda la forma non a piccole cellule (NSCLC) metastatica non squamosa senza alterazioni genomiche di EGFR o ALK e si basa sui risultati dello studio di fase 3 KEYNOTE-189 che ha dimostrato come pembrolizumab in combinazione con chemioterapia a base di pemetrexed e platino migliori significativamente la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla sola chemioterapia

KENILWORTH, N.J., 14 settembre 2018 – La Commissione Europea ha approvato pembrolizumab, terapia anti-PD-1, in combinazione con chemioterapia a base di pemetrexed e platino per il trattamento in prima…
13/09/18

CAMBIA IL DIRETTORE GENERALE ALLA POLIAMBULANZA DI BRESCIA
ESCE DOPO 4 ANNI IL DOTT. SIGNORINI, ENTRA IL DOTT. TRIBOLDI

Brescia, 13 settembre 2018 - Avvicendamento ai vertici dell’ospedale bresciano: il dott. Alessandro Signorini, direttore generale di Fondazione Poliambulanza dal 2014, passa il testimone al dott.…
10/09/18

TUMORE TESTA COLLO: NIVOLUMAB È DISPONIBILE IN ITALIA

Roma, 10 settembre 2018 – L’Agenzia Italiana del Farmaco ha approvato la rimborsabilità di nivolumab in monoterapia per il trattamento del carcinoma squamoso della testa e del collo negli adulti in…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it