Contenuto

19 aprile 2002

UN GENE CAUSA ARITMIE FATALI NEI GIOVANI

I ricercatori del Laboratorio di Cardiologia Molecolare della Fondazione Maugeri di Pavia, coordinato dalla prof. Silvia Priori, hanno identificato la causa genetica di aritmie e fibrillazioni ventricolari in ragazzi giovani con il cuore apparentemente sano. Il lavoro è stato pubblicato su Circulation, prestigiosa rivista scientifica dell’American Heart Association, è partito dallo studio di alcune famiglie con storia di morte improvvisa giovanile.

Il caso. Il Laboratorio ha preso in esame il caso della morte improvvisa e inspiegabile di due sorelle 16enni e di una terza, 25enne, salvata per miracolo da un arresto cardiaco. I protagonisti di questa vicenda non presentavano alcuna patologia cardiaca, avevano esami cardiologici nella norma, nessuna alterazione visibile all'ECG. In breve, un cuore sano. Da queste premesse è partita la ricerca condotta dai dott. Carlo Napolitano, Mirella Memmi e Raffaella Bloise, da tempo impegnati a dare una risposta scientifica ai casi di morti giovanili incautamente attribuite a infarto e ormai punto di riferimento a livello internazionale, con più di 600 famiglie sotto screening.

La scoperta. L’équipe pavese ha scoperto l'esistenza di un difetto genetico in grado di causare un'alterazione elettrica che, in caso di sforzo fisico o emotivo intenso può portare a un’accelerazione fatale del ritmo cardiaco (tachicardia ventricolare). Il gene in questione si chiama RYR2, e la sua alterazione provoca un aumento del livello di calcio libero nella cellula, determinando così un’ipereccitabilità, e quindi l’insorgere di aritmie. Questa malattia prende il nome di tachicardia catecolaminergica bidirezionale. Il nome bidirezionale deriva dal fatto che lo stimolo che provoca i battiti irregolari proviene da due zone diverse del cuore. La tachicardia catecolaminergica bidirezionale si eredita con una modalità detta autosomica dominante: tutti gli individui che possiedono il difetto genetico sono a rischio di morte improvvisa e possono trasmettere il difetto alla metà dei figli. Il gene che causa la malattia era stato identificato negli anni 90 come un fattore importante nella regolazione del calcio all'interno delle cellule cardiache: oggi è possibile associare a questo gene la patologia specifica.

La prevenzione. I pazienti affetti da questa malattia spesso non hanno altre anomalie se non palpitazioni e storia di svenimenti: all'esame clinico il loro cuore è completamente normale e anche l'elettrocardiogramma è normale. Spesso l'unica indagine che può portare alla diagnosi corretta è l'esecuzione di un elettrocardiogramma durante sforzo fisico. Una volta sospettata la diagnosi clinica, le persone affette, che hanno un alto rischio di morte improvvisa, si possono trattare con farmaci antiaritmici e nei casi più gravi nel loro torace si può impiantare un piccolo defibrillatore, che in caso di arresto cardiaco agisce ripristinando il ritmo fisiologico. L'analisi genetica di tutta la famiglia pavese ha permesso di identificare altri 5 membri portatori del medesimo difetto genetico: per questi è stata messa a punto una terapia farmacologica specifica (beta bloccante) per prevenire gravi aritmie, associata alla semplice ma importante raccomandazione di non sottoporsi a sforzi intensi. Dalla scoperta della causa molecolare sono già sei le famiglie italiane in cui è stata diagnosticata la patologia.

La differenza dalle altre malattie genetiche. La particolarità della Tachicardia ventricolare bidirezionale rispetto alle altre patologie genetiche (Sindrome di Brugada, Sindrome del QT Lungo, Sindrome di Brugada o la cardiopatia aritmogena del ventricolo destro, ARVD) - spiega la prof. Priori - è data dal fatto che si tratta di una patologia asintomatica non rilevabile né dall'elettrocardiogramma né dall'ecocardiogramma: soltanto la documentazione della particolare morfologia dell'aritmia o l'analisi genetica possono individuare il difetto. Ecco perché - continua Priori - risulta fondamentale ricostruire la storia clinica della famiglia, laddove si siano registrati casi inspiegati di morte o di aritmie da sforzo o da esercizio in persone giovani, così da predisporre esami più approfonditi, anche genetici, in modo da evitare conseguenze drammatiche”.

I costi. Visto il costo elevato dell'analisi genetica, (circa un milione e mezzo), la Fondazione Maugeri offre gratuitamente l'accesso a queste indagini alle persone considerate a rischio. Nelle famiglie a rischio l'analisi genetica è infatti lo strumento chiave per prevenire decessi prematuri. E’ importantissimo quindi facilitare l'accesso a tali indagini a quante più persone possibile all'interno delle famiglie affette dalla malattia. In questo modo i cardiologi che sospettano una Tachicardia ventricolare nel cuore apparentemente sano di un paziente, possono indirizzarlo al centro di Pavia.

Anteprima News

26/03/19

ANMAR: “SODDISFATTI PER LA SENTENZA DEL TAR DELLA TOSCANA
LA SCELTA DELLE TERAPIE NON PUO’ ESSERE DETTATA DA QUESTIONI ECONOMICHE”

La Presidente Silvia Tonolo: “Da anni ci battiamo contro la sostituibilità automatica tra farmaci biologici e biosimilari. Auspichiamo che la continuità terapeutica sia sempre garantita su tutto il territorio nazionale”

Roma, 25 marzo 2019 – “Siamo soddisfatti per la recente sentenza del TAR della Toscana sui farmaci biosimilari. Quanto sostenuto dalla giustizia amministrativa difende i diritti del paziente…
26/03/19

TUMORI: OGNI ANNO IN SICILIA 17.000 NUOVE DIAGNOSI NEGLI ANZIANI
“L’INTEGRAZIONE OSPEDALE-TERRITORIO PER LA MIGLIORE ASSISTENZA”

Palermo, 26 marzo 2019 – Il Prof. Ignazio Carreca, Direttore “International School of Medical Sciences” della Fondazione “E. Majorana” di Erice: “È necessario favorire l’inserimento dell’anziano ‘non fragile’ negli studi clinici innovativi e un rapporto più strutturato con familiari, medici di famiglia e strutture residenziali”

Ogni anno in Sicilia più di 17.000 anziani sono colpiti da tumore. L’incidenza di questa malattia aumenta in modo direttamente proporzionale all’età e più del 60% dei nuovi casi riguarda proprio gli…
07/03/19

MALATTIE CRONICHE: COLPITO IL 10% DI BAMBINI E ADOLESCENTI ITALIANI
LA FIMP SOTTOSCRIVE IL MANIFESTO EUROPEO PER L’ADERENZA ALLA TERAPIA

Bruxelles, 7 marzo 2019 – Il dott. Antonio D’Avino: “E’ un problema che interessa sempre più anche i giovanissimi interessati da patologie gravi ma che possono essere trattate in modo efficace grazie alle nuove cure”

“Solo in Italia un bambino su dieci è colpito da almeno una malattia cronica. Diventa quindi fondamentale promuovere l’aderenza terapeutica anche tra i giovanissimi”. E’ quanto dichiarato ieri al…
07/03/19

FONDAZIONE POLIAMBULANZA ENTRA NELLA RETE DI ECCELLENZA PER IL TRATTAMENTO DELLE MALATTIE INFIAMMATORIE INTESTINALI

Ottenuto un importante riconoscimento nazionale. Il dr. Cristiano Spada: “Affrontiamo disturbi cronici complessi con un team multidisciplinare e ricerca all’avanguardia”

Brescia, 7 marzo 2019 - Circa 1.000 pazienti lo scorso anno si sono rivolti a Fondazione Poliambulanza per la cura delle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali (MICI), come la malattia di Crohn,…
04/03/19

TUMORE DELLA PROSTATA: DAROLUTAMIDE RIDUCE DEL 59% IL RISCHIO DI METASTASI

I risultati dello studio ARAMIS presentati all’American Society of Clinical Oncology Genitourinary Cancers Symposium e pubblicati sul New England Journal of Medicine

• Nei pazienti non metastatici resistenti alla castrazione, la molecola, associata a terapia di deprivazione androgenica, ha evidenziato un miglioramento di 22 mesi della sopravvivenza libera da…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522