Contenuto

24 settembre 2003

TAXOLO: STUDI CLINICI E INDICAZIONI

Dal 1991 sono stati condotti più di 500 trials clinici nei quali il taxolo è stato usato come agente singolo o in combinazione per il trattamento di circa 25000 pazienti. Nonostante studi siano stati condotti in diversi tipi di tumore, le patologie maggiormente indagate sono state il carcinoma dell’ovaio, della mammella e del polmone.
Ad oggi il taxolo è il chemioterapico più studiato e affermato, uno dei farmaci antitumorali più significativi della nostra generazione, utilizzato nel trattamento di più di 800.000 persone.

I risultati degli studi fin qui condotti hanno determinato in Europa l’autorizzazione al trattamento con taxolo nei seguenti tre tipi di tumore.

Tumore del seno
Trattamento del carcinoma metastatizzato della mammella quando la terapia standard, contenente derivati antraciclinici, non sia ritenuta possibile o non sia risultata efficace.
In combinazione con trastuzumab in pazienti il cui tumore iper-esprime HER2 e per le quali non sia possibile un trattamento con antracicline.

Cancro dell’ovaio in stato avanzato
Chemioterapia di prima linea - per il trattamento di pazienti con carcinoma dell’ovaio in stadio avanzato o con carcinoma residuo (> 1 cm) dopo laparotomia iniziale, in combinazione con il cisplatino.
Chemioterapia di seconda linea - per il trattamento del carcinoma metastatizzato dell’ovaio quando la terapia standard, contenente derivati del platino, non sia risultata efficace.

Cancro del polmone a cellule grandi
In combinazione con cisplatino è indicato per il trattamento del carcinoma del polmone non a piccole cellule in pazienti che non possono essere sottoposti ad intervento chirurgico radicale e/o a terapia radiante.

Anteprima News

18/01/18

AIMAC: “SONO UN MILIONE I LAVORATORI COLPITI DAL CANCRO IN ITALIA
DAL PART TIME ALLA REPERIBILITÀ, OGGI I MALATI HANNO PIÙ DIRITTI”

I pazienti vogliono continuare a svolgere la loro attività professionale e vanno reinseriti. Il presidente Francesco De Lorenzo: “Le conquiste ottenute sono il risultato di una battaglia di civiltà”

Roma, 18 gennaio 2018 – Un malato di cancro su 3 è un lavoratore. In Italia infatti 3milioni e 300mila persone vivono dopo la diagnosi e il 30%, circa un milione di cittadini, è in età lavorativa. E…
16/01/18

FIMP: “I VACCINI NON SIANO AL CENTRO DELLA CAMPAGNA ELETTORALE”


Il dott. Giampietro Chiamenti: “Può essere molto pericoloso contribuire a coltivare timori ingiustificati su un fondamentale strumento di prevenzione”. Uno studio italiano dimostra il ruolo importante del pediatra di famiglia come fonte di informazione più affidabile sui vaccini

Roma, 16 gennaio 2018 – “I vaccini non possono e non devono essere messi al centro del dibattito elettorale”. E’ questo il monito della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP). “Siamo sorpresi che…
11/01/18

MELANOMA: PEMBROLIZUMAB RIDUCE DEL 43% IL RISCHIO DI RECIDIVA DOPO RESEZIONE CHIRURGICA
“QUESTI RISULTATI CAMBIERANNO LA PRATICA CLINICA”

La prof.ssa Paola Queirolo, responsabile del DMT (Disease Management Team) Melanoma e Tumori cutanei all’Ospedale Policlinico San Martino di Genova: “Per la prima volta in 40 anni assistiamo a un dato…
05/01/18

INFLUENZA: “SONO 673MILA GLI ITALIANI A LETTO IL VIRUS È SOTTO CONTROLLO, IL SISTEMA REGGE”

Firenze, 5 gennaio 2018 – L’influenza sta facendo registrare il picco di casi nel nostro Paese. Nell’ultima settimana di rilevazione (25–31 dicembre 2017) sono stati 673mila gli italiani a letto…
22/12/17

MELANOMA: FDA APPROVA NIVOLUMAB COME ADIUVANTE PER I PAZIENTI CON TUMORE COMPLETAMENTE RESECATO

Nivolumab, primo e unico inibitore di checkpoint immunitario anti-PD-1 approvato per il trattamento adiuvante del melanoma, è indicato per i pazienti con mutazione BRAF e ‘wild-type’.
Nello studio clinico di fase III CheckMate -238, nivolumab 3 mg/kg ha dimostrato una sopravvivenza libera da recidiva senza precedenti, rispetto a ipilimumab 10 mg/kg, ed è stato ben tollerato

22 dicembre 2017 – La Food and Drug Administration (FDA), l’ente regolatorio americano, ha approvato nivolumab per uso endovenoso per il trattamento adiuvante di pazienti con melanoma con…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it