Contenuto

19 aprile 2002

SPORT E DOPING

Prof. Fabio Pigozzi
Membro della Commissione Medica CIO
Titolare Cattedra di Medicina dello Sport
Istituto Universitario Science Motorie
Roma

Sport e doping, una corsa parallela che ha radici antiche. Da sempre, lo spirito competitivo ha spinto l’uomo a migliorare la sua prestazione sportiva ed è per tale ragione che storicamente il problema del doping nasce con lo sport stesso, anche se la sua diffusione nel corso dei tempi ne ha accresciuto l’impatto sociale.

Nel secondo dopoguerra lo sport si è trasformato dalla realtà che i nostri nonni conoscevano in un fenomeno che ha portato con sé maggiori implicazioni finanziarie, politiche e sociali, che hanno spesso oscurato il suo ruolo tradizionale come veicolo di valori etici e morali. Per questa ragione il numero di problemi connessi al doping ha continuato a svilupparsi di pari passo al loro impatto sui mass media.

Il mondo dello sport, realizzando i pericoli legati alla crescita di questo fenomeno, ha da sempre cercato con impegno crescente di circoscrivere i suoi effetti negativi e di arginarli ed in tale contesto il CIO (Comitato Olimpico Internazionale) ha affrontato il problema impostando criteri di base su cui improntare la lotta contro il doping:
· protezione della salute dell’atleta
· difesa dell’etica medica e sportiva
· pari opportunità per tutti in gara,
definendo, accanto a questi principi fondamentali, una lista di sostanze e metodi proibiti e considerando azione doping qualsiasi azione che infrangesse questi principi e questa lista.

Le prime iniziative internazionali per la lotta al doping sono state intraprese durante i Giochi Olimpici di Grenoble e di Città del Messico nel 1968, con l’adozione della lista del CIO accettata da tutte le Federazioni Internazionali. Le sanzioni erano semplici: gli atleti che risultavano positivi ai test antidoping venivano privati dell’eventuale medaglia ed espulsi dalla manifestazione. Poche regole, ma molto severe.

Oggi la situazione è molto diversa. Uno dei maggiori ostacoli incontrati dalla campagna antidoping riguarda l’armonizzazione delle regole e delle sanzioni. Su raccomandazione del CIO, le Federazioni Internazionali e i Comitati Olimpici Nazionali hanno costituito delle Commissioni Mediche per istituire un regolamento ispirato a quello del CIO. Attualmente il problema dell’armonizzazione delle sanzioni è ancora aperto ed in questo contesto si inserisce l’istituzione, nel 1999, di un’Agenzia Internazionale Indipendente Anti-doping, la WADA (World Anti-doping Agency), con il compito di coordinare i vari programmi necessari a realizzare gli obiettivi comuni a tutte le organizzazioni interessate nella lotta al doping. In tale ambito vanno sottolineati i controlli out-of-competition, la standardizzazione delle tecniche e delle procedure di analisi e di equipaggiamento degli incaricati al controllo, il coordinamento della ricerca e la promozione di idonee campagne educative sulla prevenzione.

Il nuovo presidente del CIO, Jacques Rogge, ha voluto ispirare la propria azione al recupero di valori che sono alla base dello spirito Olimpico e che recentemente sembravano essersi smarriti. Un lavoro attento, per evitare che questi stessi valori siano erosi dagli interessi, dagli egoismi, dal gigantismo e dagli eccessi di ogni tipo che hanno sempre di più minacciato il normale progresso dei Giochi, come è recentemente accaduto alle Olimpiadi di Salt Lake City. La salute degli atleti rappresenta una priorità per il Movimento Olimpico, un punto di partenza che deve essere salvaguardato con ogni mezzo. La ricerca esasperata di nuovi limiti e il conseguente giro di affari legato alle prestazioni degli atleti, rappresentano ormai una quotidiana minaccia per lo sport. E l’atleta sempre più spesso paga con la salute un prezzo altissimo per una folle corsa al record, alla prestazione straordinaria ad ogni costo.

In conclusione, nonostante le divergenze di opinione di alcuni organismi coinvolti nella lotta contro il doping, esiste chiaramente l’intento di operare sulla base di regole comuni, unica chiave prospettica per una risoluzione del problema.

Anteprima News

18/06/19

TUMORE DELLA PROSTATA: DAROLUTAMIDE PRESERVA LA QUALITÀ DELLA VITA

I risultati dello studio di fase III ARAMIS pubblicati nel New England Journal of Medicine

• Darolutamide associata a terapia di deprivazione androgenica (ADT) ha preservato la qualità della vita nei pazienti affetti da carcinoma prostatico resistente alla castrazione non metastatico…
14/06/19

REUMATOLOGIA: ANNAMARIA IAGNOCCO NUOVO PRESIDENTE ELETTO DELL'EULA

Sarà la prima donna italiana a guidare la lega europea che riunisce rappresentati dei clinici e pazienti. "Ringrazio tutti per la fiducia. Primo obiettivo favorire la ricerca in tutto il continente"

Madrid, 14 giugno 2019 - Annamaria Iagnocco è il nuovo Presidente Eletto dell'EULAR (European League Against Rheumatism). Tra due anni sarà la prima donna italiana a guidare l'associazione europea che…
14/06/19

SIMG: NASCE IL ‘CORE CURRICULUM’ DELLA MEDICINA DI FAMIGLIA
UNA VISIONE UNITARIA DELLA PROFESSIONE IN ITALIA E IN EUROPA

Il presidente Claudio Cricelli: “Il testo definisce e uniforma a livello nazionale i contenuti del corso triennale di formazione. I futuri medici devono saper utilizzare strumenti di organizzazione e diagnostica avanzata. Solo così può essere garantita la sostenibilità del sistema”

Firenze, 14 giugno 2019 – Un documento che definisce i cardini della medicina generale e su cui si deve basare la formazione triennale dei futuri professionisti. È il “Core Curriculum” della medicina…
10/06/19

Tumori: al via la collaborazione fra Bayer e Foundation Medicine per lo sviluppo di test diagnostici

La collaborazione avrà inizio con lo sviluppo di un companion test per larotrectinib, inibitore delle TRK approvato negli Stati Uniti per i pazienti affetti da tumori con fusione di TRK (tutte le tipologie di tumori solidi); larotrectinib è in fase di revisione in altri mercati di tutto il mondo. L'obiettivo è favorire l’accesso dei pazienti a test genomici completi, in linea con l'impegno di Bayer in favore della medicina di precisione

Milano, 10 giugno 2019 – Bayer e Foundation Medicine hanno annunciato una collaborazione nello sviluppo e nella commercializzazione di companion test basati sulla tecnologia Next Generation Sequencing…
07/06/19

DERMATOLOGI ITALIANI ALL’AVANGUARDIA NELLA RICERCA
‘PARTECIPIAMO A UN TEAM DI ESPERTI DI TUTTO IL MONDO CONTRO L’IDROSADENITE’

Il Prof. Marzano: “E’ una patologia della pelle finora considerata rara, ma che oggi non può più essere definita tale: sappiamo che in Italia sono almeno 2.500 i pazienti e i nuovi casi sono in aumento”

Milano, 7 giugno 2019 – Lesioni nodulari dolorose, a carico delle pieghe del corpo, quali ascelle e inguini, e della regione ano-genitale. Sono questi i segni dell’idrosadenite suppurativa, conosciuta…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522