mercoledì, 19 settembre 2018

Siete qui:

Contenuto

16 febbraio 2018

RINNOVO ACN PEDIATRIA DI FAMIGLIA: LA FIMP, “SERVE UN ACCORDO URGENTE PER SANARE LA SITUAZIONE DI SOFFERENZA DELLA CATEGORIA”

Il dott. Giampietro Chiamenti: “Siamo ancora lontani da un rinnovo normativo integrale ma si intravede la possibilità dello sblocco della parte economica riguardante gli arretrati”

Roma, 16 febbraio 2018 – Proseguono le trattative per il rinnovo dell’Accordo Collettivo Nazionale (ACN) della Pediatria di Famiglia. Positivi per ora gli esiti dell'intensa settimana di contatti e confronti tra la Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) col Ministro Beatrice Lorenzin, a cui va riconosciuta la chiarezza della sua nota a sostegno dei problemi della categoria. La Federazione ha inoltre incontrato i vertici delle Regioni, nella loro massima espressione rappresentativa del presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, il presidente della Commissione salute Antonino Saitta e il presidente del Comitato di Settore Sanità del Comparto Regioni Massimo Garavaglia. “Siamo ancora lontani dalla possibilità di un rinnovo normativo integrale dell'ACN praticamente fermo dal 2005 - dichiara il dott. Giampietro Chiamenti Presidente FIMP -. Si intravvede però la possibilità dello sblocco della parte economica riguardante gli arretrati e in particolare la "Vacatio contrattuale" bloccata dal 2010. I contatti col Coordinatore della SISAC Vincenzo Pomo, ancor più supportato dalla volontà espressa nei giorni scorsi dalla componente politica regionale di cui apprezziamo l'impegno perché finalmente sembra uscire dalla indeterminatezza, prefigurano la reale possibilità di giungere ad un pre-accordo che sani la situazione di sofferenza della pediatria di famiglia. Nonostante tutto in questi anni abbiamo continuato ad erogare un alto livello assistenziale che è riscontrabile nell'indice di gradimento delle famiglie italiane. E anche nell'apprezzamento internazionale al modello dell'assistenza pediatrica territoriale italiana basato sul rapporto fiduciario e sulla presenza capillare”.

“Adesso alle parole devono seguire i fatti e rimaniamo in attesa degli sviluppi della situazione - prosegue Chiamenti -. Siamo fiduciosi che anche le quote legate agli aumenti stabiliti per il comparto convenzionato, in equiparazione alla dirigenza medica, dalla legge di stabilità del 2017 e dalla legge di bilancio del 2018 trovino adeguata declinazione. Per l'assistenza pediatrica non è necessario stravolgere il modello organizzativo, ben rodato e funzionante, e le norme di supporto al rinnovo integrale dell’ACN. Si deve solo ridefinire alcuni aspetti che recepiscono i cambiamenti legislativi intercorsi negli anni e finalizzare gli obiettivi di salute per l'infanzia. La stessa problematica del ricambio generazionale accoppiata al prolungamento della età media di vita, che la medicina generale ha giustamente posto in grande risalto in questi giorni, trova minor riscontro in pediatria dato il costante e preoccupante calo delle nascite che diminuirà il fabbisogno di pediatri. Questo però non significa esimersi da una attenta programmazione delle borse specialistiche perché se non si provvederà per tempo c’è il rischio reale che il sistema non regga più”. “C’è bisogno di atti concreti per recuperare un rapporto fiduciario fra la Pediatria di famiglia e l'Istituzione Stato-Regioni - conclude il presidente FIMP -. Attraverso gli organismi deputati, ci aspettiamo, anche in nome e per conto della popolazione infantile italiana, la dimostrazione che questo Paese ha ancora a cuore l'attuale modello del Sistema Sanitario Nazionale”.

Anteprima News

18/09/18

TUMORI: A LUCIA DEL MASTRO IL PREMIO “LUIGI CASTAGNETTA”

L’oncologa genovese: “E’ un grandissimo onore. Contro il cancro c’è bisogno dell’impegno di tutti”

Palermo, 18 settembre 2018 – L’oncologa Lucia Del Mastro ha vinto il premio “Luigi Castagnetta” per il suo impegno scientifico ed umano nella lotta contro il cancro. Salernitana, classe 1964, madre di…
14/09/18

TUMORI: “IN EUROPA IL 71% DEGLI ONCOLOGI UNDER 40 È COLPITO DA ‘BURN OUT’
LE RETI REGIONALI POSSONO RIDURRE DELLA METÀ I CASI”

Alba, 14 settembre 2018 – Il 71% degli oncologi europei under 40 è colpito da “burn out”, cioè da esaurimento professionale. È una sindrome che si manifesta nel lavoro, causata da situazioni emotive e…
14/09/18

TUMORE DEL POLMONE: OK DELL’EUROPA ALLA COMBINAZIONE DI PEMBROLIZUMB E CHEMIOTERAPIA IN PRIMA LINEA

Pembrolizumab è la prima terapia anti-PD-1 approvata in Europa in combinazione con chemioterapia per l’utilizzo nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico mai trattati in precedenza

L’approvazione riguarda la forma non a piccole cellule (NSCLC) metastatica non squamosa senza alterazioni genomiche di EGFR o ALK e si basa sui risultati dello studio di fase 3 KEYNOTE-189 che ha dimostrato come pembrolizumab in combinazione con chemioterapia a base di pemetrexed e platino migliori significativamente la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla sola chemioterapia

KENILWORTH, N.J., 14 settembre 2018 – La Commissione Europea ha approvato pembrolizumab, terapia anti-PD-1, in combinazione con chemioterapia a base di pemetrexed e platino per il trattamento in prima…
13/09/18

CAMBIA IL DIRETTORE GENERALE ALLA POLIAMBULANZA DI BRESCIA
ESCE DOPO 4 ANNI IL DOTT. SIGNORINI, ENTRA IL DOTT. TRIBOLDI

Brescia, 13 settembre 2018 - Avvicendamento ai vertici dell’ospedale bresciano: il dott. Alessandro Signorini, direttore generale di Fondazione Poliambulanza dal 2014, passa il testimone al dott.…
10/09/18

TUMORE TESTA COLLO: NIVOLUMAB È DISPONIBILE IN ITALIA

Roma, 10 settembre 2018 – L’Agenzia Italiana del Farmaco ha approvato la rimborsabilità di nivolumab in monoterapia per il trattamento del carcinoma squamoso della testa e del collo negli adulti in…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it