Contenuto

6 febbraio 2018

TUMORE DEL POLMONE: LA COMBINAZIONE NIVOLUMAB E IPILIMUMAB
EFFICACE IN PRIMA LINEA NEI PAZIENTI CON ELEVATO CARICO MUTAZIONALE


Primo e unico studio di fase III che ha valutato e mostrato in prima linea un beneficio di sopravvivenza libera da progressione altamente significativo con una combinazione di farmaci immuno-oncologici in pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC) con elevato carico mutazionale del tumore (TMB), indipendentemente dall’espressione di PD-L1
I risultati saranno condivisi con le autorità regolatorie e presentati in un prossimo congresso
Lo studio prosegue come programmato per determinare l’altro endpoint co-primario di sopravvivenza globale con la combinazione di nivolumab e ipilimumab in pazienti con tumori che esprimono PD-L1

(6 febbraio 2018) - Lo studio di fase III CheckMate -227 ha raggiunto l’endpoint co-primario di sopravvivenza libera da progressione (PFS) con la combinazione di nivolumab e ipilimumab rispetto alla chemioterapia in prima linea in pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC) avanzato che presentano elevato carico mutazionale (≥ 10 mutazioni /megabase, mut/mb), Tumor Mutation Burden (TMB), indipendentemente dall’espressione di PD-L1. Nello studio, il TMB è stato valutato utilizzando il test, validato analiticamente, della Foundation Medicine denominato FoundationOne CDx. Inoltre, basandosi su un’analisi ad interim per la sopravvivenza globale (OS), il Data Monitoring Committee ha raccomandato il proseguimento dello studio. Il profilo di sicurezza era in linea con quanto precedentemente riportato in pazienti con NSCLC in prima linea per la schedula di combinazione con nivolumab (3 mg/kg ogni due settimane) e bassa dose di ipilimumab (1 mg/kg ogni sei settimane).
“Il TMB è emerso come importante biomarcatore di attività immunoterapica. Per la prima volta, questo studio di fase III mostra una sopravvivenza libera da progressione superiore con la combinazione di farmaci immunoterapici in prima linea in una popolazione predefinita di pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule ed elevato TMB”, ha affermato Matthew D. Hellmann, M.D., study investigator e oncologo al Memorial Sloan Kettering Cancer Center. “CheckMate -227 ha mostrato che il TMB è un importante biomarcatore predittivo indipendente che permette di identificare una popolazione di pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule in prima linea che possono trarre beneficio dalla combinazione di nivolumab e ipilimumab”.
Giovanni Caforio, M.D. chairman e chief executive officer, Bristol Myers-Squibb, ha commentato: “Crediamo che questi risultati di CheckMate -227 rappresentino una svolta nella ricerca sul cancro e un significativo passo in avanti nel determinare quali pazienti con tumore del polmone in prima linea possano trarre maggiore beneficio dalla combinazione di nivolumab e ipilimumab. Questi dati confermano la nostra profonda conoscenza della biologia tumorale, delle principali possibilità della medicina traslazionale e l’impegno a sviluppare nuovi approcci per i pazienti oncologici”.

Lo studio CheckMate -227
CheckMate -277 è uno studio di fase III in aperto con più di 2.500 pazienti randomizzati con istologia non squamosa e squamosa, che ha valutato regimi a base di nivolumab rispetto a doppia chemioterapia contenente platino, in pazienti con NSCLC avanzato in prima linea. Questo ampio programma comprende tre parti: Part 1a e 1b, e Part 2.
Part 1a sta valutando la combinazione di nivolumab con ipilimumab e la monoterapia di nivolumab vs la chemioterapia in pazienti i cui tumori esprimono PD-L1. Part 1b ha valutato la combinazione di nivolumab con ipilimumab e la combinazione di nivolumab con la chemioterapia vs la sola chemioterapia in pazienti con tumori che non esprimono PD-L1. I livelli di espressione di PD-L1 sono stati determinati utilizzando il test diagnostico PD-L1 IHC 29-8 pharmDx sviluppato da Dako.
L’annuncio di oggi si basa su un’analisi di pazienti nei bracci con nivolumab e ipilimumab e con chemioterapia inclusi in Part 1. Gli endpoint co-primari in Part 1 (per la combinazione di nivolumab e ipilimumab) erano due: la sopravvivenza globale (OS) nei pazienti i cui tumori esprimevano PD-L1 (valutato nei pazienti arruolati in Part 1a) e la sopravvivenza libera da progressione (PFS) nei pazienti con elevato carico mutazionale (TMB), indipendentemente dall’espressione di PD-L1 (determinato nei pazienti arruolati in Part 1a e 1b). Circa il 45% dei pazienti valutabili per TMB aveva tumori che esprimevano un elevato TMB (≥ 10 mut/mb) nello studio. Bristol Myers-Squibb ha una collaborazione in corso con Foundation Medicine che continuerà per ottenere l’approvazione regolatoria per FoundationOne CDx come test diagnostico ‘associato’ per valutare il TMB per la potenziale indicazione della combinazione di nivolumab e ipilimumab in prima linea nel NSCLC.
Part 2 sta valutando nivolumab in combinazione con la chemioterapia vs sola chemioterapia in un’ampia popolazione con il solo endpoint primario di OS.
Le dosi di nivolumab e ipilimumab utilizzate nello studio sono le seguenti: nivolumab 3 mg/kg ogni due settimane e bassa dose di ipilimumab (1 mg/kg) ogni sei settimane.

Anteprima News

24/05/18

ESTATE, TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PRIMA DI ESPORSI AL SOLE
GLI ESPERTI: LE CREME NON SONO TALISMANI, VANNO USATE NEL MODO CORRETTO

Verona, 24 maggio 2018 - Il prof. Calzavara Pinton (presidente nazionale della SIDeMaST): “Assistiamo a un paradosso: si utilizzano sempre più creme protettive, ciò nonostante sono in aumento i tumori della pelle”

Senza profumo, in confezione grande e con etichette ben leggibili. È questo l’identikit della crema solare veramente efficace per prevenire le scottature secondo gli specialisti SIDeMaST (Società…
23/05/18

TUMORI: OLTRE 5.000 LE ITALIANE COLPITE IN ETÀ FERTILE
WALCE PROMUOVE UN LIBRO PER I PAZIENTI ONCOLOGICI ASPIRANTI GENITORI

Quattro storie di donne e uomini che insieme ai loro medici
hanno lottato con coraggio per essere genitori, guardando oltre la malattia

Torino, 23 maggio 2018 – Mettere la medicina narrativa al servizio degli italiani che vogliono diventare genitori anche se colpiti dal cancro. È quanto si prefigge di realizzare il libro Un Giorno…
23/05/18

TUMORE DEL FEGATO: LA SEQUENZA DI TRATTAMENTO CON SORAFENIB E REGORAFENIB MIGLIORA LA SOPRAVVIVENZA

• Nuova analisi esplorativa basata sullo studio registrativo di fase III RESORCE pubblicata sul Journal of Hepatology
• I pazienti trattati con sorafenib seguito da regorafenib hanno un tempo mediano dall’inizio del trattamento con sorafenib al decesso di 26 mesi, rispetto ai 19,2 mesi di quelli trattati con sorafenib seguito da placebo
• Nell’analisi primaria dello studio RESORCE, è stato dimostrato che in seconda linea regorafenib offre un miglioramento statisticamente significativo e clinicamente rilevante della sopravvivenza globale rispetto al placebo

Milano, 23 maggio 2018 – La sequenza di trattamento costituita da due terapie a bersaglio molecolare, sorafenib seguito da regorafenib, migliora la sopravvivenza dei pazienti con tumore del fegato…
18/05/18

INCONTINENZA FEMMINILE: LUCCA CAPITALE DELLA PREVENZIONE
IN CITTA’ LA CAMPAGNA DEGLI URO-GINECOLOGI “DONNA = DISAGIO? MAI PIÙ!”

Fornire una corretta informazione alle donne sulla prevenzione e cura dell’incontinenza urinaria. E’ questo l’obiettivo della nuova edizione della campagna Donna = Disagio? Mai Più! promossa…
18/05/18

CARCINOMA A CELLULE RENALI AVANZATO: OK DELLA COMMISSIONE EUROPEA A CABOZANTINIB IN PRIMA LINEA

La Commissione Europea (EC) ha approvato cabozantinib, al dosaggio di 20 mg, 40 mg e 60 mg, per il trattamento di prima linea di pazienti adulti con carcinoma a cellule renali (RCC) avanzato a…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it