Siete qui:

Contenuto

6 febbraio 2018

BOARD DEL CALENDARIO PER LA VITA
I VACCINI NON HANNO COLORE POLITICO E NON VANNO STRUMENTALIZZATI

Roma, 6 febbraio 2018 - Il Board del Calendario per la Vita (Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica – SItI; Società Italiana di Pediatria – SIP; Federazione Italiana Medici Pediatri – FIMP; Federazione Italiana Medici di Medicina Generale – FIMMG) ritiene importante fare alcune precisazioni sulla mozione del Consiglio Comunale di Roma su vaccinazioni e accesso a scuola dell’infanzia (non dell’obbligo).

Anzitutto, l’obbligatorietà delle vaccinazioni per l’accesso a scuola si è resa necessaria nell’attuale fase storica proprio per la continua disinformazione e l’incomprensibile attacco che le vaccinazioni (definite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ‘la più grande scoperta medica mai effettuata dall’uomo’) hanno subito negli anni scorsi, determinando nei genitori un diffuso stato di incertezza sulla loro bontà e grande beneficio, e un conseguente abbassamento delle coperture vaccinali. Il raggiungimento degli obiettivi di copertura prefissati a livello internazionale è cruciale per interrompere la diffusione degli agenti di malattie pericolose, che spesso provocano eventi epidemici (come avvenuto lo scorso anno con quasi 5.000 casi di morbillo notificati nel nostro Paese).

Le modalità organizzative adottate a seguito delle linee guida ministeriali prevedono che i bambini possano continuare a frequentare le strutture scolastiche qualora in possesso di una prenotazione presso l’ambulatorio vaccinale. Pertanto il diritto all’istruzione, anche per i bambini da 0 a 5 anni, è salvaguardato.

Non vorremmo che si volesse giustificare il rifiuto ideologico delle vaccinazioni sottintendendo che i genitori che rifiutano le vaccinazioni lo facciano per buone ragioni, cioè che le vaccinazioni non siano sicure. E che quindi il rifiuto ideologico delle vaccinazioni abbia una qualche giustificazione reale, cosa che è assolutamente smentita da tutti i dati scientifici a nostra disposizione.

Il rischio di encefalite dopo vaccino contro il morbillo è uguale a quello ‘base’ di tutta la popolazione, quello di un bambino o adulto che contrae il morbillo è da 1.000 a 2.500 volte più alto. Un genitore che per futili motivi o teorie complottiste risibili insista a non vaccinare e pretenda l’accettazione all’asilo infantile e alla scuola materna, mette in pericolo anzitutto il proprio figlio, e anche tutti i bambini più deboli, con malattie genetiche del sistema immunitario che non possono essere immunizzati per ragioni mediche, la cui unica speranza di non avere forme gravi di malattia o addirittura di morire è che tutti quelli che si possono vaccinare tranquillamente lo facciano.

I vaccini non hanno colore politico e non vanno strumentalizzati.

I vaccini non sono oggetto di scelte ‘democratiche’, quanti sono a favore e quanti sono contro, sono invece uno strumento medico al servizio del bene della collettività, come lo sono gli antibiotici e i farmaci anti-tumorali. Saremmo stupiti che l’uso degli antibiotici diventasse oggetto di diverse scelte politiche. Perché quindi i vaccini devono essere oggetto di divisione politica?

Riteniamo che si sia perso il senso della misura: si lasci alla scienza (che per sua natura è verificabile in tutte le proprie affermazioni, basta leggere la letteratura medica accreditata) stabilire quali siano le indicazioni e le misure da adottare per incrementare e difendere il livello eccellente di salute che nel campo delle malattie infettive proprio i vaccini ci hanno consentito di raggiungere.


Fausto Francia - Presidente della Società Italiana di Igiene (SItI)

Alberto Villani - Presidente della Società Italiana di Pediatria (SIP)

Giampietro Chiamenti - Presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP)

Silvestro Scotti - Segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG)

Anteprima News

24/05/18

ESTATE, TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PRIMA DI ESPORSI AL SOLE
GLI ESPERTI: LE CREME NON SONO TALISMANI, VANNO USATE NEL MODO CORRETTO

Verona, 24 maggio 2018 - Il prof. Calzavara Pinton (presidente nazionale della SIDeMaST): “Assistiamo a un paradosso: si utilizzano sempre più creme protettive, ciò nonostante sono in aumento i tumori della pelle”

Senza profumo, in confezione grande e con etichette ben leggibili. È questo l’identikit della crema solare veramente efficace per prevenire le scottature secondo gli specialisti SIDeMaST (Società…
23/05/18

TUMORI: OLTRE 5.000 LE ITALIANE COLPITE IN ETÀ FERTILE
WALCE PROMUOVE UN LIBRO PER I PAZIENTI ONCOLOGICI ASPIRANTI GENITORI

Quattro storie di donne e uomini che insieme ai loro medici
hanno lottato con coraggio per essere genitori, guardando oltre la malattia

Torino, 23 maggio 2018 – Mettere la medicina narrativa al servizio degli italiani che vogliono diventare genitori anche se colpiti dal cancro. È quanto si prefigge di realizzare il libro Un Giorno…
23/05/18

TUMORE DEL FEGATO: LA SEQUENZA DI TRATTAMENTO CON SORAFENIB E REGORAFENIB MIGLIORA LA SOPRAVVIVENZA

• Nuova analisi esplorativa basata sullo studio registrativo di fase III RESORCE pubblicata sul Journal of Hepatology
• I pazienti trattati con sorafenib seguito da regorafenib hanno un tempo mediano dall’inizio del trattamento con sorafenib al decesso di 26 mesi, rispetto ai 19,2 mesi di quelli trattati con sorafenib seguito da placebo
• Nell’analisi primaria dello studio RESORCE, è stato dimostrato che in seconda linea regorafenib offre un miglioramento statisticamente significativo e clinicamente rilevante della sopravvivenza globale rispetto al placebo

Milano, 23 maggio 2018 – La sequenza di trattamento costituita da due terapie a bersaglio molecolare, sorafenib seguito da regorafenib, migliora la sopravvivenza dei pazienti con tumore del fegato…
18/05/18

INCONTINENZA FEMMINILE: LUCCA CAPITALE DELLA PREVENZIONE
IN CITTA’ LA CAMPAGNA DEGLI URO-GINECOLOGI “DONNA = DISAGIO? MAI PIÙ!”

Fornire una corretta informazione alle donne sulla prevenzione e cura dell’incontinenza urinaria. E’ questo l’obiettivo della nuova edizione della campagna Donna = Disagio? Mai Più! promossa…
18/05/18

CARCINOMA A CELLULE RENALI AVANZATO: OK DELLA COMMISSIONE EUROPEA A CABOZANTINIB IN PRIMA LINEA

La Commissione Europea (EC) ha approvato cabozantinib, al dosaggio di 20 mg, 40 mg e 60 mg, per il trattamento di prima linea di pazienti adulti con carcinoma a cellule renali (RCC) avanzato a…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it