Siete qui:

Contenuto

16 gennaio 2018

FIMP: “I VACCINI NON SIANO AL CENTRO DELLA CAMPAGNA ELETTORALE”


Il dott. Giampietro Chiamenti: “Può essere molto pericoloso contribuire a coltivare timori ingiustificati su un fondamentale strumento di prevenzione”. Uno studio italiano dimostra il ruolo importante del pediatra di famiglia come fonte di informazione più affidabile sui vaccini

Roma, 16 gennaio 2018 – “I vaccini non possono e non devono essere messi al centro del dibattito elettorale”. E’ questo il monito della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP). “Siamo sorpresi che si pensi di abolire la recente legge sull'obbligo vaccinale - afferma il dott. Giampietro Chiamenti Presidente Nazionale FIMP -. Così vengono messe in discussione scelte di prevenzione scientificamente validate, con effetti negativi sul recupero del pericoloso calo delle coperture vaccinali degli ultimi anni. Va dimostrata l'inutilità o la pericolosità delle vaccinazioni prima di addentrarsi in una materia così delicata ed importante per la salute pubblica e non contribuire invece a coltivare dubbi e timori ingiustificati”. Lo scorso 28 dicembre 2017 Vaccine, prestigiosa rivista scientifica internazionale, ha accettato la pubblicazione on line di una ricerca condotta dall’Istituto Superiore di Sanità, Ministero della Salute, alcune Agenzie regionali sanità pubblica e due Università italiane. Il tema dell’indagine è stato il "Parental vaccine hesitancy in Italy" ed è emerso l'importante ruolo del pediatra di libera scelta come fonte principale di informazione sulle problematiche vaccinali. Dall’analisi di 3.130 questionari raccolti presso le famiglie italiane risulta, infatti, che il pediatra di famiglia sia la fonte di informazione sui vaccini piu’ affidabile per i genitori pro vaccini (88%) ma anche per quelli esitanti (71%). E comunque anche per il 47 % dei no vax. La maggior parte dei genitori ritiene che il pediatra di famiglia dedichi tempo sufficiente all’informazione (pro vax 71% hesitant 64% no vax 38%) mentre gli stessi genitori ritengono che il personale dei servizi vaccinali dedichi meno tempo. Mentre l’84% dichiara di aver ricevuto indicazioni per fare tutte le vaccinazioni.

“I dati non sorprendono perché l’azione di supporto dei pediatri di famiglia alle vaccinazioni è un compito consolidato della nostra assistenza - prosegue Giampietro Chiamenti -. Inoltre in diverse realtà il pediatra si affianca al servizio vaccinale pubblico anche nell'esecuzione del programma vaccinale, soprattutto dopo l'approvazione della legge sulle vaccinazioni obbligatorie, per garantire una migliore risposta organizzativa alle nuove esigenze. Stupisce invece che in alcune trasmissioni televisive nazionali passi il messaggio di una pediatria ostativa come se la categoria fosse allineata su posizioni di scarso sostegno alle vaccinazioni laddove invece, per sua formazione scientifica, il pediatra è ben conscio dell’importanza del ruolo preventivo delle vaccinazioni”. “Va ricordato che questi presidi sanitari hanno permesso la sconfitta definitiva del vaiolo e stanno riducendo in modo progressivo e costante altre patologie infettive infantili - sottolinea il presidente FIMP -. Questi risultati sono però messi a rischio dalla progressiva disaffezione di cittadini malinformati e non più abituati alle conseguenze di malattie che non si vedevano più proprio per effetto della loro prevenzione. Solo la scienza ci può convincere del contrario e ci conforta molto il giudizio delle famiglie italiane che testimoniano la validità dell’impegno a favore delle vaccinazioni della grandissima parte dei pediatri italiani”. “La FIMP è la Società Scientifica pediatrica che ha elaborato insieme a FIMMG, SIP e SITI il "Calendario vaccinale per la vita" adottato come proposta di riferimento dal Piano Nazionale Vaccini per il 2017-19. Purtroppo - conclude Chiamenti - dobbiamo ancora confrontarci con chi non si rende conto della responsabilità che si assume quando sostiene posizioni vicine alla esitazione vaccinale e nello specifico, se costui è un pediatra convenzionato, dobbiamo far presente che questa posizione lo pone istituzionalmente fuori dal proprio ruolo”.

Anteprima News

27/11/18

REUMATOLOGIA: A MILANO CONCERTO A FAVORE DELLA RICERCA MEDICA
“MUSICA MAESTRI!” SOSTIENE LA FONDAZIONE FIRA

Il 2 dicembre il Conservatorio Giuseppe Verdi ospiterà la manifestazione “Musica Maestri!”. Sarà distribuito il “Decalogo” per riconoscere i sintomi delle principali malattie

Milano, 27 novembre 2018 – Il Conservatorio Giuseppe Verdi ospiterà la Fondazione Italiana per la Ricerca sull'Artrite (FIRA ONLUS) il prossimo 2 dicembre per il Concerto d’Inaugurazione della…
26/11/18

SEI ITALIANE SU DIECI SOFFRONO D’INCONTINENZA URINARIA

Colpisce le donne di tutte le età soprattutto dopo la menopausa. Il presidente AIUG Gennaro Trezza: “Siamo in prima linea per affrontare il disagio”

Napoli, 26 novembre 2018 - Oltre 3 milioni di donne in Italia soffrono d’incontinenza urinaria. Il disturbo colpisce soprattutto sopra i 60 anni ma non solo. Il 20% dei casi riguarda infatti le under…
23/11/18

Anmar: “Bene sentenza Tar, ora più fondi per garantire libertà prescrittiva”

Roma, 23 novembre 2018 - “I pazienti con malattie reumatiche devono poter essere curati con i farmaci più adeguati, senza tener conto in alcun modo di aspetti economici e di budget. Per questo,…
22/11/18

SIMG: AL VIA IL PRIMO LABORATORIO DI MEDICINA DI SIMULAZIONE

Il presidente Claudio Cricelli: “Utilizzeremo un paziente virtuale su cui è possibile riprodurre malattie e condizioni cliniche realistiche utili per la didattica. Sarà a disposizione dei soci all’interno della Scuola di Alta Formazione”

Firenze, 22 novembre 2018 - La SIMG (Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie) inaugura la prima Scuola di Medicina Pratica con il primo laboratorio permanente di medicina di…
21/11/18

Promozione di una rete pediatrica contro abusi su infanzia, intesa tra AGIA e FIMP

Il protocollo mira e a diffondere la cultura dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e ad individuare azioni comuni volte al miglioramento delle politiche per l’infanzia e per la famiglia

Roma, 21 novembre 2018 - Promuovere una rete pediatrica contro il maltrattamento e l’abuso nei confronti dell’infanzia per intercettare e rilevare segnali di trascuratezza, negligenza e ogni altra…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it