mercoledì, 17 luglio 2019

Contenuto

19 aprile 2002

SPORT AND SCIENCE

Montecarlo, Hotel Meridien Beach Plaza, 25-26 aprile 2002

L’attività sportiva ha sempre rappresentato un aspetto fondamentale della società, assumendo storicamente connotati diversi in relazione alla cultura, alle tradizioni, agli ideali e allo stile di vita delle differenti comunità. E’ ovvio quindi che lo sviluppo tecnologico, il processo di globalizzazione, la migliorata qualità e durata della vita e tutte le caratteristiche proprie delle società attuali richiedano una revisione dei rapporti tra scienza e sport, sia in ambito agonistico che amatoriale.

Nel settore agonistico, il miglioramento delle prestazioni sportive e la necessaria prevalente attenzione alla salute dell’atleta, non possono prescindere dai progressi scientifici della fisiologia, della biologia, della medicina, sia anche di altre aree di sviluppo tecnologico e scientifico. Ciò soprattutto per quegli aspetti e sistemi prevalentemente coinvolti nella risposta adattativi dell’atleta allo stress sportivo, quali gli aspetti psicoemotivi, la risposta dell’apparato osteoneuromuscolare, circolatorio, neuroimmunoendocrino.
Si pone inoltre la necessità di affrontare alcuni nuovi aspetti di etica comportamentale e sportiva, quali quelli relativi ai forti interessi economici legati al mondo dello sport o dell’impiego di farmaci.
L’attività sportiva rappresenta oggi un aspetto fondamentale dello stato di salute e della qualità della vita di ogni individuo, in ogni fascia di età. Alla Medicina dello Sport competono pertanto responsabilità ben più ampie di quelle connesse all’idoneità alle attività sportive, alla medicina dell’attività agonistica e alle patologie dello sport.
La sua area di intervento si pone infatti, in linea con il Piano Sanitario Nazionale 2001-2006 approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri il 7/2/2001 e con il Piano d’azione della Comunità Europea nel campo della Sanità Pubblica 2001-2006, quale elemento essenziale di politica sanitaria per della salute del cittadino, con connotati di medicina sociale, preventiva riabilitativa.
Come ogni settore della medicina, la Medicina dello Sport deve fondarsi sullo stretto connubio tra pratica e servizi da un lato e ricerca di base e applicata dall’altro. E’ pertanto indispensabile una stretta collaborazione tra gli organismi istituzionalmente impegnati nei differenti settori al fine di ottimizzare le sinergie e di ridurre i costi gestionali derivanti da duplicazioni imperfette.

Appare inoltre indispensabile soddisfare alcune esigenze di ogni area medica:

- il collegamento tra organismi centrali ed enti locali con precise e distinte attribuzioni funzionali, rispettivamente di coordinamento e di copertura del territorio;

- l’inserimento in network europei e internazionali, con pari livello di eccellenza e competitività;

- la necessità di una gestione manageriale delle risorse economiche che non può certo basarsi sul solo finanziamento pubblico, ma deve essere di affidabile interesse per progetti comunitari europei o del settore privato.

Il Convegno Sport and Science si propone di affrontare, in una sede con marcati connotati di caratterizzazione sportiva e di extranazionalità, alcune delle problematiche sopra accennate. Dopo una prima giornata in linea con l’ampio respiro della tematica affrontata, i lavori si articoleranno in 5 workshop paralleli su argomenti ritenuti di maggiore attualità, con obiettivi più specifici e focalizzati. Il modello è quello del workshop chiuso, basato sulla partecipazione di esperti a livello internazionale che privilegi la diffusione dei risultati raggiunti e la definizione di nuove prospettive di lavoro.

Anteprima News

11/07/19

I PEDIATRI DI FAMIGLIA FIMP AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO
“NEI NOSTRI STUDI SERVONO PIU’ COLLABORATORI E STRUMENTI DIAGNOSTICI”

Il Presidente Paolo Biasci: “Così possiamo favorire l’appropriatezza prescrittiva, ridurre le ospedalizzazioni e determinare importanti risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Rapporto di fiducia con le famiglie elemento di forza dell’assistenza pediatrica grazie al rapporto convenzionale”

Roma, 11 luglio 2019 – “Bisogna garantire su tutto il territorio nazionale studi di pediatri di famiglia dotati di personale qualificato e di attrezzature diagnostiche a risposta rapida (o self-help).…
28/06/19

I FIMP: “CONDIVIDIAMO LE PROTESTE DEL MINISTRO GRILLO CONTRO CHI VUOLE METTERE IN DUBBIO IL VALORE DELLE VACCINAZIONI”

Roma, 27 giugno 2019 - “Facciamo nostre le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo, parole che devono far molto riflettere su quanto sta avvenendo nel nostro Paese rispetto ad una questione,…
26/06/19

DEDALUS ACQUISISCE IL 60% DI SOFTECH, ECCELLENZA NELLE
SOLUZIONI INFORMATICHE SOCIO-SANITARIE
ORA POSSIBILE OTTIMIZZARE RISORSE DISPONIBILI E OFFERTA DI QUALITÀ PER IL PAZIENTE IN TUTTO IL PERCORSO CLINICO-ASSISTENZIALE

In arrivo un’offerta integrata per medici di famiglia, servizi territoriali e ospedalieri con i servizi sociali, grazie al D-Four, piattaforma tecnologica di ultima generazione.

Firenze, 26 giugno 2019 – Dedalus ha acquisito il 60% della società Softech di Bologna, leader nel segmento delle soluzioni socio-sanitarie. L’ingresso di Softech completa la strategia globale di…
24/06/19

Senior Italia e Sumai lanciano allarme su difficoltà degli anziani a curarsi: subito un Tavolo con pazienti, società scientifiche e istituzioni

Roma, 24 giugno 2019 – “Serve un tavolo di confronto urgente sul diritto alla salute e alle cure per gli over 65 che veda coinvolti pazienti, istituzioni e mondo medico-scientifico, perché oggi in…
20/06/19

LA FIMP: “BISOGNA FAVORIRE LA PREVENZIONE DEGLI ABUSI SUI MINORI
SERVONO CORSI FORMATIVI SPECIFICI PER PEDIATRI DI FAMIGLIA E INSEGNANTI”

Il dott. Luigi Nigri: “In Italia manca ancora una vera cultura su un fenomeno che presenta numeri preoccupanti e che risulta in crescita. Già a livello universitario vanno previsti degli interventi”

Roma, 20 giugno 2019 – “La prevenzione degli abusi e delle violenze su bambini e adolescenti deve per forza passare dai professionisti che più di tutti interagiscono regolarmente con i minori. Quindi…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522