martedì, 12 dicembre 2017

Siete qui:

Contenuto

4 ottobre 2017

FIMP: “CONTRO L’USO DI DROGHE IL PEDIATRA PUO’ FAVORIRE
L’INFORMAZIONE E L’EDUCAZIONE DI GIOVANI E FAMIGLIE”

Il dott. Giampietro Chiamenti: “Pronti a collaborare con scuola, genitori, forze dell'ordine, medici e istituzioni per arginare un fenomeno in forte crescita e sempre più precoce”

Roma, 3 ottobre 2017 – “Il ruolo del pediatra di famiglia è fondamentale per incentivare l’informazione e l’educazione dei giovani, in affiancamento alla scuola, sul preoccupante fenomeno del consumo di droga tra i minorenni”. E’ quanto ha sostenuto il dott. Giampietro Chiamenti Presidente Nazionale della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) nel corso della tavola rotonda “Il ruolo della famiglia nella prevenzione dell'uso di droghe". L’evento si è svolto ieri ed è stato promosso dal Vicariato di Roma e dal Forum Associazioni Familiari Lazio, il Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri e fa parte delle iniziative della Settimana della Famiglia (in programma a Roma dall'1-8 Ottobre). “La FIMP ha partecipato portando il contributo dei pediatri di famiglia - aggiunge Chiamenti - in linea con l'impegno della categoria in campo sociale come dichiarato nel proprio ultimo congresso scientifico nazionale. Scuola, genitori, forze dell'ordine, medici, pediatri e istituzioni sono le componenti coinvolte per arginare un fenomeno in forte crescita e sempre più precoce. Supportare, trasmettere e dialogare usando adeguati counselling con il preadolescente e l'adolescente oltre che direttamente con i genitori significa interpretare in pieno la propria mission di tutela della salute su temi delicati come l'uso di droghe e psicofarmaci, fumo, alcol e dipendenza dal gioco. Sono tutte azioni che rientrano nella promozione di stili di vita corretti che possiamo favorire grazie al rapporto fiduciario e alla presenza capillare sul territorio che noi pediatri di famiglia abbiamo con le famiglie italiane”. “Il bilancio di salute in età pre e adolescenziale potrebbe essere l'occasione per migliorare di dialogo con il giovane - conclude Chiamenti - ma anche l'occasione per fornire alle famiglie gli strumenti utili per il riconoscimento precoce dei segnali di allarme e per dare le informazioni utili per intervenire adeguatamente in quell’arco di tempo definito "finestra evolutiva del neurosviluppo relativa all'età adolescenziale". Si tratta del periodo di vita in cui si può ancora modificare il processo di plasticità del sistema neurofisiologico; prima che la dipendenza si strutturi e si consolidi definitivamente”.

Anteprima News

04/12/17

L’ALLARME DEI PEDIATRI: “NELLA FINANZIARIA POCHE RISORSE PER LA SANITA’”

Firenze,1 dicembre 2017 – “La Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) esprime grande preoccupazione per l'assenza di finanziamento del sistema sanitario pubblico ed in particolare per il rinnovo…
28/11/17

SPONDILOARTRITI: 500MILA EURO PER 10 BORSE DI STUDIO
LA SIR: “FINANZIAMO GIOVANI RICERCATORI CONTRO PATOLOGIE GRAVI”

Il prof. Mauro Galeazzi: “Malattie che riducono in modo drastico la mobilità e possono colpire anche i 20enni. Oggi grazie alle nuove terapie possiamo garantire una buona qualità di vita ai pazienti”.

Roma, 28 novembre 2017 – Cinquecentomila euro per dieci borse di studio a giovani reumatologi nel biennio 2017-2018 per progetti di ricerca sulla diagnosi precoce delle spondiloatriti. La Società…
23/11/17

FIMP: “OTTIMA LA DECISIONE DELLA CONSULTA SUI VACCINI”

Roma, 23 novembre 2017 – Il dott. Giampietro Chiamenti: “La Suprema Corte ha giustamente ribadito la correttezza della legge approvata la scorsa estate. La tutela della salute non può e non deve essere terreno di scontro politico”

La Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) accoglie con favore la recente decisione della Corte Costituzionale sui vaccini. Nel respingere il ricorso del Veneto la Consulta ha giustamente ribadito…
21/11/17

INSIEME CONTRO IL CANCRO: “ECCO COME TUTTI INSIEME
POSSIAMO VINCERE LA SFIDA CONTRO IL ‘MALE DEL SECOLO’”

Torino, 21 novembre 2017 – Raccolti in un volume, disponibile nelle librerie italiane, 22 testimonianze di personaggi provenienti da vari mondi perché “ognuno può e deve fare la propria parte contro le neoplasie”. Il coach Max Allegri e la Presidente Evelina Christillin spiegano come possiamo favorire la prevenzione e ricerca oncologica

Lanciare una vera e propria dichiarazione di guerra al cancro, a 360 gradi. Che deve coinvolgere tutti: i medici e i ricercatori, ovviamente, ma anche le Istituzioni, la Politica, la Cultura, lo…
09/11/17

LA SIUrO: “CHI HA IL PENE CURVO NON CORRE MAGGIORI RISCHI DI CANCRO”

Il prof. Alberto Lapini: “Evitiamo inutili allarmismi. La ricerca statunitense è interessante ma non dimostra in modo chiaro e inequivocabile il legame tra il problema genitale e alcuni tumori”

Roma, 9 novembre 2017 – “Non è ancora stato accertato e riconosciuto in modo inequivocabile il legame tra il disturbo del pene curvo e un maggiore rischio di insorgenza di alcune forme di cancro.…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it