mercoledì, 19 settembre 2018

Siete qui:

Contenuto

4 ottobre 2017

FIMP: “CONTRO L’USO DI DROGHE IL PEDIATRA PUO’ FAVORIRE
L’INFORMAZIONE E L’EDUCAZIONE DI GIOVANI E FAMIGLIE”

Il dott. Giampietro Chiamenti: “Pronti a collaborare con scuola, genitori, forze dell'ordine, medici e istituzioni per arginare un fenomeno in forte crescita e sempre più precoce”

Roma, 3 ottobre 2017 – “Il ruolo del pediatra di famiglia è fondamentale per incentivare l’informazione e l’educazione dei giovani, in affiancamento alla scuola, sul preoccupante fenomeno del consumo di droga tra i minorenni”. E’ quanto ha sostenuto il dott. Giampietro Chiamenti Presidente Nazionale della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) nel corso della tavola rotonda “Il ruolo della famiglia nella prevenzione dell'uso di droghe". L’evento si è svolto ieri ed è stato promosso dal Vicariato di Roma e dal Forum Associazioni Familiari Lazio, il Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri e fa parte delle iniziative della Settimana della Famiglia (in programma a Roma dall'1-8 Ottobre). “La FIMP ha partecipato portando il contributo dei pediatri di famiglia - aggiunge Chiamenti - in linea con l'impegno della categoria in campo sociale come dichiarato nel proprio ultimo congresso scientifico nazionale. Scuola, genitori, forze dell'ordine, medici, pediatri e istituzioni sono le componenti coinvolte per arginare un fenomeno in forte crescita e sempre più precoce. Supportare, trasmettere e dialogare usando adeguati counselling con il preadolescente e l'adolescente oltre che direttamente con i genitori significa interpretare in pieno la propria mission di tutela della salute su temi delicati come l'uso di droghe e psicofarmaci, fumo, alcol e dipendenza dal gioco. Sono tutte azioni che rientrano nella promozione di stili di vita corretti che possiamo favorire grazie al rapporto fiduciario e alla presenza capillare sul territorio che noi pediatri di famiglia abbiamo con le famiglie italiane”. “Il bilancio di salute in età pre e adolescenziale potrebbe essere l'occasione per migliorare di dialogo con il giovane - conclude Chiamenti - ma anche l'occasione per fornire alle famiglie gli strumenti utili per il riconoscimento precoce dei segnali di allarme e per dare le informazioni utili per intervenire adeguatamente in quell’arco di tempo definito "finestra evolutiva del neurosviluppo relativa all'età adolescenziale". Si tratta del periodo di vita in cui si può ancora modificare il processo di plasticità del sistema neurofisiologico; prima che la dipendenza si strutturi e si consolidi definitivamente”.

Anteprima News

18/09/18

TUMORI: A LUCIA DEL MASTRO IL PREMIO “LUIGI CASTAGNETTA”

L’oncologa genovese: “E’ un grandissimo onore. Contro il cancro c’è bisogno dell’impegno di tutti”

Palermo, 18 settembre 2018 – L’oncologa Lucia Del Mastro ha vinto il premio “Luigi Castagnetta” per il suo impegno scientifico ed umano nella lotta contro il cancro. Salernitana, classe 1964, madre di…
14/09/18

TUMORI: “IN EUROPA IL 71% DEGLI ONCOLOGI UNDER 40 È COLPITO DA ‘BURN OUT’
LE RETI REGIONALI POSSONO RIDURRE DELLA METÀ I CASI”

Alba, 14 settembre 2018 – Il 71% degli oncologi europei under 40 è colpito da “burn out”, cioè da esaurimento professionale. È una sindrome che si manifesta nel lavoro, causata da situazioni emotive e…
14/09/18

TUMORE DEL POLMONE: OK DELL’EUROPA ALLA COMBINAZIONE DI PEMBROLIZUMB E CHEMIOTERAPIA IN PRIMA LINEA

Pembrolizumab è la prima terapia anti-PD-1 approvata in Europa in combinazione con chemioterapia per l’utilizzo nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico mai trattati in precedenza

L’approvazione riguarda la forma non a piccole cellule (NSCLC) metastatica non squamosa senza alterazioni genomiche di EGFR o ALK e si basa sui risultati dello studio di fase 3 KEYNOTE-189 che ha dimostrato come pembrolizumab in combinazione con chemioterapia a base di pemetrexed e platino migliori significativamente la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla sola chemioterapia

KENILWORTH, N.J., 14 settembre 2018 – La Commissione Europea ha approvato pembrolizumab, terapia anti-PD-1, in combinazione con chemioterapia a base di pemetrexed e platino per il trattamento in prima…
13/09/18

CAMBIA IL DIRETTORE GENERALE ALLA POLIAMBULANZA DI BRESCIA
ESCE DOPO 4 ANNI IL DOTT. SIGNORINI, ENTRA IL DOTT. TRIBOLDI

Brescia, 13 settembre 2018 - Avvicendamento ai vertici dell’ospedale bresciano: il dott. Alessandro Signorini, direttore generale di Fondazione Poliambulanza dal 2014, passa il testimone al dott.…
10/09/18

TUMORE TESTA COLLO: NIVOLUMAB È DISPONIBILE IN ITALIA

Roma, 10 settembre 2018 – L’Agenzia Italiana del Farmaco ha approvato la rimborsabilità di nivolumab in monoterapia per il trattamento del carcinoma squamoso della testa e del collo negli adulti in…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it