Contenuto

2 ottobre 2017

GLI ONCOLOGI: “SÌ ALL’AUMENTO DEL PREZZO DELLE SIGARETTE
COSÌ POTREMO ANCHE TROVARE NUOVE RISORSE PER I FARMACI INNOVATIVI ANTI-CANCRO”

Milano, 2 ottobre 2017 – Il prof. Carmine Pinto, Presidente nazionale AIOM: “L’incremento del costo delle ‘bionde’ rappresenta una battaglia di civiltà contro il principale fattore di rischio oncologico. Servono risorse per finanziare e implementare anche nel 2018 il Fondo per i farmaci innovativi in oncologia, che va esteso ai test richiesti per la prescrizione di queste terapie”

“Più di centomila casi di tumore ogni anno in Italia sono dovuti al fumo di sigaretta. L’85-90% dei tumori del polmone, il 75% di quelli del testa e collo e della vescica, il 25-30% di quelli del pancreas sono imputabili al tabagismo. L’aumento del prezzo delle sigarette rappresenta una battaglia di civiltà ed è una strada giù percorsa con successo da altri Paesi come l’Australia, la Norvegia e l’Irlanda”. Il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica), plaude alla proposta del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, di aumentare di un centesimo il prezzo di ogni sigaretta: in questo modo si potrebbero recuperare più di 700 milioni di euro ogni anno. “La nostra società scientifica – spiega il prof. Pinto – più di un anno fa sostenne una campagna per l’istituzione di un Fondo Nazionale per l’Oncologia, da finanziare con le accise sul tabacco – ‘1 centesimo a sigaretta’ – per colpire uno dei principali fattori di rischio oncologico e garantire l’accesso a tutti i pazienti ai farmaci innovativi”. Il Governo italiano nell’ottobre 2016 istituì per la prima volta un Fondo di 500 milioni di euro da destinare alle nuove terapie anticancro. “Chiediamo – sottolinea il prof. Pinto - che venga previsto anche per il 2018 un adeguato Fondo Nazionale per i farmaci innovativi in Oncologia e che questo Fondo sia destinato alla copertura dei costi non solo dei farmaci ma anche dei test richiesti dall’agenzia regolatoria per gli stessi farmaci. Uno strumento per garantire il Fondo anche nell’immediato futuro potrebbe essere proprio l’aumento del prezzo delle sigarette. Se non vengono individuate risorse aggiuntive, nel prossimo futuro si può concretizzare il rischio che i malati non siano curati con le terapie più efficaci”.
“Secondo l’American Cancer Society – conclude il prof. Pinto – il consumo di tabacco è responsabile ogni anno di circa il 30% di tutte le morti. In Italia questa stima corrisponde a più di 180mila decessi annui evitabili, dovuti a tumori, malattie cardiovascolari e dell’apparato respiratorio. È importante sottolineare che smettere di fumare riduce, dopo 5 anni, del 50% il rischio di sviluppare tumori del cavo orale, dell’esofago e della vescica e, dopo 10 anni, si riduce la probabilità di avere una diagnosi di cancro del polmone. Proprio quest’ultima è la neoplasia che risente di più del vizio. La probabilità di svilupparla aumenta di 14 volte nei tabagisti rispetto ai non fumatori e fino a 20 volte nelle persone che consumano oltre 20 sigarette al giorno”.

Anteprima News

13/06/18

TUMORE DEL COLON-RETTO: MEZZO MILIONE DI ITALIANI VIVE DOPO LA DIAGNOSI

Un bando per oncologi premia l’innovatività nella comunicazione per migliorare l’alleanza medico-paziente

Milano, 13 giugno 2018 – Per promuovere l’educazione dei clinici in tema di carcinoma del colon-retto metastatico, Bayer ha lanciato il progetto Evolving Oncology. L’obiettivo è individuare,…
08/06/18

L’FDA accetta la richiesta di nuovo farmaco: concessa la Priority Review a larotrectinib

Milano, 8 giugno 2018 – L’ente regolatorio americano, la Food and Drug Administration (FDA), ha accettato la richiesta di nuovo farmaco (New Drug Application, NDA) concedendo la Priority Review a…
08/06/18

SIMG: “SALUTIAMO CON SINCERI SENTIMENTI DI RISPETTO E DESIDERIO DI COLLABORAZIONE IL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO”

Firenze, 8 giugno 2018 - “Salutiamo con sinceri sentimenti di rispetto e desiderio di collaborazione il Ministro della Salute, on. Giulia Grillo. Le auguriamo sopra ogni cosa di esaltare e migliorare…
05/06/18

NIVOLUMAB CON CHEMIOTERAPIA MOSTRA UNA SOPRAVVIVENZA LIBERA DA PROGRESSIONE MIGLIORE RISPETTO ALLA SOLA CHEMIOTERAPIA IN PAZIENTI CON TUMORE DEL POLMONE CON PD-L1 < 1% IN PRIMA LINEA

Lo studio di Fase III CheckMate -227 è uno studio randomizzato che fornisce anche importanti informazioni sulle combinazioni tra farmaci immuno-oncologici e tra un immuno-oncologico e la chemioterapia

Per entrambe le combinazioni contenenti nivolumab, sono presentati i risultati secondo il carico mutazionale del tumore (TMB)

Chicago, 5 giugno 2018 - Bristol-Myers Squibb (NYSE: BMY) ha presentato oggi i risultati di una parte dello studio di Fase III CheckMate -227, che ha valutato la combinazione di nivolumab e ipilimumab…
04/06/18

FIMP: “BUON LAVORO AL NUOVO MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO”

La Federazione dei Pediatri di Famiglia esprime grande attenzione e interesse per le sue proposte, soprattutto per quelle riguardanti il rilancio del servizio sanitario nazionale, il superamento del modello ospedalo-centrico e il rafforzamento delle cure territoriali

Roma, 4 giugno 2018 – “La Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) si complimenta con l’on. Giulia Grillo per la sua elezione alla guida del Ministero della Salute, Le augura buon lavoro e Le offre…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it