mercoledì, 19 settembre 2018

Siete qui:

Contenuto

29 settembre 2017

TUMORI DELLA TESTA-COLLO: IL 75% DEI CASI È DOVUTO A FUMO E ALCOL
A PALERMO IL TEAM È MULTIDISCIPLINARE PER CURE PIÙ EFFICACI

Il prof. Antonio Russo, Direttore Oncologia Medica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria del Policlinico: “Il GOTeC riunisce professionisti di vari reparti che collaborano sinergicamente integrando le specifiche competenze in tutto il percorso diagnostico-terapeutico”

Palermo, 29 settembre 2017 – Il 75% dei tumori della testa e del collo è riconducibile al fumo di sigaretta e all’abuso di alcol. Chi fuma ha infatti un rischio 15 volte più alto di sviluppare la neoplasia, probabilità che aumenta ulteriormente se al tabacco si associa il consumo di alcol. Nel 2017 in Italia sono stimati 9.400 nuovi casi (7.200 uomini e 2.200 donne). “Queste neoplasie riguardano in particolare la laringe, la bocca, la lingua e la faringe - afferma il prof. Antonio Russo, Direttore dell’UOC di Oncologia Medica Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico di Palermo - e circa 113.165 persone nel nostro Paese vivono dopo la diagnosi. Quando la malattia è individuata in fase precoce, le possibilità di guarigione variano dal 75% al 100%. Da 5 anni l’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico di Palermo ha costituito un team multidisciplinare altamente professionale e competente per la presa in carico globale dei pazienti con tumore testa-collo, primo fra tutti il carcinoma della cavità orale. Si chiama GOTeC (Gruppo Oncologico Testa e Collo) e riunisce professionisti di vari reparti che collaborano sinergicamente integrando le specifiche competenze in tutto il percorso diagnostico-terapeutico”. Per quanto riguarda la diagnosi, il team è composto dai proff. Giuseppina Campisi (medicina orale), Antonio Lo Casto (radiologia), Vito Rodolico (anatomia patologica), Anna Giammanco (microbiologia), e per la terapia da Adriana Cordova (chirurgia plastica e ricostruttiva) e Gaetana Rinaldi (oncologa del gruppo del prof. Antonio Russo). “L’obiettivo principale - continua il prof. Russo - è fornire ai pazienti affetti da carcinomi del distretto testa-collo un percorso di diagnosi e terapia multidisciplinare dedicato e all’avanguardia. Grazie a un progetto obiettivo di PSN (Piano Sanitario Nazionale), finanziato dall’Assessorato Regionale della Salute, è stata creata e già rilasciata una piattaforma digitale intranet, una cartella clinica elettronica condivisa fra le varie branche che riporta tutte le informazioni inserite dallo specialista che sta visitando il paziente e visionabili dagli altri professionisti in tempo reale (foto delle lesioni, referti istopatologici, imaging radiologica, trattamenti farmacologici)”. Il 30 settembre a Palermo, a Villa Riso, si svolgerà la giornata “Dal team building al team working nel management delle neoplasie del distretto testa-collo”. La giornata prevede una lettura magistrale sulle nuove indicazioni nei tumori del distretto testa e collo della prof.ssa Lisa Licitra dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, uno dei più importanti esperti a livello mondiale per il trattamento di queste patologie, la presentazione del GOTeC da parte delle prof.sse Campisi e Cordova e la relazione della dr.ssa Rinaldi sul trattamento dei pazienti terminali e terapia del dolore.

Anteprima News

18/09/18

TUMORI: A LUCIA DEL MASTRO IL PREMIO “LUIGI CASTAGNETTA”

L’oncologa genovese: “E’ un grandissimo onore. Contro il cancro c’è bisogno dell’impegno di tutti”

Palermo, 18 settembre 2018 – L’oncologa Lucia Del Mastro ha vinto il premio “Luigi Castagnetta” per il suo impegno scientifico ed umano nella lotta contro il cancro. Salernitana, classe 1964, madre di…
14/09/18

TUMORI: “IN EUROPA IL 71% DEGLI ONCOLOGI UNDER 40 È COLPITO DA ‘BURN OUT’
LE RETI REGIONALI POSSONO RIDURRE DELLA METÀ I CASI”

Alba, 14 settembre 2018 – Il 71% degli oncologi europei under 40 è colpito da “burn out”, cioè da esaurimento professionale. È una sindrome che si manifesta nel lavoro, causata da situazioni emotive e…
14/09/18

TUMORE DEL POLMONE: OK DELL’EUROPA ALLA COMBINAZIONE DI PEMBROLIZUMB E CHEMIOTERAPIA IN PRIMA LINEA

Pembrolizumab è la prima terapia anti-PD-1 approvata in Europa in combinazione con chemioterapia per l’utilizzo nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico mai trattati in precedenza

L’approvazione riguarda la forma non a piccole cellule (NSCLC) metastatica non squamosa senza alterazioni genomiche di EGFR o ALK e si basa sui risultati dello studio di fase 3 KEYNOTE-189 che ha dimostrato come pembrolizumab in combinazione con chemioterapia a base di pemetrexed e platino migliori significativamente la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla sola chemioterapia

KENILWORTH, N.J., 14 settembre 2018 – La Commissione Europea ha approvato pembrolizumab, terapia anti-PD-1, in combinazione con chemioterapia a base di pemetrexed e platino per il trattamento in prima…
13/09/18

CAMBIA IL DIRETTORE GENERALE ALLA POLIAMBULANZA DI BRESCIA
ESCE DOPO 4 ANNI IL DOTT. SIGNORINI, ENTRA IL DOTT. TRIBOLDI

Brescia, 13 settembre 2018 - Avvicendamento ai vertici dell’ospedale bresciano: il dott. Alessandro Signorini, direttore generale di Fondazione Poliambulanza dal 2014, passa il testimone al dott.…
10/09/18

TUMORE TESTA COLLO: NIVOLUMAB È DISPONIBILE IN ITALIA

Roma, 10 settembre 2018 – L’Agenzia Italiana del Farmaco ha approvato la rimborsabilità di nivolumab in monoterapia per il trattamento del carcinoma squamoso della testa e del collo negli adulti in…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it