Siete qui:

Contenuto

11 settembre 2017

TUMORE DEL POLMONE: “UN PAZIENTE SU 5 È VIVO A 3 ANNI CON NIVOLUMAB”

La dott.ssa Marina Garassino, responsabile Oncologia Medica Toraco Polmonare all’INT di Milano: “L’85% delle diagnosi riguarda i tabagisti che finora non disponevano di terapie efficaci. Anche i dati della pratica clinica quotidiana confermano gli ottimi risultati dell’immuno-oncologia”

Madrid, 11 settembre 2017 – L’immuno-oncologia conferma nel tumore del polmone gli importanti risultati già raggiunti nel melanoma. Nivolumab è infatti in grado di triplicare e raddoppiare il numero di pazienti vivi a 3 anni rispetto alla chemioterapia (docetaxel) rispettivamente nell’istologia squamosa e non squamosa. I dati sono presentati al Congresso della European Society for Medical Oncology (ESMO) in corso a Madrid. Lo studio CheckMate -017 ha coinvolto 272 pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule squamoso: a tre anni il 16% dei pazienti trattati con nivolumab (uno su 6) era vivo rispetto al 6% con docetaxel. E nello studio CheckMate -057, che ha coinvolto 582 persone con la forma non squamosa della malattia, il 18% era vivo dopo 36 mesi (cioè un paziente su 5), raddoppiando così la percentuale rispetto alla chemioterapia (9%). Nel nostro Paese nel 2016 sono state registrate 41.300 nuove diagnosi di tumore del polmone (27.800 uomini e 13.500 donne). “L’Italia ha ricoperto un ruolo di primo piano in questi studi perché abbiamo arruolato il maggior numero di pazienti, circa il 10% del totale – spiega la dott.ssa Marina Garassino, responsabile della Struttura Semplice di Oncologia Medica Toraco Polmonare presso la Fondazione IRCCS Istituto Nazionale di Tumori di Milano -. Oggi possiamo parlare di cronicizzazione della malattia. Queste persone non solo vivono a lungo termine, ma hanno anche un’ottima qualità di vita (possono lavorare, praticare sport ecc), risultati impensabili prima dell’introduzione dell’immuno-oncologia. Solo il 15% dei casi di tumore del polmone riguarda i non fumatori, che di solito presentano mutazioni genetiche e possono essere trattati con farmaci a bersaglio molecolare. Ma l’85% delle diagnosi interessa i tabagisti, che non sono caratterizzati da queste alterazioni e non disponevano fino a pochi anni fa di alcuna arma realmente efficace”. I dati presentati al Congresso ESMO rappresentano il più lungo follow up riportato con un inibitore di PD-1 rispetto alla chemioterapia in pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule precedentemente trattati. “La ricerca italiana si distingue a Madrid anche per 5 presentazioni relative a nivolumab utilizzato nella pratica clinica quotidiana – continua la dott.ssa Garassino -. Si tratta di dati ‘real life’, relativi cioè a pazienti non selezionati come avviene invece negli studi clinici. Sono state coinvolte quasi 1600 persone, in alcuni casi in condizioni particolarmente critiche perché molto anziane o con metastasi cerebrali (e proprio per questo tradizionalmente escluse dagli studi clinici). I dati ‘real life’ confermano l’efficacia, la sicurezza e la tollerabilità della molecola anche in queste categorie di pazienti”. “Il trattamento del tumore del polmone – conclude la dott.ssa Garassino – è indirizzato sempre più verso la personalizzazione della terapia, anche grazie all’utilizzo dei biomarcatori. Fra i vari fattori un ruolo in questo senso potrà essere svolto in futuro dal tumor mutational burden: si basa sul principio che quanto più la cellula tumorale si differenzia da quella normale tanto maggiore è la possibilità che il sistema immunitario la riconosca come estranea e quindi si attivi per contrastarla. Uno studio pubblicato recentemente sul New England Journal of Medicine ha infatti evidenziato che i pazienti con un alto numero di mutazioni rispondono meglio all’immuno-oncologia. E si è osservato come i grandi fumatori presentino molte mutazioni, per questo potrebbero essere i candidati ideali per l’immuno-oncologia”.

Anteprima News

24/05/18

ESTATE, TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PRIMA DI ESPORSI AL SOLE
GLI ESPERTI: LE CREME NON SONO TALISMANI, VANNO USATE NEL MODO CORRETTO

Verona, 24 maggio 2018 - Il prof. Calzavara Pinton (presidente nazionale della SIDeMaST): “Assistiamo a un paradosso: si utilizzano sempre più creme protettive, ciò nonostante sono in aumento i tumori della pelle”

Senza profumo, in confezione grande e con etichette ben leggibili. È questo l’identikit della crema solare veramente efficace per prevenire le scottature secondo gli specialisti SIDeMaST (Società…
23/05/18

TUMORI: OLTRE 5.000 LE ITALIANE COLPITE IN ETÀ FERTILE
WALCE PROMUOVE UN LIBRO PER I PAZIENTI ONCOLOGICI ASPIRANTI GENITORI

Quattro storie di donne e uomini che insieme ai loro medici
hanno lottato con coraggio per essere genitori, guardando oltre la malattia

Torino, 23 maggio 2018 – Mettere la medicina narrativa al servizio degli italiani che vogliono diventare genitori anche se colpiti dal cancro. È quanto si prefigge di realizzare il libro Un Giorno…
23/05/18

TUMORE DEL FEGATO: LA SEQUENZA DI TRATTAMENTO CON SORAFENIB E REGORAFENIB MIGLIORA LA SOPRAVVIVENZA

• Nuova analisi esplorativa basata sullo studio registrativo di fase III RESORCE pubblicata sul Journal of Hepatology
• I pazienti trattati con sorafenib seguito da regorafenib hanno un tempo mediano dall’inizio del trattamento con sorafenib al decesso di 26 mesi, rispetto ai 19,2 mesi di quelli trattati con sorafenib seguito da placebo
• Nell’analisi primaria dello studio RESORCE, è stato dimostrato che in seconda linea regorafenib offre un miglioramento statisticamente significativo e clinicamente rilevante della sopravvivenza globale rispetto al placebo

Milano, 23 maggio 2018 – La sequenza di trattamento costituita da due terapie a bersaglio molecolare, sorafenib seguito da regorafenib, migliora la sopravvivenza dei pazienti con tumore del fegato…
18/05/18

INCONTINENZA FEMMINILE: LUCCA CAPITALE DELLA PREVENZIONE
IN CITTA’ LA CAMPAGNA DEGLI URO-GINECOLOGI “DONNA = DISAGIO? MAI PIÙ!”

Fornire una corretta informazione alle donne sulla prevenzione e cura dell’incontinenza urinaria. E’ questo l’obiettivo della nuova edizione della campagna Donna = Disagio? Mai Più! promossa…
18/05/18

CARCINOMA A CELLULE RENALI AVANZATO: OK DELLA COMMISSIONE EUROPEA A CABOZANTINIB IN PRIMA LINEA

La Commissione Europea (EC) ha approvato cabozantinib, al dosaggio di 20 mg, 40 mg e 60 mg, per il trattamento di prima linea di pazienti adulti con carcinoma a cellule renali (RCC) avanzato a…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it