Contenuto

7 luglio 2017

DECRETO VACCINI: “SOLO LE CURE DEL TERRITORIO GARANTISCONO LA GIUSTA PROFESSIONALITÀ. VANNO INTEGRATI IN RETE GLI STUDI DEI PEDIATRI E DEI MEDICI DI FAMIGLIA”

Roma, 7 luglio 2017 - Il presidente Giampietro Chiamenti: “La profilassi non è solo fare una puntura, ma un’attività che richiede competenze, organizzazione e un rapporto di fiducia costruito nel tempo con le famiglie”

“Il pediatra di famiglia è la figura professionale che in Italia sviluppa e garantisce l’assistenza sanitaria a bambini e adolescenti in tutti i suoi aspetti, in particolare per tutto quanto attiene alla prevenzione ed al mantenimento del buono stato di salute. In queste ore invece, nell’ambito della discussione degli emendamenti alla legge sull’obbligo vaccinale in corso all’interno della XII Commissione del Senato, sembra che ci sia dimenticati di questa evidenza. Va modernizzato il sistema vaccinale integrando in rete gli studi dei pediatri di famiglia e dei medici di medicina generale”. È la presa di posizione del dott. Giampietro Chiamenti, Presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) sul testo relativo al decreto vaccini in discussione al Senato. “La vaccinazione di un bambino – spiega il dott. Chiamenti - è un atto sanitario che non può non far parte della professionalità del pediatra di famiglia che dei piccoli pazienti cura ogni aspetto di tipo sanitario e sociale e rappresenta il principale, ed in molti casi esclusivo, riferimento per le famiglie che ogni giorno si rivolgono ai nostri studi per qualsiasi informazione, consiglio, cura e supporto in situazioni di difficoltà. Vaccinare non è solo fare una puntura, ma è un’attività che richiede competenze professionali, formazione continua, sensibilità, organizzazione, capacità relazionali, facilità di accesso, che le famiglie possono trovare solo nell’ambito delle cure primarie e dell’organizzazione capillare che i pediatri di famiglia e i medici di medicina generale offrono in Italia. La vaccinazione non può essere demandata ad altre figure professionali non altrettanto adeguatamente formate e che non possono mettere in campo quel rapporto diretto e fiduciario con le famiglie che rappresenta un fiore all’occhiello del nostro Servizio Sanitario Nazionale. In Italia abbiamo negli anni garantito ad ogni bambino il suo pediatra di famiglia, crediamo che i bambini abbiano il diritto di essere vaccinati dal loro pediatra e le famiglie di potersi rivolgere per questo allo specialista che hanno scelto per la salute dei loro figli”. “Facciamo un appello – continua il dott. Chiamenti - che è anche un suggerimento alle istituzioni politiche e sanitarie che con grande serietà stanno affrontando un tema così delicato e alle quali la FIMP manifesta ancora una volta la propria soddisfazione per l’attenzione alla salute dei nostri assistiti, a non disperdere queste energie positive e reali che il nostro paese può vantare e che deve avere il coraggio e la responsabilità di coinvolgere ed impiegare al fine di modernizzare il sistema vaccinale che ha dato negli anni passati risultati importanti ma che ora ha necessità di nuove energie e nuovi stimoli di cui il Decreto Legge in approvazione ha bisogno per realizzarsi nei suoi obiettivi”. “Ci aspettiamo – conclude il dott. Chiamenti - che finalmente anche l’ambito delle cure primarie pediatriche possa essere coinvolto nelle attività vaccinali attraverso una programmazione che deve essere avviata in ogni regione e che riconosca nel pediatra di famiglia una figura di riferimento essenziale per fornire una corretta informazione, aumentare l'adesione alle vaccinazioni e raggiungere le coperture vaccinali previste”.

Anteprima News

13/06/18

TUMORE DEL COLON-RETTO: MEZZO MILIONE DI ITALIANI VIVE DOPO LA DIAGNOSI

Un bando per oncologi premia l’innovatività nella comunicazione per migliorare l’alleanza medico-paziente

Milano, 13 giugno 2018 – Per promuovere l’educazione dei clinici in tema di carcinoma del colon-retto metastatico, Bayer ha lanciato il progetto Evolving Oncology. L’obiettivo è individuare,…
08/06/18

L’FDA accetta la richiesta di nuovo farmaco: concessa la Priority Review a larotrectinib

Milano, 8 giugno 2018 – L’ente regolatorio americano, la Food and Drug Administration (FDA), ha accettato la richiesta di nuovo farmaco (New Drug Application, NDA) concedendo la Priority Review a…
08/06/18

SIMG: “SALUTIAMO CON SINCERI SENTIMENTI DI RISPETTO E DESIDERIO DI COLLABORAZIONE IL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO”

Firenze, 8 giugno 2018 - “Salutiamo con sinceri sentimenti di rispetto e desiderio di collaborazione il Ministro della Salute, on. Giulia Grillo. Le auguriamo sopra ogni cosa di esaltare e migliorare…
05/06/18

NIVOLUMAB CON CHEMIOTERAPIA MOSTRA UNA SOPRAVVIVENZA LIBERA DA PROGRESSIONE MIGLIORE RISPETTO ALLA SOLA CHEMIOTERAPIA IN PAZIENTI CON TUMORE DEL POLMONE CON PD-L1 < 1% IN PRIMA LINEA

Lo studio di Fase III CheckMate -227 è uno studio randomizzato che fornisce anche importanti informazioni sulle combinazioni tra farmaci immuno-oncologici e tra un immuno-oncologico e la chemioterapia

Per entrambe le combinazioni contenenti nivolumab, sono presentati i risultati secondo il carico mutazionale del tumore (TMB)

Chicago, 5 giugno 2018 - Bristol-Myers Squibb (NYSE: BMY) ha presentato oggi i risultati di una parte dello studio di Fase III CheckMate -227, che ha valutato la combinazione di nivolumab e ipilimumab…
04/06/18

FIMP: “BUON LAVORO AL NUOVO MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO”

La Federazione dei Pediatri di Famiglia esprime grande attenzione e interesse per le sue proposte, soprattutto per quelle riguardanti il rilancio del servizio sanitario nazionale, il superamento del modello ospedalo-centrico e il rafforzamento delle cure territoriali

Roma, 4 giugno 2018 – “La Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) si complimenta con l’on. Giulia Grillo per la sua elezione alla guida del Ministero della Salute, Le augura buon lavoro e Le offre…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it