mercoledì, 20 settembre 2017

Siete qui:

Contenuto

27 giugno 2017

SOSTANZE STUPEFACENTI, CRESCE IL CONSUMO TRA I GIOVANISSIMI
I PEDIATRI FIMP: ‘SUBITO AL VIA PROGRAMMI DI INFORMAZIONE NELLE SCUOLE’

Il dott. Giampietro Chiamenti: “Il fenomeno spesso inizia in età pre-adolescenziale. Bisogna fornire alle famiglie gli strumenti per intervenire precocemente. Siamo pronti a dare il nostro contributo”

Roma, 27 giugno 2017 – “La Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) è pronta a dare il suo contributo per contrastare il preoccupante fenomeno del sempre maggiore consumo di sostanze stupefacenti nel nostro Paese. Bisogna puntare su programmi integrati di informazione e formazione già in età scolare fornendo alle famiglie gli strumenti per riconoscere i campanelli d’allarme ed intervenire precocemente”. E’ quanto afferma la FIMP in occasione della seconda giornata di lavori del seminario Donne e Droghe: dalla politica alla buona pratica organizzato dal Dipartimento Politiche Antidroga del Governo e dal Gruppo Pompidou. L’iniziativa fa parte della Giornata Mondiale contro la Droga e vede per la prima volta la partecipazione anche dei rappresentanti dei pediatri di famiglia. “I dati italiani sono davvero preoccupanti - afferma il dott. Giampietro Chiamenti Presidente della FIMP -. Gli adolescenti residenti nel nostro Paese sono ai primi posti in Europa per consumo di alcol, droghe, sigarette, tranquillanti e sedativi. La sostanza illegale più sperimentata, almeno una volta nella vita, è la cannabis. La provano il 21% dei giovani mentre la media europea si attesta al 17%. L’inizio precoce avviene di solito intorno ai 14 anni, ma è in aumento l’utilizzo anche tra i pre-adolescenti. E’ quindi una fascia d’età chiaramente di interesse pediatrico”. “Questo fenomeno può avere conseguenze negative anche da un punto di vista neuropsicologico - afferma la dott.ssa Stefania Russo Responsabile Nazionale di progetto FIMP per i rapporti col Dipartimento Antidroga e col MIUR -. Lo sviluppo plastico dell’encefalo si completa solo intorno ai 20 anni e quindi ogni sostanza d’abuso, assunta prima, può interferire nel normale processo di maturazione neuronale e dare il via a tutta una serie di effetti avversi come danni sulla memoria breve e riduzione della concentrazione. Esistono poi problemi sulla capacità di problem solving, sul controllo motorio e sul tempo di reazione. È dimostrato inoltre che l’uso precoce e frequente di droghe può aumentare l’insorgenza di disturbi dell’umore, come ansia e depressione, e favorire il rischio di dipendenza in età adulta. Infine non va dimenticato il ricorso alla droga dello stupro che, mescolata alle bevande alcoliche, può essere responsabile di numerosi casi di violenza sessuale. E’ quindi necessario l’impegno di tutti, istituzioni, ricercatori, medici, operatori sanitari, per combattere questa piaga sempre più in crescita”.

Anteprima News

18/09/17

TUMORE DELL’OVAIO: OPINIONE POSITIVA DAL CHMP PER NIRAPARIB

Roma, 18 settembre 2017 – Il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP, Committee for Medicinal Products for Human Use) dell’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha espresso parere favorevole…
14/09/17

SICILIA ALL'AVANGUARDIA NELLE DIAGNOSI ULTRA-SPECIALISTICHE
IL DIRETTORE PROF. MARCELLO CIACCIO "SIAMO TRA I SEI PIÙ IMPORTANTI LABORATORI CENTRALIZZATI IN ITALIA"

I settori strategici sono la neurochimica clinica per la diagnosi dell'Alzheimer e di altre demenze, il monitoraggio del mieloma, tecnologie avanzate per il controllo dell'emostasi e della coagulazione

Palermo, 14 settembre 2017 - Le attrezzature sono di altissima tecnologia; inseriscono il laboratorio del Policlinico 'Paolo Giaccone' di Palermo tra i 6 CoreLab più avanzati in Italia. Quello che si…
11/09/17

MELANOMA: “CON L’IMMUNO-ONCOLOGIA IL 58% DEI PAZIENTI È VIVO A 3 ANNI
E L’ITALIA È UN ESEMPIO NEL MONDO NEI MALATI PIÙ DIFFICILI DA TRATTARE”

Il prof. Ascierto, Direttore Oncologia dell’Istituto partenopeo: “Grazie alla combinazione di nivolumab e ipilimumab si concretizza la possibilità di cronicizzare la patologia nella metà dei casi”. Nuove prospettive nella terapia adiuvante, cioè dopo l’intervento chirurgico. Risposte migliori se le cellule tumorali esprimono LAG-3

Madrid, 11 settembre 2017 – Italia protagonista nel mondo nella ricerca sul melanoma. L’Istituto Nazionale Tumori Fondazione “Pascale” di Napoli ha infatti arruolato il maggior numero di pazienti in…
11/09/17

TUMORE DEL POLMONE: “UN PAZIENTE SU 5 È VIVO A 3 ANNI CON NIVOLUMAB”

La dott.ssa Marina Garassino, responsabile Oncologia Medica Toraco Polmonare all’INT di Milano: “L’85% delle diagnosi riguarda i tabagisti che finora non disponevano di terapie efficaci. Anche i dati della pratica clinica quotidiana confermano gli ottimi risultati dell’immuno-oncologia”

Madrid, 11 settembre 2017 – L’immuno-oncologia conferma nel tumore del polmone gli importanti risultati già raggiunti nel melanoma. Nivolumab è infatti in grado di triplicare e raddoppiare il numero…
10/09/17

TUMORE UROTELIALE: PEMBROLIZUMAB MIGLIORA LA SOPRAVVIVENZA RIDOTTO DEL 30% IL RISCHIO DI MORTE

Madrid, 10 settembre 2017 – Nel 2016 in Italia sono stati stimati 23.940 nuovi casi di carcinoma uroteliale, il tipo più frequente (90%) di tumore della vescica. Pembrolizumab, molecola…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it