venerdì, 23 febbraio 2018

Siete qui:

Contenuto

16 giugno 2017

IPERTENSIONE, CORRETTO RIDURRE IL SALE, MA NON ELIMINARLO
GLI ESPERTI: UN APPORTO INSUFFICIENTE POTREBBE NUOCERE ALLA SALUTE

Il prof. Giuseppe Mancia: “Per una dieta corretta il consumo non dovrebbe scendere al di sotto di 7,5 gr al giorno, ancora non sappiamo se esistono danni da basso apporto di sodio”

Milano, 16 giugno 2017 – Diminuire il consumo di sale, introdotto con la dieta, abbassa il rischio di insorgenza di ipertensione. Tuttavia un eccesso di riduzione, al di sotto dei 7,5 grammi di sale al giorno (corrispondenti a 3 grammi di sodio), potrebbe essere dannoso per la salute. Gli specialisti stanno ancora valutando quale sia la dose ideale di sodio da assumere soprattutto per i malati. Sono queste le conclusioni di uno studio condotto da un gruppo costituito da Word Heart Federation, dalla Società Europea dell’Ipertensione (ESH) e dall’European Public Health Association. Il lavoro scientifico è presentato durante il 27° Congresso dell’ESH che si apre oggi e che vede riuniti per quattro giorni a Milano oltre 3.000 specialisti provenienti da 34 Paesi. “Gli studi clinici finora condotti hanno dimostrato che l’abbassamento della pressione si verifica con un consumo inferiore a 3 grammi di sale al giorno - afferma il prof. Giuseppe Mancia Presidente dell’ESH Meeting di Milano e primo autore dello studio -. Questo genere di interventi di salute pubblica risultano però difficili da condurre su tutta la popolazione mondiale in particolar modo nei Paesi a reddito medio-basso. Definire la dose di sodio ottimale per il benessere dell’organismo è difficile e controverso. Non abbiamo ancora dati scientifici certi sugli effetti che un consumo moderato di sale offrirebbe alla riduzione del rischio cardiovascolare e di decesso. Il nostro studio - conclude Mancia - suggerisce di limitare l’apporto di sale senza però andare al di sotto dei 7,5 grammi al giorno perché non conosciamo ancora le conseguenze per la salute”.

Anteprima News

16/02/18

IPSEN: GRANDI RISULTATI NEL 2017 CON UNA CRESCITA NELLE VENDITE DEL 21,1% E UN AUMENTO DEL MARGINE OPERATIVO DI 3,4 PUNTI

Previsto un ulteriore significativo sviluppo nelle vendite e nel margine nel 2018

Parigi (Francia), 16 febbraio 2018 – Ipsen (Euronext: IPN; ADR: IPSEY), gruppo biofarmaceutico globale, oggi ha annunciato i risultati finanziari dell’anno 2017. Highlights - aumento delle vendite…
16/02/18

RINNOVO ACN PEDIATRIA DI FAMIGLIA: LA FIMP, “SERVE UN ACCORDO URGENTE PER SANARE LA SITUAZIONE DI SOFFERENZA DELLA CATEGORIA”

Il dott. Giampietro Chiamenti: “Siamo ancora lontani da un rinnovo normativo integrale ma si intravede la possibilità dello sblocco della parte economica riguardante gli arretrati”

Roma, 16 febbraio 2018 – Proseguono le trattative per il rinnovo dell’Accordo Collettivo Nazionale (ACN) della Pediatria di Famiglia. Positivi per ora gli esiti dell'intensa settimana di contatti e…
08/02/18

SONDAGGIO FONDAZIONE AIOM

Participa all'indagine Caricamento in corso...
06/02/18

BOARD DEL CALENDARIO PER LA VITA
I VACCINI NON HANNO COLORE POLITICO E NON VANNO STRUMENTALIZZATI

Roma, 6 febbraio 2018 - Il Board del Calendario per la Vita (Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica – SItI; Società Italiana di Pediatria – SIP; Federazione Italiana Medici…
30/01/18

LA FIMP: “ANCORA TROPPI BAMBINI COLPITI DALL’INFLUENZA STAGIONALE
BISOGNA CAMBIARE STRATEGIA ED ESTENDERE LE VACCINAZIONI”


La Società Scientifica dei pediatri di famiglia: “I giovanissimi dai 6 mesi ai 6 anni vanno inseriti nelle categorie considerate a rischio e che quindi necessitano di immunizzazione”

Roma, 30 gennaio 2018 – L’influenza stagionale anche quest’anno ha interessato soprattutto i giovanissimi. Secondo gli ultimi dati ha colpito il 4% dei bambini con meno di quattro anni e il 2% di…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it