mercoledì, 18 luglio 2018

Contenuto

5 giugno 2017

TUMORE DEL POLMONE: “IL 49% DEI PAZIENTI È VIVO A DUE ANNI
LA COMBINAZIONE NIVOLUMAB E IPILIMUMAB EFFICACE IN PRIMA LINEA”

Chicago, 5 giugno 2017 – Il prof. Francesco Grossi dell’Ospedale San Martino di Genova: “Dati importanti che indicano la strada da seguire. Anche nel microcitoma per la prima volta in un trentennio passi in avanti significativi”

Nel 2016 in Italia 27.800 uomini e 13.500 donne hanno ricevuto la diagnosi di tumore del polmone. La sopravvivenza a 5 anni è pari al 16% (15% uomini e 19% donne), più alta rispetto alla media europea (13%), ma ancora bassa. Al 53° Congresso dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) in corso a Chicago, sono presentati i risultati dello studio Checkmate -012 che ha valutato la combinazione di due molecole immuno-oncologiche, nivolumab e ipilimumab, in prima linea cioè in persone con tumore del polmone non a piccole cellule in fase avanzata non trattate in precedenza. Il 49% dei pazienti è vivo a due anni e il tasso di risposta obiettiva ha raggiunto il 43%. “Sono dati estremamente importanti che confermano quale sia la direzione da seguire – spiega il prof. Francesco Grossi, Responsabile UOS Tumori Polmonari all’IRCCS AOU San Martino IST, Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro di Genova -. La combinazione delle terapie consente infatti di ottenere risultati migliori rispetto a queste armi utilizzate singolarmente. E a Genova è in corso uno studio di fase IV proprio con questo approccio”. Il tumore del polmone non a piccole cellule non squamoso (adenocarcinoma) rappresenta circa il 60% dei casi, l’istotipo non a piccole cellule squamoso il 20-25%, il carcinoma a piccole cellule (microcitoma) circa il 15%. “In quest’ultimo tipo di tumori del polmone – sottolinea il prof. Grossi - non si registrano progressi da 30 anni: in prima linea infatti viene utilizzato lo stesso schema di chemioterapia e sono state scarse le novità introdotte in seconda linea. I carcinomi a piccole cellule rispondono rapidamente alla chemioterapia, ma con la stessa velocità presentano progressioni della malattia. Si avverte quindi con forza l’esigenza di nuovi trattamenti in quest’area. Il microcitoma inoltre presenta le caratteristiche ideali per essere trattato con l’immuno-oncologia, perché è una patologia quasi esclusivamente dei forti fumatori che risultano ‘immunogenici’ e possono trarre benefici dalla combinazione di queste molecole”. Lo studio CheckMate -032 presentato a Chicago ha analizzato due gruppi di pazienti colpiti da microcitoma in fase avanzata già trattati in precedenza con chemioterapia: al primo (98 persone) è stato somministrato nivolumab, al secondo (61) la combinazione nivolumab e ipilimumab. “Con la combinazione – continua il prof. Grossi – il tasso di risposta obiettiva ha raggiunto il 25% rispetto al 11% con la monoterapia. Il controllo della malattia, che include la risposta e la stabilità, è raggiunto nel 49% dei pazienti con la combinazione (36% con nivolumab). I pazienti vivi a 2 anni con la combinazione sono pari al 30%, con la monoterapia al 17%”. Presentato a Chicago anche uno studio su persone con tumore del polmone non a piccole cellule avanzato con traslocazione del gene ALK (presente in circa il 5% dei casi di adenocarcinoma, in particolare giovani e non fumatori). “Ceritinib, un inibitore di ALK, è stato utilizzato in combinazione con nivolumab in due gruppi di pazienti – conclude il prof. Grossi -. Le risposte hanno raggiunto rispettivamente l’83% e il 70%. Dati promettenti che richiedono in futuro studi di conferma”.

Anteprima News

18/07/18

TUMORI GASTROINTESTINALI CON FUSIONI GENICHE DI TRK: TASSO DI RISPOSTA GLOBALE DEL 67% CON LAROTRECTINIB DI BAYER

• Una sub-analisi conferma risposte marcate, rapide e durature per larotrectinib in pazienti con neoplasie maligne gastrointestinali localmente avanzate o metastatiche che presentano fusioni geniche di neurotrophic tropomyosin receptor kinase (NTRK)
• Larotrectinib è oggetto di Priority Review negli Stati Uniti

Milano, 18 luglio 2018 – Sette pazienti su dieci colpiti da tumori gastrointestinali, che presentano una particolare alterazione genetica, la fusione di geni NTRK (neurotrophic tropomyosin receptor…
16/07/18

AUTISMO: SONO 500MILA GLI ITALIANI COLPITI DALLA MALATTIA
AL VIA IL PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE TRA FIMP E ISS

Firmato un accordo tra la Federazione Italiana Medici Pediatri e l’Istituto Superiore
di Sanità. Le prime attività in programma riguarderanno il riconoscimento precoce dei disturbi del neurosviluppo e lo studio dell’impatto dei fattori ambientali sulla salute di bambini e adolescenti

Roma,16 luglio 2018 – Sottoscritto un accordo formale di collaborazione tra la Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) e l’Istituto Superiore di Sanità (ISS). “Si tratta di un accordo lungimirante…
06/07/18

SIMG: “CONDIVIDIAMO IL DOCUMENTO DELL’ISS SUI VACCINI
CONTIENE DATI E EVIDENZE SOSTENUTI DALLA COMUNITÀ SCIENTIFICA”

Firenze, 6 luglio 2018 – “Condividiamo i contenuti del documento diffuso ieri dall’Istituto Superiore di Sanità. Esso contiene dati di fatto ed evidenze condivise dalla comunità scientifica del…
04/07/18

BRISTOL-MYERS SQUIBB RICEVE IL PARERE POSITIVO DEL CHMP, CHE RACCOMANDA L'APPROVAZIONE DI NIVOLUMAB PER IL TRATTAMENTO ADIUVANTE DI PAZIENTI ADULTI CON MELANOMA

Primo e unico agente anti PD-1 a ricevere parere positivo dal CHMP nel setting adiuvante

PRINCETON, 4 luglio 2018 – Bristol-Myers Squibb Company (NYSE: BMY) ha annunciato che il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia europea per i farmaci (EMA) ha raccomandato…
03/07/18

Carcinoma ovarico: olaparib in prima linea ritarda in modo significativo la progressione della malattia

Lo studio SOLO-1 dimostra un vantaggio statistico e clinicamente rilevante di progressione libera di malattia (PFS), confermando il profilo di sicurezza, nel trattamento in mantenimento di 1° linea per pazienti con carcinoma ovarico che presentino una mutazione di BRCA.

Lo studio SOLO-1 conferma l’importanza dell’identificazione della paziente con mutazione di BRCA sin dalla diagnosi per accedere alla corretta terapia con un PARP inibitore.

Commercializzato da AstraZeneca e MSD, olaparib è ad oggi l'unico PARP inibitore a dimostrare un'efficacia significativa sulla prima linea, ponendosi in un setting curativo e non solo palliativo.

3 Luglio 2018 - AstraZeneca e MSD hanno annunciato i risultati positivi dello studio SOLO-1: il trial di Fase III, randomizzato, in doppio cieco di olaparib in compresse controllato con placebo. Le…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it