Contenuto

5 giugno 2017

TUMORE DEL POLMONE: “IL 49% DEI PAZIENTI È VIVO A DUE ANNI
LA COMBINAZIONE NIVOLUMAB E IPILIMUMAB EFFICACE IN PRIMA LINEA”

Chicago, 5 giugno 2017 – Il prof. Francesco Grossi dell’Ospedale San Martino di Genova: “Dati importanti che indicano la strada da seguire. Anche nel microcitoma per la prima volta in un trentennio passi in avanti significativi”

Nel 2016 in Italia 27.800 uomini e 13.500 donne hanno ricevuto la diagnosi di tumore del polmone. La sopravvivenza a 5 anni è pari al 16% (15% uomini e 19% donne), più alta rispetto alla media europea (13%), ma ancora bassa. Al 53° Congresso dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) in corso a Chicago, sono presentati i risultati dello studio Checkmate -012 che ha valutato la combinazione di due molecole immuno-oncologiche, nivolumab e ipilimumab, in prima linea cioè in persone con tumore del polmone non a piccole cellule in fase avanzata non trattate in precedenza. Il 49% dei pazienti è vivo a due anni e il tasso di risposta obiettiva ha raggiunto il 43%. “Sono dati estremamente importanti che confermano quale sia la direzione da seguire – spiega il prof. Francesco Grossi, Responsabile UOS Tumori Polmonari all’IRCCS AOU San Martino IST, Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro di Genova -. La combinazione delle terapie consente infatti di ottenere risultati migliori rispetto a queste armi utilizzate singolarmente. E a Genova è in corso uno studio di fase IV proprio con questo approccio”. Il tumore del polmone non a piccole cellule non squamoso (adenocarcinoma) rappresenta circa il 60% dei casi, l’istotipo non a piccole cellule squamoso il 20-25%, il carcinoma a piccole cellule (microcitoma) circa il 15%. “In quest’ultimo tipo di tumori del polmone – sottolinea il prof. Grossi - non si registrano progressi da 30 anni: in prima linea infatti viene utilizzato lo stesso schema di chemioterapia e sono state scarse le novità introdotte in seconda linea. I carcinomi a piccole cellule rispondono rapidamente alla chemioterapia, ma con la stessa velocità presentano progressioni della malattia. Si avverte quindi con forza l’esigenza di nuovi trattamenti in quest’area. Il microcitoma inoltre presenta le caratteristiche ideali per essere trattato con l’immuno-oncologia, perché è una patologia quasi esclusivamente dei forti fumatori che risultano ‘immunogenici’ e possono trarre benefici dalla combinazione di queste molecole”. Lo studio CheckMate -032 presentato a Chicago ha analizzato due gruppi di pazienti colpiti da microcitoma in fase avanzata già trattati in precedenza con chemioterapia: al primo (98 persone) è stato somministrato nivolumab, al secondo (61) la combinazione nivolumab e ipilimumab. “Con la combinazione – continua il prof. Grossi – il tasso di risposta obiettiva ha raggiunto il 25% rispetto al 11% con la monoterapia. Il controllo della malattia, che include la risposta e la stabilità, è raggiunto nel 49% dei pazienti con la combinazione (36% con nivolumab). I pazienti vivi a 2 anni con la combinazione sono pari al 30%, con la monoterapia al 17%”. Presentato a Chicago anche uno studio su persone con tumore del polmone non a piccole cellule avanzato con traslocazione del gene ALK (presente in circa il 5% dei casi di adenocarcinoma, in particolare giovani e non fumatori). “Ceritinib, un inibitore di ALK, è stato utilizzato in combinazione con nivolumab in due gruppi di pazienti – conclude il prof. Grossi -. Le risposte hanno raggiunto rispettivamente l’83% e il 70%. Dati promettenti che richiedono in futuro studi di conferma”.

Anteprima News

03/08/17

LA FIMP, “I DECRETI ATTUATIVI SULLA NUOVA LEGGE VACCINI DEVONO TENER CONTO DEL RAPPORTO DI FIDUCIA PEDIATRIA-FAMIGLIA”

Roma, 31 luglio 2017 – “La definitiva conversione in legge del decreto sui vaccini obbligatori ha chiuso un aspro dibattito politico e consegnato al Paese l'auspicato strumento per una maggiore tutela…
03/08/17

LA SIR: “LA SCOMPARSA DEL PROF. OLIVIERI, UNA PERDITA PER LA REUMATOLOGIA ITALIANA”

Roma, 31 luglio 2017 – Il past president della Società è scomparso dopo una lunga malattia

La Società Italiana di Reumatologia (SIR) esprime profondo cordoglio per la scomparsa del prof. Ignazio Benedetto Olivieri avvenuta venerdì scorso. Nato nel 1953, è stato presidente della SIR nel…
28/07/17

ARTRITE PSORIASICA ATTIVA: OK DELL’EUROPA PER ABATACEPT

28 luglio 2017 - La Commissione Europea ha approvato abatacept da solo o in combinazione con metotrexato per il trattamento dell’artrite psoriasica (AP) attiva in pazienti adulti per i quali la…
26/07/17

FIMMG, FIMP, SUMAI: LA LETTERA DEL MINISTRO LORENZIN
È UN ATTO D’ATTENZIONE

La nota inviata dal Ministro Beatrice Lorenzin al Presidente del Comitato di Settore Massimo Gravaglia sulla necessità di aggiornare l’atto di indirizzo per il rinnovo del contratto dell’area…
24/07/17

CARCINOMA UROTELIALE: PARERE POSITIVO DEL CHMP PER PEMBROLIZUMAB

La raccomandazione del Comitato per i medicinali per uso umano riguarda il trattamento di pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico

La raccomandazione riguarda sia il trattamento dei pazienti adulti che hanno ricevuto in precedenza chemioterapia contenente platino, sia pazienti non eleggibili al trattamento con cisplatino

Il parere positivo si basa sul beneficio in termini di sopravvivenza globale dimostrato dallo studio di Fase 3 KEYNOTE-045 e sulle risposte durature osservate nello studio di Fase 2 KEYNOTE-052

KENILWORTH, N.J., 24 luglio 2017 – Il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia Europea per i farmaci (EMA) ha espresso parere favorevole all'approvazione di pembrolizumab, terapia…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it