Contenuto

3 giugno 2017

TUMORI: “IL 50% DEI PAZIENTI RISPONDE ALL’IMMUNO-ONCOLOGIA
LA SFIDA È PREMERE SULL’ACCELERATORE DEL SISTEMA IMMUNITARIO”

Chicago, 2 giugno 2017 – Il prof. Michele Maio, Direttore dell’Immunoterapia Oncologica a Siena: “Le molecole a disposizione hanno permesso di raggiungere risultati importanti sbloccando il ‘freno’. La ricerca sta delineando nuove armi per potenziare la risposta contro la malattia e curare più persone”. Nivolumab efficace nelle neoplasie ginecologiche

Finora l’immuno-oncologia è andata in una direzione: togliere il “freno” con cui il tumore blocca la risposta del sistema immunitario. Il presente e il futuro mirano a premere sull’“acceleratore” del sistema immune per potenziare ancora di più la risposta contro la malattia. Sulle prospettive del nuovo approccio nella lotta al cancro si focalizzano diversi studi presentati al 53° Congresso dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) che si apre oggi a Chicago. “I risultati che abbiamo ottenuto sbloccando il ‘freno’, costituito dai recettori CTLA-4 e PD-1, sono importanti e, considerando tutti i tumori, circa il 50% dei pazienti risponde a queste terapie che, utilizzate da sole o in combinazione, hanno profondamente modificato lo standard di cura in molte neoplasie – spiega il prof. Michele Maio, Direttore dell’Immunoterapia Oncologica del Policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena -. Molecole come ipilimumab (anti CTLA-4) e nivolumab (anti PD-1) hanno dimostrato non solo di allungare la sopravvivenza ma anche di migliorare la qualità di vita dei pazienti”. Ipilimumab è stata la prima molecola immuno-oncologica approvata nel melanoma avanzato. Nivolumab è disponibile in Italia nel melanoma, nel tumore del polmone e del rene. E si stanno delineando risultati importanti anche nelle neoplasie ginecologiche come dimostrato dallo studio Checkmate -358 presentato oggi al Congresso ASCO. “La sfida immediata è capire perché metà dei pazienti non risponda ai trattamenti immuno-oncologici oggi a disposizione – sottolinea il prof. Maio -. Vogliamo cioè comprendere meglio le caratteristiche del tumore che in alcuni casi rendono inefficaci queste armi. Finora abbiamo visto solo la punta dell’‘iceberg’ dell’immuno-oncologia, oggi si stanno definendo nuove ‘strade’. Ad esempio a Chicago viene presentato uno studio sulla combinazione di nivolumab con una molecola immuno-oncologica che agisce sul recettore GITR e un altro sulla combinazione con un anti-CD27, entrambi in pazienti con tumori solidi avanzati. Siamo di fronte a una nuova categoria di anticorpi immuno-modulanti che hanno la capacità di attivare direttamente il sistema immunitario. Non tolgono il ‘freno’ ma premono sull’acceleratore, quindi il loro meccanismo d’azione è diverso. In questi studi la combinazione con nivolumab permette di agire in entrambe le direzioni e i risultati sono promettenti, soprattutto in quei pazienti che finora non hanno risposto alle terapie. In 2-3 anni probabilmente avremo a disposizione nuove strategie di cura da usare in modo trasversale in moltissimi tumori”. L’Italia ha finora svolto un ruolo fondamentale nello sviluppo delle molecole immuno-oncologiche. “Nel nostro Paese – continua il prof. Maio - sono attivi numerosi gruppi cooperativi con forte capacità di ricerca clinica e preclinica, in particolare quest’ultima potrà aiutare a capire perché non tutti i pazienti rispondano a un trattamento immuno-oncologico”. Alle ricerche concentrate sulle nuove armi per premere con forza sull’acceleratore del sistema immunitario si accompagna un seconda tendenza delle sperimentazioni che mira a scoprire i meccanismi di resistenza alle cure nel microambiente tumorale. “Non sono le cellule malate, ma anche citochine, sostanze solubili e cellule del sistema immunitario possono rendere il microambiente tumorale inattaccabile o resistente – afferma il prof. Maio -. È quindi fondamentale creare le condizioni perché il microambiente apra la ‘porta’ alla risposta immunitaria. Al Congresso di Chicago sarà presentato uno studio molto interessante sulla combinazione di nivolumab con epacadostat, molecola che agisce direttamente all’interno del microambiente tumorale. Uno dei meccanismi noti di resistenza è rappresentato da un enzima, IDO, prodotto all’interno delle masse tumorali dalle cellule malate e dai linfociti. Epacadostat è in grado di neutralizzare questo enzima che blocca l’attività del sistema immunitario. Nella strategia delineata in questo studio da un lato si attiva la risposta immunitaria togliendo il ‘freno’ grazie a nivolumab dall’altro con epacadostat si agisce direttamente dentro il tumore eliminando l’enzima IDO e facendo sì che il microambiente tumorale sia meno resistente alla terapia”. L’immuno-oncologia si sta rivelando efficace per la prima volta anche nelle neoplasie ginecologiche. “Nello studio Checkmate -358 di fase 1/2 – conclude il prof. Maio – le pazienti colpite da tumori della cervice uterina, della vagina e della vulva in fase avanzata sono state trattate con nivolumab. Le risposte obiettive hanno raggiunto il 20,8%. Il dato significativo riguarda in particolare il controllo della malattia (disease control), pari al 70,8%. Pertanto in una percentuale molto elevata di donne il tumore si è stabilizzato, in un certo senso si è fermato. La possibilità di utilizzare l’immuno-oncologia in queste pazienti apre opportunità importanti anche perché i trattamenti oggi a disposizione sono poco efficaci. Inoltre nelle pazienti coinvolte nello studio il tumore era correlato al virus HPV (Human Papilloma Virus). Si tratta di un agente eziologico che predispone le donne soprattutto allo sviluppo del cancro della cervice uterina, uno dei più frequenti nelle giovani under 50, al 5° posto con 2.300 nuove diagnosi stimate in Italia nel 2016”.

Anteprima News

03/08/17

LA FIMP, “I DECRETI ATTUATIVI SULLA NUOVA LEGGE VACCINI DEVONO TENER CONTO DEL RAPPORTO DI FIDUCIA PEDIATRIA-FAMIGLIA”

Roma, 31 luglio 2017 – “La definitiva conversione in legge del decreto sui vaccini obbligatori ha chiuso un aspro dibattito politico e consegnato al Paese l'auspicato strumento per una maggiore tutela…
03/08/17

LA SIR: “LA SCOMPARSA DEL PROF. OLIVIERI, UNA PERDITA PER LA REUMATOLOGIA ITALIANA”

Roma, 31 luglio 2017 – Il past president della Società è scomparso dopo una lunga malattia

La Società Italiana di Reumatologia (SIR) esprime profondo cordoglio per la scomparsa del prof. Ignazio Benedetto Olivieri avvenuta venerdì scorso. Nato nel 1953, è stato presidente della SIR nel…
28/07/17

ARTRITE PSORIASICA ATTIVA: OK DELL’EUROPA PER ABATACEPT

28 luglio 2017 - La Commissione Europea ha approvato abatacept da solo o in combinazione con metotrexato per il trattamento dell’artrite psoriasica (AP) attiva in pazienti adulti per i quali la…
26/07/17

FIMMG, FIMP, SUMAI: LA LETTERA DEL MINISTRO LORENZIN
È UN ATTO D’ATTENZIONE

La nota inviata dal Ministro Beatrice Lorenzin al Presidente del Comitato di Settore Massimo Gravaglia sulla necessità di aggiornare l’atto di indirizzo per il rinnovo del contratto dell’area…
24/07/17

CARCINOMA UROTELIALE: PARERE POSITIVO DEL CHMP PER PEMBROLIZUMAB

La raccomandazione del Comitato per i medicinali per uso umano riguarda il trattamento di pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico

La raccomandazione riguarda sia il trattamento dei pazienti adulti che hanno ricevuto in precedenza chemioterapia contenente platino, sia pazienti non eleggibili al trattamento con cisplatino

Il parere positivo si basa sul beneficio in termini di sopravvivenza globale dimostrato dallo studio di Fase 3 KEYNOTE-045 e sulle risposte durature osservate nello studio di Fase 2 KEYNOTE-052

KENILWORTH, N.J., 24 luglio 2017 – Il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia Europea per i farmaci (EMA) ha espresso parere favorevole all'approvazione di pembrolizumab, terapia…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it