mercoledì, 20 settembre 2017

Siete qui:

Contenuto

19 maggio 2017

I PEDIATRI FIMP: “BENE LA NUOVA LEGGE SUL CYBERBULLISMO”

Il Presidente Giampietro Chiamenti: “Finalmente un provvedimento che vuole superare il
far west di Internet. Siamo pronti ad aiutare giovani e genitori in difficoltà per colpa del web”

Roma, 19 maggio 2017 – La Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) plaude per l’approvazione della nuova legge sul cyberbullismo. “Finalmente un provvedimento efficace teso a superare il far west di Internet a garanzia dei diritti di bambini e adolescenti - afferma il dott. Giampietro Chiamenti Presidente Nazionale FIMP -. Troppo facilmente i giovani sul web sono esposti a situazioni che a volte finiscono tragicamente o che comunque creano turbative con imprevedibili conseguenze. La legge potrà recare sollievo anche ai genitori fornendoli così uno strumento legale di aiuto. Tutti gli adulti dovrebbero per primi porsi come esempio positivo per i giovani anche per quanto riguarda l’uso del web. Troppo spesso i fatti di cronaca ci ricordano che il cyberbullismo può avere delle conseguenze devastanti”. “Va inoltre sottolineato - prosegue il Presidente FIMP - che il valore aggiunto di questa iniziativa legislativa è quello di porre all’attenzione di tutta la collettiva la necessità di normare l'uso indiscriminato della Rete. Si tratta di uno strumento di grande valore sociale e che presenta innegabili vantaggi. Tuttavia si presta anche allo sdoganamento e circolazione incontrollata di bufale e pseudoscienza con conseguente dannose come quello che stiamo assistendo per le vaccinazioni”. “I pediatri della FIMP - conclude Chiamenti - nell'ambito del loro rapporto fiduciario e parallelamente dei propri compiti e funzioni si mettono a disposizione dei propri assistiti e delle loro famiglie. Possiamo aiutare tramite l'ascolto ed il colloquio clinico coloro che, a seguito del cyberbullismo, maturano difficoltà e rischi per la salute fisica e psicologica”.

Anteprima News

18/09/17

TUMORE DELL’OVAIO: OPINIONE POSITIVA DAL CHMP PER NIRAPARIB

Roma, 18 settembre 2017 – Il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP, Committee for Medicinal Products for Human Use) dell’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha espresso parere favorevole…
14/09/17

SICILIA ALL'AVANGUARDIA NELLE DIAGNOSI ULTRA-SPECIALISTICHE
IL DIRETTORE PROF. MARCELLO CIACCIO "SIAMO TRA I SEI PIÙ IMPORTANTI LABORATORI CENTRALIZZATI IN ITALIA"

I settori strategici sono la neurochimica clinica per la diagnosi dell'Alzheimer e di altre demenze, il monitoraggio del mieloma, tecnologie avanzate per il controllo dell'emostasi e della coagulazione

Palermo, 14 settembre 2017 - Le attrezzature sono di altissima tecnologia; inseriscono il laboratorio del Policlinico 'Paolo Giaccone' di Palermo tra i 6 CoreLab più avanzati in Italia. Quello che si…
11/09/17

MELANOMA: “CON L’IMMUNO-ONCOLOGIA IL 58% DEI PAZIENTI È VIVO A 3 ANNI
E L’ITALIA È UN ESEMPIO NEL MONDO NEI MALATI PIÙ DIFFICILI DA TRATTARE”

Il prof. Ascierto, Direttore Oncologia dell’Istituto partenopeo: “Grazie alla combinazione di nivolumab e ipilimumab si concretizza la possibilità di cronicizzare la patologia nella metà dei casi”. Nuove prospettive nella terapia adiuvante, cioè dopo l’intervento chirurgico. Risposte migliori se le cellule tumorali esprimono LAG-3

Madrid, 11 settembre 2017 – Italia protagonista nel mondo nella ricerca sul melanoma. L’Istituto Nazionale Tumori Fondazione “Pascale” di Napoli ha infatti arruolato il maggior numero di pazienti in…
11/09/17

TUMORE DEL POLMONE: “UN PAZIENTE SU 5 È VIVO A 3 ANNI CON NIVOLUMAB”

La dott.ssa Marina Garassino, responsabile Oncologia Medica Toraco Polmonare all’INT di Milano: “L’85% delle diagnosi riguarda i tabagisti che finora non disponevano di terapie efficaci. Anche i dati della pratica clinica quotidiana confermano gli ottimi risultati dell’immuno-oncologia”

Madrid, 11 settembre 2017 – L’immuno-oncologia conferma nel tumore del polmone gli importanti risultati già raggiunti nel melanoma. Nivolumab è infatti in grado di triplicare e raddoppiare il numero…
10/09/17

TUMORE UROTELIALE: PEMBROLIZUMAB MIGLIORA LA SOPRAVVIVENZA RIDOTTO DEL 30% IL RISCHIO DI MORTE

Madrid, 10 settembre 2017 – Nel 2016 in Italia sono stati stimati 23.940 nuovi casi di carcinoma uroteliale, il tipo più frequente (90%) di tumore della vescica. Pembrolizumab, molecola…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it