Contenuto

9 febbraio 2017

ASMA: + 51% RISCHIO OBESITÀ NEI BAMBINI NON TRATTATI
“L’ATTIVITÀ FISICA MIGLIORA IL CONTROLLO DELLA MALATTIA”

Napoli, 9 febbraio 2017 - Il prof. Giorgio Piacentini, Presidente eletto SIMRI: “Fondamentale la diagnosi precoce. E il movimento aiuta la terapia perché potenzia la muscolatura e facilita la respirazione”

I bambini colpiti da asma nei primi anni di vita, se non trattati, hanno un rischio superiore del 51% di diventare obesi nell’adolescenza. Il legame fra la malattia respiratoria e l’eccesso ponderale è dimostrato da uno studio recentemente pubblicato sul Journal of Respiratory and Critical Care Medicine: 2.171 bambini americani (età media intorno ai 6,5 anni), che frequentavano asili nido o scuole primarie, sono stati seguiti per un decennio. I risultati sono stati confermati su altri 2.684 bambini e adolescenti tra i 10 e i 18 anni. “È un’osservazione importante - afferma Giorgio Piacentini, Professore Ordinario di Pediatria all’Università di Verona e Presidente Eletto della Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili (SIMRI), - che può rispecchiare anche la situazione italiana. Lo studio americano ha evidenziato una maggiore probabilità di diventare obesi nei bambini che ricevevano una diagnosi di asma nei primi anni di vita. La ricerca ipotizza anche che un trattamento precoce agisca come preventivo sul rischio di sviluppare non solo obesità ma anche altre malattie metaboliche, come pre-diabete e diabete, in età adulta.” “Un tempo - aggiunge il professor Piacentini, - con una diagnosi di questo tipo si sconsigliava l’attività sportiva nei bambini per evitare l’asma da sforzo. Ora, invece, la appoggiamo caldamente perché un regolare esercizio fisico protegge dal peggioramento della malattia. La sedentarietà incide negativamente favorendo sovrappeso e obesità negli anni successivi. Invece il movimento aiuta anche la terapia perché potenzia la muscolatura e facilita la respirazione. Non solo. La mancanza di attività fisica e il consumo di merendine e cibo non adeguato, come spesso accade nei bambini che rimangono a casa, sono controproducenti. Meglio invitare i genitori a stimolare i figli a fare attività all’aria aperta che non solo impedisce l’accumulo di peso ma aiuta anche a produrre vitamina D, che è di per sé un fattore protettivo sull’asma.”

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) indica che nel 2010 nei 28 Paesi Europei erano almeno 78 milioni i bambini con asma da 0 a 14 anni, di questi ogni anno più di 167.000 sono ricoverati in ospedale e almeno 40 muoiono. In Italia, come in tutti i Paesi industrializzati, più del 10% della popolazione pediatrica, cioè circa 800 mila bambini, ha una diagnosi di asma. In totale, nel mondo erano circa 300 milioni le persone asmatiche e continueranno a crescere fino ad almeno 400 milioni nel 2025. Di asma si parlerà al convegno “La Medicina di Transizione in Pneumologia: La gestione dello stesso paziente in età diverse della vita” in programma il 10 e 11 febbraio a Napoli. Nell’ambito della collaborazione di SIMRI con AIPO (Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri), le due Società hanno organizzato questo meeting per affrontare alcune tematiche di interesse comune, come l’asma bronchiale, allo scopo di favorire una maggiore collaborazione culturale, la ricerca e l’interscambio operativo su patologie che riguardano lo stesso organo ma in diverse età della vita.

Anteprima News

22/02/17

AL VIA IL TOUR DEI PEDIATRI “VACCINARE SU E GIÙ PER LO STIVALE”


Previsti eventi formativi a Torino, Roma e Catania in collaborazione con i Collegi Ostetriche

Torino, 22 febbraio 2017 - Parte da Torino la terza edizione del tour “Vaccinando su e giù per lo Stivale”. L’iniziativa è promossa dalla Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) e quest’anno…
22/02/17

IL PAPILLOMA VIRUS NELL’UOMO DETERMINA INFERTILITÀ, POLIABORTIVITÀ ED È CAUSA DI INSUCCESSO NEI TRATTAMENTI DI FECONDAZIONE ASSISTITA: RUOLO DEL VACCINO PER ELIMINARE QUESTE CONSEGUENZE

La ricerca dell’Unità di Andrologia e Medicina Riproduzione dell’Azienda Ospedaliera di Padova, diretta dal professor Carlo Foresta, dimostra che la presenza del Papilloma Virus nel liquido seminale…
17/02/17

DICHIARAZIONE CONGIUNTA SOCIETA’ FIRMATARIE DEL CALENDARIO PER LA VITA

Alla vigilia dell’ufficializzazione tramite la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dei nuovi LEA Vaccinali, in concomitanza con l’approvazione del Piano Nazionale Vaccini 2017/2019, le quattro…
14/02/17

TUBERCOLOSI, IN ITALIA CASI IN AUMENTO DEL 20% DAL 2013
“MORTALITÀ NEI BAMBINI AL 2% GRAZIE ALLA TERAPIA PREVENTIVA”


Roma, 14 febbraio 2017 - La dott.ssa Laura Lancella del Bambino Gesù di Roma “L’infezione sotto i 5 anni è più aggressiva perché il sistema immunitario non è ancora sviluppato. I piccoli non sono quasi mai contagiosi, gli adulti diffondono la malattia”

In Italia 126 bambini sotto i 15 anni si sono ammalati di tubercolosi nel 2013, erano 184 nel 2009. Una riduzione che si è osservata inizialmente anche nella popolazione generale: i nuovi casi in un…
13/02/17

PUGLIA ALL’AVANGUARDIA AL VIA IL PROGETTO SCAP (SERVIZIO DI CONSULENZA PEDIATRICA AMBULATORIALE)

Bari, 13 febbraio 2017 - Si chiama SCAP (Servizio di consulenza pediatrica ambulatoriale) ed è una buona pratica sviluppatasi nella Asl Bat in modo sperimentale ed estesa oggi, con approvazione in…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it