giovedì, 03 settembre 2015

Contenuto

20 marzo 2003

LE ‘MALATTIE VENEREE’: SIFILIDE E GONORREA

La sifilide acquisita
Secondo la tradizione popolare, la sifilide venne introdotta in Europa dall’America dai marinai di Cristoforo Colombo e poi diffusa in Italia dai soldati dell’armata di Carlo V. Nel mondo occidentale apparve dunque nel 1490 e per 60 anni presentò caratteristiche epidemiche e maligne; attualmente presenta quadri clinici meno gravi.
La sifilide, il cui agente eziologico è il batterio treponema pallidum, può essere trasmessa oltre che per contagio sessuale (sifilide acquisita) anche da una madre infetta al feto (sifilide congenita).
Nella sifilide acquisita l’infezione viene in genere contratta per contagio diretto sessuale con individui infetti: i treponemi si moltiplicano nel punto di ingresso, i germi si possono diffondere ai linfonodi e invadere il torrente circolatorio. La malattia evolve in diversi stadi:
1. dopo l’infezione si ha un periodo di incubazione che oscilla fra 10 giorni e 3 mesi;
2. nello stadio primario ,si sviluppa la lesione primaria, un sifiloma iniziale caratterizzato da ulcera con margine duro in cui si rinvengono i treponemi;
3. dopo la scomparsa del sifiloma, compare lo stadio secondario caratterizzato dalla diffusione ematogena dei treponemi. Si ha eruzione cutanea generalizzata, e la comparsa, a carico della mucosa orale o genitale, di placche, spesso accompagnate da sintomi generali come febbre modesta e malessere generale;
4. lo stadio terziario è lo stadio molto tardivo che può insorgere dopo un lungo periodo di latenza dal secondario. E’ caratterizzato dalla comparsa di lesioni granulomatose ed andamento cronico in sede dermica o ipodermica. Nel periodo terziario le manifestazioni di maggior rilievo sono però a carico dell’SNC, con alterazioni degenerative irreparabili della corteccia cerebrale e del midollo spinale.

La sifilide congenita
La sifilide congenita è una grave malattia che colpisce il nato da madre infetta. Esso contrae la malattia attraverso la placenta, dopo il terzo mese di gravidanza; l’infezione può determinare in circa il 50-60% dei casi la rapida morte del feto o la nascita di neonati con una grave malattia che si manifesta con lesioni precoci o tardive.

La gonorrea
E' una malattia venerea, causata dall'infezione da parte del batterio Neisseria gonorrhoeae o gonococco di Neisser; in medicina viene anche definita "blenorragia" e più volgarmente è conosciuta come "scolo".
Quasi sempre l'infezione viene contratta durante il rapporto sessuale. Raramente possono essere veicoli l'acqua del bagno, il vestiario o la biancheria infetta. I batteri entrano nell'organismo attraverso l'uretra, il canale che collega la vescica con l'esterno.
Malgrado non sia grave come la sifilide, la gonorrea, può causare sterilità o artrite. Nel caso di una donna incinta che si è infettata, la malattia può essere trasmessa al neonato, al momento del parto, durante il passaggio attraverso la vagina, con probabile infezione degli occhi e conseguente cecità per lesioni corneali. I sintomi della gonorrea si manifestano una settimana circa dopo il contagio; l'uomo sente bruciore durante la minzione e può anche perdere pus dal pene. Nella donna i sintomi appaiono in ritardo o addirittura non comparire. Nel caso vi sia il manifestarsi di sintomi, si presentano con secrezioni purulente dall'uretra, bruciore durante la minzione e dolori nella parte inferiore dell'addome. La gonorrea era molto diffusa negli ultimi decenni, in particolare negli Stati Uniti, dove è diventata la principale malattia batterica, con una stima di circa 3 milioni di casi all’anno. Tra i fattori ritenuti responsabili di questa "epidemia" di gonorrea sono: l’aumento di promiscuità sessuale, i metodi contraccettivi non protettivi, la diminuita sensibilità del gonococco a vari antibiotici e, soprattutto, un vasto serbatoio di persone asintomatiche che inconsapevolmente trasmettono la malattia ai loro partner.
Attualmente l’incidenza è in forte diminuzione a causa delle precauzioni adottate dalle popolazioni per evitare il contagio dal virus dell’AIDS.

Anteprima News

22/06/15

MELANOMA: LA COMMISSIONE EUROPEA APPROVA NIVOLUMAB, UN IMPORTANTE PASSO IN AVANTI PER I PAZIENTI CON MALATTIA IN FASE AVANZATA

Roma, 22 giugno 2015 -Nivolumab ha dimostrato un beneficio di sopravvivenza globale con una riduzione del rischio di morte del 58% ed un tasso di sopravvivenza ad un anno del 73% nel primo studio di fase 3 CheckMate -066 per il trattamento dei pazienti con melanoma avanzato

La Commissione Europea ha approvato nivolumab, inibitore del checkpoint immunitario PD-1, per il trattamento dei pazienti con melanoma avanzato (non operabile o metastatico) sia in prima linea che…
02/06/15

TUMORE DEL POLMONE: I NANOFARMACI SONO LA NUOVA ARMA. IL PROF. GRIDELLI: “EFFICACE L’ASSOCIAZIONE CON LA CHEMIOTERAPIA”

Chicago, 2 giugno 2015 – Il Direttore dell’Onco-ematologia dell’Ospedale Moscati di Avellino: “Nab-paclitaxel in combinazione con carboplatino ha evidenziato ottimi risultati anche nei pazienti anziani. È più tollerabile e meno tossico rispetto alle terapie tradizionali”. Nel 2014 in Italia 40mila nuovi casi

Una nuova arma contro il tumore del polmone in fase avanzata. È costituita da un nanofarmaco, nab-paclitaxel, che associato a carboplatino (un farmaco chemioterapico) ha dimostrato maggiore efficacia…
01/06/15

TUMORE DEL PANCREAS, OGNI ANNO IN ITALIA OLTRE 12.000 NUOVI CASI. IL PROF. RENI: “LA RICERCA APRE UNA NUOVA ERA DEL TRATTAMENTO”

Chicago, 1 giugno 2015 – L’esperto dell’Ospedale San Raffaele di Milano: “Fino a poco tempo fa era una patologia orfana. La combinazione nab-paclitaxel e gemcitabina ha dimostrato di migliorare il tasso di risposta e la sopravvivenza. Il nostro Paese capofila per numero di pazienti arruolati nello studio APACT

Si apre una nuova era per i pazienti colpiti da tumore del pancreas, una delle neoplasie a prognosi più sfavorevole. La combinazione nab-paclitaxel e gemcitabina, alla base dello studio MPACT, sta…
01/06/15

Melanoma: la combinazione nivolumab + ipilimumab e la monoterapia con nivolumab aumentano la sopravvivenza libera da progressione

1 giugno - Significativi dati di fase III presentati nel primo abstract della Plenaria al Congresso mondiale di Oncologia a Chicago e pubblicati sul New England Journal of Medicine. Una pietra miliare nel trattamento del melanoma in fase avanzata

Importanti risultati nel trattamento del melanoma in fase avanzata presentati al 51° Congresso dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) in corso a Chicago fino a domani. La combinazione…
31/05/15

TUMORE DEL SENO, ITALIA AL VERTICE DELLA RICERCA. IL PROF. CONTE: “COSÌ POSSIAMO MIGLIORARE LA SOPRAVVIVENZA”

Il nostro è il secondo Paese al mondo per pazienti reclutate. Il Direttore dell’Oncologia dello IOV di Padova: “Dimostrata l’efficacia di nab-paclitaxel nelle forme più difficili da trattare. Il nanofarmaco funziona anche nelle pazienti anziane e quando viene somministrato prima della chirurgia

Chicago, 31 maggio 2015 – Oggi è possibile aumentare la concentrazione del farmaco antitumorale per colpire selettivamente le cellule malate. Grazie alla nanotecnologia particelle di dimensioni…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it