Contenuto

12 aprile 2003

08 - LA SCOPERTA: WATSON, CRICK E IL NOBEL 'RUBATO' A ROSALIND FRANKLIN

James Dewey Watson nasce a Chicago nel 1928. Nel 1947 consegue la laurea in Zoologia all’Università di Chicago e tre anni dopo il Ph.D. all’Università dell’Indiana, con la supervisione di Salvador Luria. Successivamente svolge attività di ricerca presso l'Università di Copenhagen. Proprio in questo periodo, durante un simposio organizzato presso la Stazione biologica di Napoli, incontra Maurice H.F. Wilkins, che lo stimola a dirigere le sue ricerche verso la struttura chimica degli acidi nucleici e delle proteine.
Tra il '51 e il '56 è al Cavendish Institute Laboratory dell'Università di Cambridge, dove nasce il sodalizio con Francis H.C. Crick: insieme avviano la ricerca sulla struttura del DNA che li porterà, nel marzo del '53, a proporre la celebre struttura a doppia elica che significò per il giovane Watson la fama mondiale e, nel '62, il Nobel per la Medicina insieme a Crick e Wilkins. Nel ‘76 lasciato l’incarico di professore al dipartimento di biologia molecolare di Harvard, assume quello di direttore del Cold Spring Laboratori di Long Island dove intraprende ricerche di alto livello nel campo dell’oncologia, della biologia molecolare, della biochimica cellulare, della neurologia. Dall’89 al ‘92 si impegna nel progetto mondiale del National Institute of Health per mappare e sequenziare il genoma umano.

Francis Harry Compton Crick nasce in Inghilterra, a Northampton, nel giugno del 1916. Intraprende gli studi scientifici fino a ottenere il Ph.D. nel 1937, ma è costretto, due anni dopo a interrompere le ricerche a causa del conflitto mondiale. In questo periodo è impegnato come scienziato nell’esercito britannico, da cui si dimette nel ‘47 per studiare biologia. Entra con una borsa di studio a Cambridge dove lavora in diversi dipartimenti di medicina e biologia molecolare, occupandosi della diffrazione dei raggi X. Nel 1953-54 è a New York, poi a Harvard. La svolta nella sua vita di scienziato avviene proprio nel ‘53 quando incontra Watson e inizia a lavorare sulla struttura del DNA, scoprendone la doppia elica e lo schema di replicazione, che gli valse il Nobel della medicina nel 1962, oltre a numerosi riconoscimenti e premi ottenuti nel corso della sua carriera. Recentemente si è occupato, con il collega Brenner, di biochimica e genetica.

ROSALIND FRANKLIN E QUEL NOBEL RUBATO
C’erano l’intuizione e gli studi di una donna alla base della scoperta della doppia elica del dna. Ma una sottrazione indebita di documenti da parte di un collega la privò del suo giusto spazio nella storia della medicina e di un Nobel che avrebbe sicuramente meritato. Rosalind Franklin, nata a Londra nel 1921 da una ricca famiglia ebrea, era una brillante e affermata ricercatrice esperta in cristallografia, una delle pochissime donne ammesse fra le austere mura di Cambridge.
All’inizio degli anni ’50 Rosalind Franklin, ricercatrice al King’s College di Londra, lavorava con il collega Maurice Wilkins alla rifrazione ai raggi x. Fra i due la rivalità era fortissima e la simpatia poca. Fu così, un po’ per leggerezza, un po’ per invidia, che Wilkins rubò dai documenti della collega una radiografia passata alla storia come la “fotografia 51” del DNA per mostrala a Watson e Crick. Quella fotografia, insieme a qualche altro documento sottrattole in seguito, si dimostrerà determinante per la scoperta. Molto probamente senza il lavoro della Franklin, Watson e Crick non sarebbero arrivati alla struttura del DNA, almeno non in quel momento. Un inganno, legittimo solo se il fine giustifica i mezzi, ma che divenne meschino quando nel 1962, insigniti del premio Nobel, nessuno dei tre scienziati - nè Watson, né Crick, nè Wilkins - ebbe parole per Rosalind Franklin morta di cancro nel 1958, a soli 37 anni nel 1958.
Un primo impacciato mea culpa fu recitato da Watson nel suo libro “La doppia elica” pubblicato nel 1968, ma per un vero seppur tardivo riconoscimento ufficiale si dovettero attendere moti anni ancora: nel 1998, a 30 dalla sua morte, la foto della Franklin fu collocata accanto a quella dei colleghi vincitori del Nobel alla National Portrait Gallery di Londra. E nel 2000 il King’s College l’ha onorata nominando una sua nuova ala il “Franklin-Wilkins Building”.

Anteprima News

16/01/19

RINNOVO ACCORDI COLLETTIVI NAZIONALI DELLA MEDICINA CONVENZIONATA
FIMP- SUMAI ASSOPROF- FIMMG: “ESPRIMIAMO CAUTO OTTIMISMO”

Oggi l’incontro tra Paolo Biasci, Antonio Magi, Silvestro Scotti e il presidente del Comitato di Settore Sergio Venturi

Roma, 16 gennaio 2019 – E’ un “cauto ottimismo” quello che segue l’incontro di stamane tra i rappresentanti della medicina convenzionata e Sergio Venturi, presidente del Comitato di Settore.…
15/01/19


LA COMMISSIONE EUROPEA APPROVA L’ESTENSIONE DI INDICAZIONE DI NIVOLUMAB IN ASSOCIAZIONE A UN BASSO DOSAGGIO DI IPILIMUMAB PER IL TRATTAMENTO IN PRIMA LINEA DI PAZIENTI CON CARCINOMA A CELLULE RENALI AVANZATO A RISCHIO INTERMEDIO E SFAVOREVOLE

È il primo regime di combinazione immuno-oncologica a ricevere l’approvazione europea per pazienti non precedentemente trattati con carcinoma a cellule renali avanzato

L’approvazione si basa sui risultati dello studio di fase 3 CheckMate -214

(PRINCETON, NJ, 15 gennaio 2019) - Bristol-Myers Squibb ha annunciato oggi che la Commissione Europea ha approvato l’associazione di nivolumab (3 mg/kg) con un “basso dosaggio” di ipilimumab (1 mg/kg)…
08/01/19

I PEDIATRI FIMP: “BUON LAVORO AL NUOVO COMMISSARIO ISS”

Roma, 8 gennaio 2019 - “Accogliamo con soddisfazione la nomina del prof. Silvio Brusaferro a Commissario dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS)”. E’ quanto afferma il dott. Paolo Biasci, presidente…
21/12/18

“THE PATIENT DREAM. SOGNARE DI STAR BENE”
UN PROGETTO DI REALTÀ VIRTUALE AL SERVIZIO DELLE DONNE IN TRATTAMENTO CHEMIOTERAPICO

La sperimentazione al via nel 2019 all’Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena” IFO di Roma

Roma, 21 dicembre 2018 – Con 52.800 nuovi casi, il tumore della mammella è diventato il più frequente in Italia nel 2018. Rappresenta il 29% delle neoplasie femminili, ma grazie all’efficacia dei…
20/12/18

FIMP: “GRAZIE AL PROF. WALTER RICCIARDI PER IL LAVORO SVOLTO”

Il dott. Paolo Biasci: “Siamo pronti a collaborare nuovamente con i rinnovati vertici istituzionali dell’Istituto Superiore di Sanità”

Roma, 20 dicembre 2018 – “La Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) ringrazia il prof. Walter Ricciardi per la determinazione con la quale ha guidato in questi ultimi anni l’Istituto Superiore di…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it