Contenuto

12 aprile 2003

08 - LA SCOPERTA: WATSON, CRICK E IL NOBEL 'RUBATO' A ROSALIND FRANKLIN

James Dewey Watson nasce a Chicago nel 1928. Nel 1947 consegue la laurea in Zoologia all’Università di Chicago e tre anni dopo il Ph.D. all’Università dell’Indiana, con la supervisione di Salvador Luria. Successivamente svolge attività di ricerca presso l'Università di Copenhagen. Proprio in questo periodo, durante un simposio organizzato presso la Stazione biologica di Napoli, incontra Maurice H.F. Wilkins, che lo stimola a dirigere le sue ricerche verso la struttura chimica degli acidi nucleici e delle proteine.
Tra il '51 e il '56 è al Cavendish Institute Laboratory dell'Università di Cambridge, dove nasce il sodalizio con Francis H.C. Crick: insieme avviano la ricerca sulla struttura del DNA che li porterà, nel marzo del '53, a proporre la celebre struttura a doppia elica che significò per il giovane Watson la fama mondiale e, nel '62, il Nobel per la Medicina insieme a Crick e Wilkins. Nel ‘76 lasciato l’incarico di professore al dipartimento di biologia molecolare di Harvard, assume quello di direttore del Cold Spring Laboratori di Long Island dove intraprende ricerche di alto livello nel campo dell’oncologia, della biologia molecolare, della biochimica cellulare, della neurologia. Dall’89 al ‘92 si impegna nel progetto mondiale del National Institute of Health per mappare e sequenziare il genoma umano.

Francis Harry Compton Crick nasce in Inghilterra, a Northampton, nel giugno del 1916. Intraprende gli studi scientifici fino a ottenere il Ph.D. nel 1937, ma è costretto, due anni dopo a interrompere le ricerche a causa del conflitto mondiale. In questo periodo è impegnato come scienziato nell’esercito britannico, da cui si dimette nel ‘47 per studiare biologia. Entra con una borsa di studio a Cambridge dove lavora in diversi dipartimenti di medicina e biologia molecolare, occupandosi della diffrazione dei raggi X. Nel 1953-54 è a New York, poi a Harvard. La svolta nella sua vita di scienziato avviene proprio nel ‘53 quando incontra Watson e inizia a lavorare sulla struttura del DNA, scoprendone la doppia elica e lo schema di replicazione, che gli valse il Nobel della medicina nel 1962, oltre a numerosi riconoscimenti e premi ottenuti nel corso della sua carriera. Recentemente si è occupato, con il collega Brenner, di biochimica e genetica.

ROSALIND FRANKLIN E QUEL NOBEL RUBATO
C’erano l’intuizione e gli studi di una donna alla base della scoperta della doppia elica del dna. Ma una sottrazione indebita di documenti da parte di un collega la privò del suo giusto spazio nella storia della medicina e di un Nobel che avrebbe sicuramente meritato. Rosalind Franklin, nata a Londra nel 1921 da una ricca famiglia ebrea, era una brillante e affermata ricercatrice esperta in cristallografia, una delle pochissime donne ammesse fra le austere mura di Cambridge.
All’inizio degli anni ’50 Rosalind Franklin, ricercatrice al King’s College di Londra, lavorava con il collega Maurice Wilkins alla rifrazione ai raggi x. Fra i due la rivalità era fortissima e la simpatia poca. Fu così, un po’ per leggerezza, un po’ per invidia, che Wilkins rubò dai documenti della collega una radiografia passata alla storia come la “fotografia 51” del DNA per mostrala a Watson e Crick. Quella fotografia, insieme a qualche altro documento sottrattole in seguito, si dimostrerà determinante per la scoperta. Molto probamente senza il lavoro della Franklin, Watson e Crick non sarebbero arrivati alla struttura del DNA, almeno non in quel momento. Un inganno, legittimo solo se il fine giustifica i mezzi, ma che divenne meschino quando nel 1962, insigniti del premio Nobel, nessuno dei tre scienziati - nè Watson, né Crick, nè Wilkins - ebbe parole per Rosalind Franklin morta di cancro nel 1958, a soli 37 anni nel 1958.
Un primo impacciato mea culpa fu recitato da Watson nel suo libro “La doppia elica” pubblicato nel 1968, ma per un vero seppur tardivo riconoscimento ufficiale si dovettero attendere moti anni ancora: nel 1998, a 30 dalla sua morte, la foto della Franklin fu collocata accanto a quella dei colleghi vincitori del Nobel alla National Portrait Gallery di Londra. E nel 2000 il King’s College l’ha onorata nominando una sua nuova ala il “Franklin-Wilkins Building”.

Anteprima News

18/06/19

TUMORE DELLA PROSTATA: DAROLUTAMIDE PRESERVA LA QUALITÀ DELLA VITA

I risultati dello studio di fase III ARAMIS pubblicati nel New England Journal of Medicine

• Darolutamide associata a terapia di deprivazione androgenica (ADT) ha preservato la qualità della vita nei pazienti affetti da carcinoma prostatico resistente alla castrazione non metastatico…
14/06/19

REUMATOLOGIA: ANNAMARIA IAGNOCCO NUOVO PRESIDENTE ELETTO DELL'EULA

Sarà la prima donna italiana a guidare la lega europea che riunisce rappresentati dei clinici e pazienti. "Ringrazio tutti per la fiducia. Primo obiettivo favorire la ricerca in tutto il continente"

Madrid, 14 giugno 2019 - Annamaria Iagnocco è il nuovo Presidente Eletto dell'EULAR (European League Against Rheumatism). Tra due anni sarà la prima donna italiana a guidare l'associazione europea che…
14/06/19

SIMG: NASCE IL ‘CORE CURRICULUM’ DELLA MEDICINA DI FAMIGLIA
UNA VISIONE UNITARIA DELLA PROFESSIONE IN ITALIA E IN EUROPA

Il presidente Claudio Cricelli: “Il testo definisce e uniforma a livello nazionale i contenuti del corso triennale di formazione. I futuri medici devono saper utilizzare strumenti di organizzazione e diagnostica avanzata. Solo così può essere garantita la sostenibilità del sistema”

Firenze, 14 giugno 2019 – Un documento che definisce i cardini della medicina generale e su cui si deve basare la formazione triennale dei futuri professionisti. È il “Core Curriculum” della medicina…
10/06/19

Tumori: al via la collaborazione fra Bayer e Foundation Medicine per lo sviluppo di test diagnostici

La collaborazione avrà inizio con lo sviluppo di un companion test per larotrectinib, inibitore delle TRK approvato negli Stati Uniti per i pazienti affetti da tumori con fusione di TRK (tutte le tipologie di tumori solidi); larotrectinib è in fase di revisione in altri mercati di tutto il mondo. L'obiettivo è favorire l’accesso dei pazienti a test genomici completi, in linea con l'impegno di Bayer in favore della medicina di precisione

Milano, 10 giugno 2019 – Bayer e Foundation Medicine hanno annunciato una collaborazione nello sviluppo e nella commercializzazione di companion test basati sulla tecnologia Next Generation Sequencing…
07/06/19

DERMATOLOGI ITALIANI ALL’AVANGUARDIA NELLA RICERCA
‘PARTECIPIAMO A UN TEAM DI ESPERTI DI TUTTO IL MONDO CONTRO L’IDROSADENITE’

Il Prof. Marzano: “E’ una patologia della pelle finora considerata rara, ma che oggi non può più essere definita tale: sappiamo che in Italia sono almeno 2.500 i pazienti e i nuovi casi sono in aumento”

Milano, 7 giugno 2019 – Lesioni nodulari dolorose, a carico delle pieghe del corpo, quali ascelle e inguini, e della regione ano-genitale. Sono questi i segni dell’idrosadenite suppurativa, conosciuta…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522