Contenuto

3 marzo 2000

ASMA E CONDIZIONI DELLA DONNA

Asma e mestruazioni – In alcune donne l’asma può peggiorare prima del ciclo mestruale. Le crisi asmatiche durante il periodo premestruale vanno trattate come qualsiasi altro evento.

Asma e gravidanza – Seguendo i consigli del medico, le donne asmatiche possono tranquillamente avere una gravidanza normale e partorire un bambino sano. Controllare l’asma durante la gravidanza significa seguire scrupolosamente il trattamento prescritto dal medico.

Per la donna in gravidanza e per il feto, i rischi di un’asma non controllata adeguatamente sono infatti superiori ai rischi degli effetti collaterali dei farmaci anestetici. Il medico non è comunque in grado di prevedere l’evoluzione dell’asma durante la gravidanza. In un terzo dei casi l’asma peggiora, in un altro terzo resta invariato e nel restante terzo migliora. A volte l’asma può comparire per la prima volta durante la gravidanza. Sebbene imprevedibile, il decorso dipende anche dalla gravità dell’asma preesistente e dall’evoluzione presentata in gravidanze precedenti. La gravidanza è invece sconsigliata nelle pazienti con asma grave persistente.

I pericoli durante la gravidanza e il parto – Se l’asma è tenuta sotto controllo le complicazioni durante la gravidanza sono poco frequenti. La gestazione, il decorso del parto, il peso del neonato e il suo stato di salute perinatale sono normali. La paziente asintomatica può dunque partorire senza problemi e il travaglio non peggiora i sintomi nemmeno in caso di paziente affetta da asma da sforzo. Qualora i sintomi dell’asma non restino sotto controllo durante le ultime settimane prima del parto, allora può essere consigliabile il parto cesareo. A volte la donna in attesa di un figlio è preoccupata per i possibili effetti secondari del trattamento farmacologico dell’asma durante la gravidanza. Sospendere o evitare di assumere i farmaci antiasmatici è molto pericoloso: i farmaci antiasmatici consigliati non sono dannosi per il nascituro ma, al contrario, proteggono la sua salute e quella della madre.

Cosa può accadere durante il travaglio – Durante il travaglio le crisi asmatiche gravi sono molto rare perché aumenta la produzione da parte della madre di ormoni (in particolare cortisone e adrenalina) che prevengono un peggioramento dell’asma persistente.

Asma e allattamento – Le madri asmatiche possono allattare i loro figli come tutte le altre madri. Non c’è motivo per cui le donne asmatiche non possono allattare il proprio bambino: i farmaci antiasmatici usati per via inalatoria alle dosi consigliate non sono presenti nel latte materno in quantità dannose. I farmaci usati per curare l’asma non ostacolano la produzione di latte materno.

Asma e menopausa – Esistono studi per cui la menopausa potrebbe essere addirittura protettiva. Non si hanno invece notizie che la menopausa possa provocare l’insorgenza dell’asma. In ogni caso, la donna asmatica che entra in menopausa deve informare il ginecologo della propria condizione. E’ inoltre assolutamente doveroso che non fumi, che segua una dieta appropriata e svolga attività fisica. L’aumento del peso è un altro fattore da non sottovalutare perché può ostacolare ulteriormente il respiro.

Anteprima News

22/07/19

TUMORE DEL COLON RETTO: BAYER, BRISTOL-MYERS SQUIBB E ONO PHARMACEUTICAL AVVIANO UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE CLINICA PER STUDIARE REGORAFENIB E NIVOLUMAB COME TERAPIA DI COMBINAZIONE

· La combinazione di regorafenib e nivolumab rispetto a regorafenib da solo sarà valutata in pazienti con tumore del colon retto metastatico con microsatelliti stabili
· Le Aziende pianificano uno studio di ricerca dell’indicazione

Milano, 22 luglio 2019 – Bayer, Bristol-Myers Squibb e Ono Pharmaceutical (“Ono”) hanno annunciato di aver avviato un accordo di collaborazione clinica per valutare la combinazione di regorafenib,…
18/07/19

Ipertensione: semplificare la terapia favorisce l’aderenza e il controllo della pressione

I risultati dello studio Senior Italia FederAnziani presentati al Ministero della Salute

Roma, 18 luglio 2019 – Senior Italia FederAnziani ha monitorato oltre 12.000 anziani attraverso un controllo costante della pressione, costruendo un vero e proprio diario dell’iperteso. Allo studio ha…
11/07/19

I PEDIATRI DI FAMIGLIA FIMP AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO
“NEI NOSTRI STUDI SERVONO PIU’ COLLABORATORI E STRUMENTI DIAGNOSTICI”

Il Presidente Paolo Biasci: “Così possiamo favorire l’appropriatezza prescrittiva, ridurre le ospedalizzazioni e determinare importanti risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Rapporto di fiducia con le famiglie elemento di forza dell’assistenza pediatrica grazie al rapporto convenzionale”

Roma, 11 luglio 2019 – “Bisogna garantire su tutto il territorio nazionale studi di pediatri di famiglia dotati di personale qualificato e di attrezzature diagnostiche a risposta rapida (o self-help).…
28/06/19

I FIMP: “CONDIVIDIAMO LE PROTESTE DEL MINISTRO GRILLO CONTRO CHI VUOLE METTERE IN DUBBIO IL VALORE DELLE VACCINAZIONI”

Roma, 27 giugno 2019 - “Facciamo nostre le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo, parole che devono far molto riflettere su quanto sta avvenendo nel nostro Paese rispetto ad una questione,…
26/06/19

DEDALUS ACQUISISCE IL 60% DI SOFTECH, ECCELLENZA NELLE
SOLUZIONI INFORMATICHE SOCIO-SANITARIE
ORA POSSIBILE OTTIMIZZARE RISORSE DISPONIBILI E OFFERTA DI QUALITÀ PER IL PAZIENTE IN TUTTO IL PERCORSO CLINICO-ASSISTENZIALE

In arrivo un’offerta integrata per medici di famiglia, servizi territoriali e ospedalieri con i servizi sociali, grazie al D-Four, piattaforma tecnologica di ultima generazione.

Firenze, 26 giugno 2019 – Dedalus ha acquisito il 60% della società Softech di Bologna, leader nel segmento delle soluzioni socio-sanitarie. L’ingresso di Softech completa la strategia globale di…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522