mercoledì, 17 luglio 2019

Contenuto

29 febbraio 2000

MERZAGORA: “AL SUD ITALIA LA VERA EMERGENZA”

Intervista al presidente dell’Associazione Europa Donna

Qual è la sua riflessione dopo gli incontri di Monza, Ascoli e Siracusa ?
Il nostro obiettivo primario era quello di contattare la popolazione locale per sensibilizzarla al tema del tumore al seno e devo dire che l’intento è stato raggiunto. Man mano che si scende al sud – forse perchè sono meno i presidi oncologici, il livello socio economico è inferiore e le barriere culturali e sociali si fanno ancora sentire - ci siamo accorti che la popolazione è meno consapevole del problema

Proprio per questo l’incontro di Siracusa è stato utilissimo, perché siamo andati a colpire una fascia di popolazione che secondo me aveva assoluta necessità di questo tipo di informazione. Ad ogni incontro abbiamo raggiunto circa 150 donne. Mi conforta però il fatto che la comunicazione attraverso i media abbia funzionato: gli articoli sui giornali locali, le interviste nelle televisioni ci hanno consentito di raggiungere molte altre persone non presenti agli incontri. Unica riflessione critica in questo senso è che la maggior parte delle donne contattate era legata alle nostre associazioni, quindi donne già sensibilizzate. In futuro bisognerebbe trovare qualcosa di alternativo da affiancare a questi appuntamenti locali per entrare di più nelle case, per esempio la partecipazione ad una trasmissione televisiva di grande ascolto. In generale, a distanza di 4 anni dall’emanazione delle linee guida della commissione oncologica abbiamo riscontrato che sono purtroppo ancora poche le unità funzionali di senologia diagnostica attiva e i programmi di screening sono limitati.

Cosa vi aspettate dal vertice di oggi ?
Prima di tutto di fare il punto della situazione e presentare i problemi che abbiamo verificato nelle varie realtà. Nel corso dell’incontro presenteremo inoltre i dati di un’indagine sulla situazione dell’attuazione dei programmi di screening, indagine che abbiamo condotto con l’aiuto dei vari assessorati alla sanità. L’obiettivo qual è ? E’ di estendere sempre di più il coinvolgimento diretto delle parlamentari in modo che l’anno prossimo se, come sembra, ripeteremo l’iniziativa, la campagna di sensibilizzazione e di prevenzione arrivi anche in altri piccoli centri.

Che giudizio dà alla collaborazione con le parlamentari ?
Un giudizio estremamente positivo, anche dal punto di vista dell’arricchimento umano, perché tocchi realtà diverse, conosci persone diverse al di fuori della quotidianità lavorativa: tutte esperienze che mi hanno dato nuovi stimoli per continuare a collaborare in futuro. Credo poi sia interessante evidenziare che con questa iniziativa abbiamo ottenuto un risultato non di poco conto: far superare, e non solo formalmente, barriere politiche a volte insormontabili.

Anteprima News

11/07/19

I PEDIATRI DI FAMIGLIA FIMP AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO
“NEI NOSTRI STUDI SERVONO PIU’ COLLABORATORI E STRUMENTI DIAGNOSTICI”

Il Presidente Paolo Biasci: “Così possiamo favorire l’appropriatezza prescrittiva, ridurre le ospedalizzazioni e determinare importanti risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Rapporto di fiducia con le famiglie elemento di forza dell’assistenza pediatrica grazie al rapporto convenzionale”

Roma, 11 luglio 2019 – “Bisogna garantire su tutto il territorio nazionale studi di pediatri di famiglia dotati di personale qualificato e di attrezzature diagnostiche a risposta rapida (o self-help).…
28/06/19

I FIMP: “CONDIVIDIAMO LE PROTESTE DEL MINISTRO GRILLO CONTRO CHI VUOLE METTERE IN DUBBIO IL VALORE DELLE VACCINAZIONI”

Roma, 27 giugno 2019 - “Facciamo nostre le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo, parole che devono far molto riflettere su quanto sta avvenendo nel nostro Paese rispetto ad una questione,…
26/06/19

DEDALUS ACQUISISCE IL 60% DI SOFTECH, ECCELLENZA NELLE
SOLUZIONI INFORMATICHE SOCIO-SANITARIE
ORA POSSIBILE OTTIMIZZARE RISORSE DISPONIBILI E OFFERTA DI QUALITÀ PER IL PAZIENTE IN TUTTO IL PERCORSO CLINICO-ASSISTENZIALE

In arrivo un’offerta integrata per medici di famiglia, servizi territoriali e ospedalieri con i servizi sociali, grazie al D-Four, piattaforma tecnologica di ultima generazione.

Firenze, 26 giugno 2019 – Dedalus ha acquisito il 60% della società Softech di Bologna, leader nel segmento delle soluzioni socio-sanitarie. L’ingresso di Softech completa la strategia globale di…
24/06/19

Senior Italia e Sumai lanciano allarme su difficoltà degli anziani a curarsi: subito un Tavolo con pazienti, società scientifiche e istituzioni

Roma, 24 giugno 2019 – “Serve un tavolo di confronto urgente sul diritto alla salute e alle cure per gli over 65 che veda coinvolti pazienti, istituzioni e mondo medico-scientifico, perché oggi in…
20/06/19

LA FIMP: “BISOGNA FAVORIRE LA PREVENZIONE DEGLI ABUSI SUI MINORI
SERVONO CORSI FORMATIVI SPECIFICI PER PEDIATRI DI FAMIGLIA E INSEGNANTI”

Il dott. Luigi Nigri: “In Italia manca ancora una vera cultura su un fenomeno che presenta numeri preoccupanti e che risulta in crescita. Già a livello universitario vanno previsti degli interventi”

Roma, 20 giugno 2019 – “La prevenzione degli abusi e delle violenze su bambini e adolescenti deve per forza passare dai professionisti che più di tutti interagiscono regolarmente con i minori. Quindi…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522