Contenuto

29 febbraio 2000

TUMORE AL SENO: BILANCI E STRATEGIE DOPO IL VIAGGIO NELLE PERIFERIE D’ITALIA

Convegno al Senato delle parlamentari e dei vertici di Europa Donna

Roma, 29 febbraio 2000 - A conclusione dei tre incontri pubblici tenutisi a Monza il 25 settembre 1999, ad Ascoli Piceno il 29 gennaio e a Siracusa il 19 febbraio scorsi, il Forum Italiano di Europa Donna, movimento di opinione europeo contro i tumori al seno, nato nel 1991 da un’idea dell’oncologo Umberto Veronesi, e le donne parlamentari, si incontrano oggi nella sala convegni del Senato, ex Hotel Bologna, per fare il punto della situazione di questa gravissima patologia in ambito preventivo ed epidemiologico e per programmare le strategie future.

Epidemiologia - Il cancro al seno è a tutt’oggi la malattia tumorale più temibile per il sesso femminile e la prima causa di morte nella fascia d’età tra i 35 e i 44 anni. Si calcola che in Italia siano oltre 31.000 le donne che ogni anno si ammalano di questa neoplasia e ben 11.000 perdano la vita. Non solo: in base alle proiezioni degli esperti, una donna su nove ha un’altissima probabilità di sviluppare nel corso della sua vita un tumore alla mammella. A rischiare maggiormente sono le abitanti del nord. Secondo i dati dei Registri Tumori, infatti, mentre a Latina e Ragusa il cancro al seno colpisce rispettivamente 52 e 68 donne ogni 100.000, a Torino l’incidenza sale a 92 casi, 95 a Genova, per sfiorare i 100 a Varese. I motivi di questa distribuzione geografica non sono completamente noti, ma è verosimile pensare ad una correlazione con gli stili di vita, l’industrializzazione, l’alimentazione e le abitudini riproduttive diametralmente opposte tra il nord e il sud della nostra penisola.

Di cancro si può guarire - Oggi per curare il cancro al seno sono disponibili protocolli terapeutici che permettono di personalizzare la terapia e di ottenere risultati sempre più soddisfacenti, riducendo al minimo le umilianti mutilazioni che ancora pochi anni fa condizionavano drammaticamente la vita sociale e affettiva delle persone operate. Attualmente sono a disposizione tecniche chirurgiche evolute, chemioterapia, radioterapia e cure farmacologiche che concorrono a migliorare i risultati di sopravvivenza. A cinque anni dall’intervento, il 65% delle pazienti viene considerata guarita, ma se la neoplasia operata è inferiore ai 2 cm. di diametro e i linfonodi sono liberi, la percentuale di guarigione sfiora il 90%.

La prevenzione - I trials clinici hanno evidenziato che lo screening del seno tramite la mammografia, nelle donne con età superiore ai 50 anni, riduce i casi di mortalità del 20-40%. La sopravvivenza dopo la diagnosi e il trattamento è inoltre direttamente legata allo stadio della malattia e al momento della diagnosi: il 70-80% delle identificazioni dei casi di cancro durante lo screening potrebbe avere una buona prognosi. Purtroppo, però lo screening nella popolazione a rischio è ancora oggi insifficiente. I programmi di intervento coprono infatti solo il 6% delle donne interessate.

Ai lavori partecipano, tra gli altri, le sen. Anna Maria Bernasconi, Carla Castellani, Francesca Scopelliti, Monica Bettoni Brandani, le on. Marida Bolognesi e Angela Napoli, la presidente di Europa Donna, Francesca Merzagora, oltre a medici, oncologi e rappresentanti delle associazioni. Sono state inoltre invitate le ministre del governo D’Alema: Rosy Bindi, Laura Balbo, Kati Bellillo, Patrizia Toia, Livia Turco, Giovanna Melandri.


L’Ufficio stampa
INTERMEDIA
tel. 030/226105; fax 030/2420472

Anteprima News

22/07/19

TUMORE DEL COLON RETTO: BAYER, BRISTOL-MYERS SQUIBB E ONO PHARMACEUTICAL AVVIANO UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE CLINICA PER STUDIARE REGORAFENIB E NIVOLUMAB COME TERAPIA DI COMBINAZIONE

· La combinazione di regorafenib e nivolumab rispetto a regorafenib da solo sarà valutata in pazienti con tumore del colon retto metastatico con microsatelliti stabili
· Le Aziende pianificano uno studio di ricerca dell’indicazione

Milano, 22 luglio 2019 – Bayer, Bristol-Myers Squibb e Ono Pharmaceutical (“Ono”) hanno annunciato di aver avviato un accordo di collaborazione clinica per valutare la combinazione di regorafenib,…
18/07/19

Ipertensione: semplificare la terapia favorisce l’aderenza e il controllo della pressione

I risultati dello studio Senior Italia FederAnziani presentati al Ministero della Salute

Roma, 18 luglio 2019 – Senior Italia FederAnziani ha monitorato oltre 12.000 anziani attraverso un controllo costante della pressione, costruendo un vero e proprio diario dell’iperteso. Allo studio ha…
11/07/19

I PEDIATRI DI FAMIGLIA FIMP AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO
“NEI NOSTRI STUDI SERVONO PIU’ COLLABORATORI E STRUMENTI DIAGNOSTICI”

Il Presidente Paolo Biasci: “Così possiamo favorire l’appropriatezza prescrittiva, ridurre le ospedalizzazioni e determinare importanti risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Rapporto di fiducia con le famiglie elemento di forza dell’assistenza pediatrica grazie al rapporto convenzionale”

Roma, 11 luglio 2019 – “Bisogna garantire su tutto il territorio nazionale studi di pediatri di famiglia dotati di personale qualificato e di attrezzature diagnostiche a risposta rapida (o self-help).…
28/06/19

I FIMP: “CONDIVIDIAMO LE PROTESTE DEL MINISTRO GRILLO CONTRO CHI VUOLE METTERE IN DUBBIO IL VALORE DELLE VACCINAZIONI”

Roma, 27 giugno 2019 - “Facciamo nostre le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo, parole che devono far molto riflettere su quanto sta avvenendo nel nostro Paese rispetto ad una questione,…
26/06/19

DEDALUS ACQUISISCE IL 60% DI SOFTECH, ECCELLENZA NELLE
SOLUZIONI INFORMATICHE SOCIO-SANITARIE
ORA POSSIBILE OTTIMIZZARE RISORSE DISPONIBILI E OFFERTA DI QUALITÀ PER IL PAZIENTE IN TUTTO IL PERCORSO CLINICO-ASSISTENZIALE

In arrivo un’offerta integrata per medici di famiglia, servizi territoriali e ospedalieri con i servizi sociali, grazie al D-Four, piattaforma tecnologica di ultima generazione.

Firenze, 26 giugno 2019 – Dedalus ha acquisito il 60% della società Softech di Bologna, leader nel segmento delle soluzioni socio-sanitarie. L’ingresso di Softech completa la strategia globale di…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522