Contenuto

18 febbraio 2000

IARDINO: “NESSUNO ASSUME I SIEROPOSITIVI”

Denuncia dell’Anlaids Lombardia sulle troppe discriminazioni subite
Appello al Governo perché venga modificata la legge che oggi consente
al datore di lavoro di richiedere il test dell’Hiv insieme agli altri esami sanitari

Un incontro pubblico per parlare di Aids. O meglio, delle ombre e delle luci di questa malattia, che forse fa meno paura rispetto al passato ma che rimane un’infezione grave e uno stigma sociale pesante. Con Rosaria Iardino, rappresentante delle persone sieropositive dell’Anlaids nazionale, abbiamo fatto il punto della situazione in Lombardia, la Regione che detiene il primato dei casi di Aids in Italia.

Perché questo convegno?
Per il terzo anno consecutivo abbiamo organizzato questo incontro pubblico in quanto riteniamo che oggi più che mai sia necessario non abbassare la guardia nei confronti dell’Hiv, mantenendo alto il livello di comunicazione e di informazione. Perché dico questo? Analizzando la situazione in Lombardia abbiamo notato alcune contraddizioni preoccupanti. Se da un lato, infatti, le terapie di combinazione hanno ridotto sensibilmente le morti di Aids e consentono alle persone con Hiv di vivere bene, dall’altro stanno purtroppo emergendo sempre più prepotentemente problemi di natura fisica e sociale.

Quali sono questi problemi?
In primo luogo gli effetti collaterali dei farmaci, che stanno causando lipodistrofia, problemi epatici, pancreatiti. Oltre il 60% delle persone con Hiv, inoltre, ha avuto o ha l’epatite C. Ma ciò che preoccupa maggiormente sono le condizioni di vita sociale delle persone con Hiv. Come dicevo prima, le terapie consentono di stare bene e di poter rientrare a tutti gli effetti nel mondo lavorativo. Questo però non succede quasi mai perché nessuno assume un sieropositivo e non c’è alcun servizio che aiuti queste persone a trovare un lavoro. Non solo, molti ragazzi, proprio perché le loro condizioni di salute sono migliorate, vivono nel terrore di vedersi togliere le 360.000 lire al mese di pensione di invalidità civile, che per la quasi totalità rimane l’unica, minima, fonte di guadagno.

Vuol dire che i sieropositivi vengono discriminati?
In molti casi le persone non vengono assunte proprio per la loro condizione di sieropositività. La legge infatti vieta esplicitamente la discriminazione e il licenziamento, ma non impedisce al datore di lavoro di richiedere ai candidati al posto di presentare, tra gli esami sanitari, anche il risultato del test dell’Hiv. Chi si rifiuta si autoesclude da solo, chi invece segue le direttive e presenta il risultato di sieropositività - alcuni tra l’altro hanno scoperto di essere positivi proprio in questo modo – viene respinto con motivazioni tipo, non adatto psicologicamente a svolgere le mansioni richieste.

Come Anlaids cosa intendete fare su questo fronte?
A dicembre avevamo chiesto e ottenuto un tavolo di concertazione con i ministri della Sanità, del Lavoro e degli Affari Sociali. Poi è caduto il governo e non abbiamo saputo più nulla. Noi ribadiamo comunque la nostra richiesta, che venga cioè vietato per legge di dover presentare a qualsiasi azienda il test dell’Hiv insieme alla domanda di assunzione.

Dal vostro osservatorio, qual è la situazione dell’infezione a Milano?
A Milano stiamo registrando un aumento dei casi, sia tra i giovani, sia nella fascia d’età tra i 40 e i 50 anni. L’altro dato preoccupante l’abbiamo riscontrato andando nelle scuole: la maggioranza dei ragazzi è convinta che il problema Aids sia risolto. Che l’Hiv sia curabile come una qualsiasi altra patologia. Non riescono a distinguere che una cosa è prendersi una tantum la pasticca per il mal di testa, altra è sottostare ad un regime terapeutico severo e a tratti impossibile. Vivere con il virus nel sangue, non solo per lo stigma sociale, ma anche fisicamente, è completamente diverso che vivere senza. E questa, secondo me, è la grossa sconfitta dei farmaci.

Anteprima News

22/07/19

TUMORE DEL COLON RETTO: BAYER, BRISTOL-MYERS SQUIBB E ONO PHARMACEUTICAL AVVIANO UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE CLINICA PER STUDIARE REGORAFENIB E NIVOLUMAB COME TERAPIA DI COMBINAZIONE

· La combinazione di regorafenib e nivolumab rispetto a regorafenib da solo sarà valutata in pazienti con tumore del colon retto metastatico con microsatelliti stabili
· Le Aziende pianificano uno studio di ricerca dell’indicazione

Milano, 22 luglio 2019 – Bayer, Bristol-Myers Squibb e Ono Pharmaceutical (“Ono”) hanno annunciato di aver avviato un accordo di collaborazione clinica per valutare la combinazione di regorafenib,…
18/07/19

Ipertensione: semplificare la terapia favorisce l’aderenza e il controllo della pressione

I risultati dello studio Senior Italia FederAnziani presentati al Ministero della Salute

Roma, 18 luglio 2019 – Senior Italia FederAnziani ha monitorato oltre 12.000 anziani attraverso un controllo costante della pressione, costruendo un vero e proprio diario dell’iperteso. Allo studio ha…
11/07/19

I PEDIATRI DI FAMIGLIA FIMP AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO
“NEI NOSTRI STUDI SERVONO PIU’ COLLABORATORI E STRUMENTI DIAGNOSTICI”

Il Presidente Paolo Biasci: “Così possiamo favorire l’appropriatezza prescrittiva, ridurre le ospedalizzazioni e determinare importanti risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Rapporto di fiducia con le famiglie elemento di forza dell’assistenza pediatrica grazie al rapporto convenzionale”

Roma, 11 luglio 2019 – “Bisogna garantire su tutto il territorio nazionale studi di pediatri di famiglia dotati di personale qualificato e di attrezzature diagnostiche a risposta rapida (o self-help).…
28/06/19

I FIMP: “CONDIVIDIAMO LE PROTESTE DEL MINISTRO GRILLO CONTRO CHI VUOLE METTERE IN DUBBIO IL VALORE DELLE VACCINAZIONI”

Roma, 27 giugno 2019 - “Facciamo nostre le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo, parole che devono far molto riflettere su quanto sta avvenendo nel nostro Paese rispetto ad una questione,…
26/06/19

DEDALUS ACQUISISCE IL 60% DI SOFTECH, ECCELLENZA NELLE
SOLUZIONI INFORMATICHE SOCIO-SANITARIE
ORA POSSIBILE OTTIMIZZARE RISORSE DISPONIBILI E OFFERTA DI QUALITÀ PER IL PAZIENTE IN TUTTO IL PERCORSO CLINICO-ASSISTENZIALE

In arrivo un’offerta integrata per medici di famiglia, servizi territoriali e ospedalieri con i servizi sociali, grazie al D-Four, piattaforma tecnologica di ultima generazione.

Firenze, 26 giugno 2019 – Dedalus ha acquisito il 60% della società Softech di Bologna, leader nel segmento delle soluzioni socio-sanitarie. L’ingresso di Softech completa la strategia globale di…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522