sabato, 01 novembre 2014

Contenuto

2 novembre 2001

CEROTTI TRANSDERMICI ALLA NITROGLICERINA

L’utilità dei nitrati nel risolvere il dolore anginoso è ormai accertato. Una volta stabilizzato il paziente attraverso l’assunzione di farmaci tradizionali (sublinguali, in capsule o per via endovenosa) e verificata l’assenza di crisi anginose per almeno 24 ore si può passare al trattamento transdermico a lento rilascio.
Per evitare la tolleranza, che è dose e durata-dipendente, è necessaria una finestra terapeutica della durata di circa 8 ore. I nitrati hanno effetti periferici e coronarici. Aumentano la capacità del sistema venoso, riducendo il precarico e conseguentemente le dimensioni del volume diastolico del ventricolo sinistro e lo stress parietale

L’effetto di vasodilatazione arteriosa periferica, che riduce il postcarico, è presente solo ai dosaggi più elevati. Inoltre i nitrati determinano vasodilatazione a livello delle stenosi e aumentano il flusso ematico proveniente dal circolo collaterale, migliorando la perfusione miocardica. Infine, prevengono lo spasmo coronarico nell’angina vasospastica.

EPINITRIL, L’ULTIMO NATO
Con l’obbiettivo di migliorare le caratteristiche dei tradizionali sistemi transdermici a matrice, Rottapharm ha sviluppato Epinitril utilizzando una nuova tecnologia che evita il ricorso ai facilitatori di assorbimento.
Epinitril ha una struttura molto semplice: una pellicola trasparente di supporto ed una matrice attiva adesiva nella quale è disciolto il GNT (Glicerin-trinitrato).
In questa semplice struttura, ciascun componente ha funzioni molteplici: lo sviluppo di questo sistema ha necessitato di lunghi studi e di una accurata scelta dei materiali.

Vantaggi clinici
La totale adesività della superficie garantisce il rilascio costante di GNT ed una minore variabilità inter-individuale. L’assenza di facilitatori di assorbimento e le dimensioni ridotte garantiscono minori rischi potenziali d’ irritazioni, minore area di cute esposta ed una migliore tollerabilità.
Studi specifici nell’uomo hanno dimostrato che Epinitril non provoca prurito, bruciore, dolore o lesioni cutanee obiettive. Anche alla riapplicazione, dopo due settimane non si è registrata nessuna reazione di sensibilizzazione.

Vantaggi pratici
La trasparenza “adeguata” ( il cerotto deve poter essere visibile dal paziente per lo più anziano) e le piccole dimensioni permettono al paziente una migliore qualità di vita e di relazione.
Il foglio protettivo, da rimuovere prima dell’applicazione, è stato realizzato con stampi a rilievo che consentono anche ai pazienti con problemi di vista, di riconoscere il giusto lato di applicazione.

Anteprima News

03/10/14

MEDICI DI FAMIGLIA: “SÌ ALLE CASE DELLA SALUTE IN EMILIA ROMAGNA
INSIEME PER CONDIVIDERE OBIETTIVI E CONTENUTI”

Modena, 3 ottobre 2014 – La dott.ssa Maria Stella Padula, presidente della sezione modenese della società scientifica: “Queste strutture devono diventare davvero il luogo per la salute e non della malattia. Il confronto fra i professionisti coinvolti è fondamentale per definire un nuovo modello di assistenza”

“È necessario evitare disuguaglianze nell’offerta di salute ai cittadini. Per questo noi Medici di Medicina Generale vogliamo offrire un contributo culturale e pratico per riempire di ‘contenuto’ le…
01/10/14

Herpes genitale: colpite in Europa oltre 13 milioni di donne

Cagliari, 1 ottobre 2014 – Il prof. Gian Benedetto Melis (Direttore della Clinica Ostetrica dell’Università di Cagliari): “Oggi disponibili nuovi trattamenti contro prurito, pizzicore, dolore e bruciore”

Dolore, bruciori e prurito intenso. Sono questi i sintomi dell’herpes genitale una delle più comuni malattie a trasmissione sessuale che colpisce soprattutto le donne. In Europa sono oltre 13,7…
29/09/14

Bristol-Myers Squibb annuncia i primi risultati di fase III di un inibitore del checkpoint immunitario PD-1

Dati positivi di fase III per nivolumab nei pazienti con melanoma avanzato precedentemente trattati con ipilimumab presentati al Congresso della Società Europea di Oncologia Medica

• Il tasso di risposta obiettiva è stato del 32% nei pazienti trattati con nivolumab e dell’11% in quelli trattati con chemioterapia

• Il 95% delle risposte nel gruppo dei pazienti trattati con nivolumab erano ancora osservabili e la loro durata mediana non è stata ancora raggiunta

• La frequenza complessiva degli eventi avversi con nivolumab era più bassa rispetto alla chemioterapia; quelli correlati al trattamento con nivolumab sono stati gestiti utilizzando gli algoritmi di trattamento raccomandati

29 settembre 2014 – Bristol-Myers Squibb ha annunciato oggi i risultati positivi di CheckMate -037, uno studio aperto, randomizzato, di fase III su nivolumab, un inibitore sperimentale del checkpoint…
26/09/14

AL "MAGGIORE DELLA CARITÀ" DI NOVARA ATTIVO IL NUOVO ROBOT CHIRURGICO “DAVINCI XI”

Novara, 26 settembre 2014 - Presso il Dipartimento di Ginecologia ed Ostetricia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Maggiore della Carità” di Novara si è svolto un intervento di isterectomia…
25/09/14

CANCRO, NEL LAZIO SOLO QUATTRO I SERVIZI DI PSICO-ONCOLOGIA. SIPO: “MANCA L’ASSISTENZA PER PAZIENTI A RISCHIO DEPRESSIONE”

Roma, 25 settembre 2014 - Un terzo dei malati soffre di questo disturbo. La prof.ssa Patrizia Pugliese, coordinatore locale della Società Italiana di Psico-Oncologia: “Abbiamo creato un network formato da 25 professionisti per sopperire alle mancanze del territorio. Chiediamo di essere riconosciuti”

Roma, 25 settembre 2014 - Nel Lazio sono riconosciuti solo 4 servizi di psico-oncologia. Troppo pochi per assistere gli oltre 26mila nuovi casi di cancro che si registrano ogni anno nella Regione. Non…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522
E-mail: intermedia@intermedianews.it