Contenuto

28 settembre 2001

MORTE IMPROVVISA: CAUSE, PREVENZIONE E TERAPIA

La morte improvvisa rappresenta circa il 50% di tutte le morti cardiovascolari. Tutta la popolazione è a rischio, dall’età pediatrica a quella geriatrica. Lungo l’arco della vita cambiano però le cause del fenomeno.
In età pediatrica e nel giovane prevalgono le malattie del muscolo cardiaco e alcune malattie “elettriche” geneticamente determinate. Dopo i quarant’anni la causa di gran lunga più frequente è rappresentata dalla malattia coronarica.

Le cause
Ogni anno in Italia l’infarto colpisce 160mila persone e per 47mila non c’è niente da fare: l’ischemia è fatale, nella stragrande maggioranza dei casi ancor prima di arrivare al pronto soccorso. Vite perse per questione di attimi (preziosi). Grazie all’impegno di C.O.Na.Cuore, il Coordinamento Operativo Nazionale Cuore, l’8 marzo 2001 il Parlamento ha approvato la legge che estende l’utilizzo dei defibrillatori al personale paramedico, anche in luoghi a grande affluenza come aeroporti e stadi. Una misura importante, dato che 20mila decessi avvengono fuori dalle mura domestiche.
Allo stesso modo anche le aritmie atriali (fibrillazione atriale e flutter atriale), solitamente indici di una significativa disfunzione ventricolare, possono portare a una prognosi infausta. Può inoltre sopraggiungere un blocco cardiaco, quasi sempre fatale. L’insufficienza cardiaca - che oltre a essere una patologia cronica autonoma può appunto sopraggiungere come complicanza di un infarto miocardio - è dovuta alla diminuzione della funzionalità cardiaca: il cuore immette un volume ridotto di sangue in circolo. I sintomi dello shock cardiogeno sono quelli dell’abbassamento di pressione improvviso, con estremità fredde e sudore, e durano circa mezz’ora fintanto che la pressione non diviene più rilevabile. L’elevato tasso di mortalità di questa complicanza (80 - 90%) è dovuto al fatto che lo shock cardiogeno è spesso associato all’insufficienza e alle aritmie.

La prevenzione
Ogni anno in Italia per 100mila superstiti ospedalizzati per infarto miocardico inizia la terapia di mantenimento per scongiurare recidive e morte improvvisa per arresto cardiocircolatorio e per evitare le complicanze che sopraggiungono nel 25% dei dimessi. Lo studio GISSI Prevenzione ha dimostrato recentemente che per i 75mila pazienti infartuati che non subiscono queste complicanze, un farmaco a base di acidi grassi poliinsaturi Omega 3 rappresenta un nuovo strumento di prevenzione della mortalità (riducendola del 20% in termini assoluti e diminuendo del 45% i casi di morte improvvisa), in aggiunta alla terapia standard che comprende i beta-bloccanti, gli ACE-inibitori, gli antiaggreganti piastrinici (ad esempio l’aspirina) ed i farmaci per ridurre il colesterolo.

La terapia
Le complicanze più pericolose dell’infarto che possono portare all’arresto cardiocircolatorio e alla morte improvvisa sono le aritmie che si sviluppano nel 95% dei casi; tra le più gravi è la fibrillazione ventricolare, principale causa di morte improvvisa nel 10% circa dei ricoverati, che va trattata con procedure d’urgenza come la defibrillazione ossia l’applicazione di una scossa elettrica al cuore per arrestare la fibrillazione e riportare entro valori di normalità il battito cardiaco, e le manovre di rianimazione cardiopolmonare. Quando l’azione dei farmaci è insufficiente a ristabilire la corretta circolazione sanguigna e a regolarizzare il battito cardiaco, può essere necessario intervenire per via chirurgica con un intervento di by-pass aortocoronarico d’urgenza, che prevede l’innesto di sezioni di altre vene per ripristinare l’irrorazione di determinate aree del cuore, oppure con un’angioplastica con palloncino che, dilatando le arterie ristrette, consente di aumentare l’afflusso di sangue al muscolo danneggiato.

Anteprima News

22/12/16

MENOPAUSA: UNA DONNA SU TRE NON HA MAI RICEVUTO INFORMAZIONI. IN ARRIVO LA PRIMA GUIDA DEI GINECOLOGI ITALIANI

La pubblicazione fa parte della campagna SIGO dedicata alle over 50 e nelle prossime settimane verrà distribuita su tutto il territorio nazionale. Il prof. Paolo Scollo: “Questa fase della vita femminile non deve essere più considerata un tabù o un sinonimo esclusivo di invecchiamento”

Roma, 22 dicembre 2016 – Tra la popolazione femminile del nostro Paese c’è poca consapevolezza sulla menopausa. Un’italiana su tre non ha mai ricevuto informazioni a riguardo. Il 23% vorrebbe invece…
21/12/16

GIUSEPPE APRILE È IL NUOVO DIRETTORE DELL’ONCOLOGIA DI VICENZA

Vicenza, 21 dicembre 2016 – Nato a Udine, 44 anni, è membro del Consiglio Direttivo Nazionale AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica). “Orgoglioso della nomina, la mia esperienza al servizio dei pazienti”

Giuseppe Aprile, nato a Udine 44 anni fa, è il nuovo Direttore dell’Oncologia di Vicenza (Ospedale San Bortolo, Azienda ULSS 6), uno dei cinque poli della Rete Oncologica Veneta. Il dott. Aprile, che…
20/12/16

MALATTIE CARDIACHE CONGENITE NEI BIMBI, DALLA SOLIDARIETA’ ITALIANA. UN PRIMO OSPEDALE IN MAROCCO: CURERA’ OLTRE 1000 PICCOLI OGNI ANNO

Roma, 20 dicembre 2016 - Il progetto è stato presentato al congresso nazionale dei cardiologi appena conclusosi a Roma, con la proiezione di un video alla cerimonia inaugurale. L’impegno del prof. Roberto Ferrari

E’ frutto dell’impegno di una fondazione umanitaria italiana, l’EHC (European Heart for Children) con sede a Nizza presso la Società Europea di Cardiologia, il primo e unico centro che tratterà in…
20/12/16

I GINECOLOGI: “SERVE AL PIÙ PRESTO UNA RETE DI PUNTI NASCITA”

Roma, 19 dicembre 2016 - E’ questa la proposta di SIGO, AOGOI e AGUI alle Istituzioni. I proff Paolo Scollo, Elsa Viora e Nicola Colacurci: “Così possiamo garantire a tutti i neonati e le partorienti la migliorare l’assistenza possibile”

“E’ necessario creare, quanto prima a livello regionale, una rete di punti nascita. In questo modo possiamo aumentare la sicurezza per donne e neonati e migliorare la qualità del lavoro di tutto il…
19/12/16

Almirall e Nuevolution siglano una collaborazione strategica per lo sviluppo di inibitori RORyt per il trattamento di malattie dermatologiche e dell’artrite psoriasica

• Almirall ha ottenuto i diritti sul programma di inibitori di RORyt di Nuevolution per identificare e sviluppare nuove molecole terapeutiche per malattie infiammatorie cutanee e per l’artrite psoriasica

• Nuevolution riceverà un pagamento upfront 11,2 milioni di euro (109,4 milioni SEK*) e potrà ricevere altri pagamenti al raggiungimento di obiettivi di sviluppo e regolatori fino a un totale massimo di 172 milioni di euro (1,7 miliardi SEK*), sulla base del successo dello sviluppo, e al raggiungimento di obiettivi di vendite commerciali fino a un totale massimo di 270 milioni di euro (2,6 miliardi SEK*). Nuevolution avrà diritto a ricevere diritti sulla base delle vendite nette future

• Almirall sarà responsabile del finanziamento di ogni ulteriore ricerca e delle attività preclinica, clinica, regolatoria e commerciale

Barcellona, 19 dicembre 2016 - Almirall e Nuevolution hanno siglato una collaborazione strategica globale focalizzata allo sviluppo e alla commercializzazione di un programma riguardante un nuovo…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it