mercoledì, 21 agosto 2019

Contenuto

11 luglio 2001

IL REGIME ABACAVIR/ZIDOVUDINA-LAMIVUDINA RISULTA PIÙ EFFICACE DI QUELLO BASATO SUGLI INIBITORI DELLA PROTEASI PER IL TRATTAMENTO DELL’HIV

I risultati della nuova ricerca presentata il 10 luglio 2001 a Londra alla prima conferenza internazionale dell’IAS (International AIDS Society) sulle patogenesi e il trattamento dell’HIV mostrano che la combinazione di 2 capsule di abacavir e zidovudina-lamivudina due volte al giorno è più efficace della combinazione utilizzata precedentemente di indinavir più zidovudina-lamivudina. Questa nuova associazione presenta, inoltre, una migliore tollerabilità e migliora l’aderenza durante le 48 settimane di terapia. I risultati, presentati per la prima volta, aumentano il beneficio che un regime, con miglioramenti significativi in tollerabilità e aderenza, può avere nel trattamento dei pazienti infetti da HIV.

Nella prima analisi a 48 settimane, la nuova arma abacavir e zidovudina-lamivudina si è dimostrata essere statisticamente superiore alla vecchia combinazione (p=0.002). Il 66% dei pazienti ha raggiunto una carica virale non rilevabile, contro il 50% nei pazienti curati con il regime di base. Le stesse analisi per i livelli di carica virale hanno dimostrato che la nuova cura era più efficace della vecchia associazione con indinavir nei pazienti che hanno aderito allo studio con una carica virale nel plasma minore di 100.000 copie HIV-1 RNA/ml alla linea base di rilevamento. Nei pazienti che, invece, avevano una carica virale nel plasma maggiore di 100.000 copie HIV-1 RNA/ml alla linea base di rilevamento, la nuova associazione ha dato risultati almeno equivalenti a quelli ottenuti con il regime precedente.

Commentando i risultati, il dott. Asda Vibhagool dell’Ospedale Ramathibodi di Bangkok, ha dichiarato “Per il trattamento a lungo termine dei pazienti HIV positivi, il trattamento migliore deve fornire un bilanciamento tra tre elementi essenziali: potenza, aderenza e tollerabilità. Solo in questo modo si raggiunge il successo clinico. La triplice associazione di questo studio ha dimostrato di avere, almeno, un’efficacia equivalente alla precedente cura, sia nei pazienti sia nei pazienti con bassa che in quelli con alta carica virale: viene meglio tollerata, da meno effetti collaterali ed ha un regime più semplice al quale è più facile aderire”.

Un totale di 72% di pazienti curati con la nuova associazione hanno riportato un’aderenza maggiore del 95%, contro il 45% dei pazienti curati in modo tradizionale. Inoltre, peggioramenti dello stato di salute del paziente dovuti agli effetti collaterali della cura sono diminuiti con il nuovo farmaco.

I dati vengono da uno studio randomizzato e multicentrico di 48 settimane che ha coinvolto 342 adulti. Lo studio voleva mettere in relazione la durata con il responso antiretrovirale, la tolleranza con l’aderenza della nuova associazione di farmaci rispetto alla vecchia. I pazienti in cura con il nuovo sistema hanno preso 4 capsule al giorno, gli altri 8, da prendere accompagnate da cibo e acqua.

Il risultato è che le 2 pillole prese 2 volte al giorno hanno, almeno, la stessa efficacia delle 8 pillole, con il beneficio di essere più semplici da assumere ed avere, quindi, una maggior aderenza alla terapia.

Anteprima News

01/08/19

URO-GINECOLOGI: “SI ALL’USO DELLE PROTESI/RETI PER LA CHIRURGIA VAGINALE”

Mauro Cervigni, segretario scientifico AIUG: “Sono dispositivi che non devono essere banditi ma utilizzati in modo corretto. Possono rappresentare un’opportunità positiva per le pazienti”

Milano, 01 agosto 2019 – “Sì all’utilizzo delle protesi/reti (mesh) per il trattamento conservativo del prolasso. Questi dispositivi medici non devono essere banditi e, se usati correttamente,…
22/07/19

TUMORE DEL COLON RETTO: BAYER, BRISTOL-MYERS SQUIBB E ONO PHARMACEUTICAL AVVIANO UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE CLINICA PER STUDIARE REGORAFENIB E NIVOLUMAB COME TERAPIA DI COMBINAZIONE

· La combinazione di regorafenib e nivolumab rispetto a regorafenib da solo sarà valutata in pazienti con tumore del colon retto metastatico con microsatelliti stabili
· Le Aziende pianificano uno studio di ricerca dell’indicazione

Milano, 22 luglio 2019 – Bayer, Bristol-Myers Squibb e Ono Pharmaceutical (“Ono”) hanno annunciato di aver avviato un accordo di collaborazione clinica per valutare la combinazione di regorafenib,…
18/07/19

Ipertensione: semplificare la terapia favorisce l’aderenza e il controllo della pressione

I risultati dello studio Senior Italia FederAnziani presentati al Ministero della Salute

Roma, 18 luglio 2019 – Senior Italia FederAnziani ha monitorato oltre 12.000 anziani attraverso un controllo costante della pressione, costruendo un vero e proprio diario dell’iperteso. Allo studio ha…
11/07/19

I PEDIATRI DI FAMIGLIA FIMP AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO
“NEI NOSTRI STUDI SERVONO PIU’ COLLABORATORI E STRUMENTI DIAGNOSTICI”

Il Presidente Paolo Biasci: “Così possiamo favorire l’appropriatezza prescrittiva, ridurre le ospedalizzazioni e determinare importanti risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Rapporto di fiducia con le famiglie elemento di forza dell’assistenza pediatrica grazie al rapporto convenzionale”

Roma, 11 luglio 2019 – “Bisogna garantire su tutto il territorio nazionale studi di pediatri di famiglia dotati di personale qualificato e di attrezzature diagnostiche a risposta rapida (o self-help).…
28/06/19

I FIMP: “CONDIVIDIAMO LE PROTESTE DEL MINISTRO GRILLO CONTRO CHI VUOLE METTERE IN DUBBIO IL VALORE DELLE VACCINAZIONI”

Roma, 27 giugno 2019 - “Facciamo nostre le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo, parole che devono far molto riflettere su quanto sta avvenendo nel nostro Paese rispetto ad una questione,…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522