mercoledì, 21 agosto 2019

Contenuto

11 luglio 2001

LE CLASSI DI FARMACI ANTIRETROVIRALI DISPONIBILI

Al momento attuale esistono 3 classi principali di farmaci antiretrovirali:
Inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa (NRTIs.)
Inibitori non nucleosidici della trascrittasi inversa (NNRTIs).
Inibitori della Proteasi.

Inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa (NRTIs)


Gli NRTIs sono stati i primi farmaci antiretrovirali ad essere sviluppati ed introdotti in commercio per la terapia dell’infezione da HIV. Questa classe di farmaci ha bisogno, una volta penetrata nelle cellule infettate dall’HIV, di essere fosforilata da parte di enzimi cellulari per diventare attivi. Il processo di fosforilazione consiste nell’aggiunta progressive di tre molecole di fosforo all’NRTI che può a questo punto competere con i nucleotidi naturali presenti all’interno delle cellule che costituiscono i “mattoni” utilizzati dalla trascrittasi inversa dell’HIV per sintetizzare nuove molecole di DNA virale. La trascrittasi inversa utilizza preferisce utilizzare gli NRTIs piuttosto che i nucleotidi naturali e li inserisce pertanto nella catena in allungamento del DNA virale. Gli NRTIs sono privi però della parte che consentirebbe l’aggancio di nuovi nucleotidi e ciò si traduce nell’inibizione dell’allungamento della nuova catena di DNA. In tal modo il processo di replicazione dell’HIV viene bloccato. Questa classe di farmaci è stata inizialmente utilizzata in monoterapia ma in seguito all’avvento delle terapie di associazione oggi si utilizzano combinazioni di 2 NRTIs + 1 inibitore della proteasi o + 1 inibitore non nucleosidico della trascrittasi inversa od ancora combinazioni di 3 NRTIs .


Inibitori non nucleosidici della trascrittasi inversa (NNRTIs)


Gli NNRTIs sono strutturalmente diversi dagli NRTIs ed agiscono legandosi direttamente alla trascrittasi inversa dell’HIV, in una particolare sede di questo enzima, interferendo con le capacità trascrizionali e quindi con l’attività primaria dell’enzima stesso.
Sono farmaci in genere molto potenti nei confronti dell’HIV-1 (ma inattivi nei confronti del tipo 2) ma sono sufficienti delle singole mutazioni del virus per conferire un elevato grado di resistenza nei confronti non solo del singolo farmaco ma spesso dell’intera classe (cosiddetta resistenza crociata). Il loro uso in monoterapia è stato quindi molto limitato (in pratica confinato al campo sperimentale, quando ancora non si conosceva la possibilità dell’emergenza di tali resistenze) e vengono utilizzati in terapie di associazione in genere con 2 NRTIs.


Inibitori della proteasi (PIs)


La proteasi dell’HIV è un enzima che svolge un’attività fondamentale nel ciclo replicativo del virus, in quanto “ritaglia” dei precursori delle proteine che andranno a costituire i componenti del core virale e gli enzimi delle particelle virali mature.
A differenza degli inibitori della trascrittasi inversa, l’effetto dei PIs si esplica sulle cellule infettate dall’HIV bloccando direttamente l’effettiva produzione di particelle virali infettanti.
Sebbene anch’essi siano stati studiati nelle fasi iniziali della sperimentazione clinica in monoterapia, si è ben presto visto che ciò conduceva all’emergenza di pericolosissime resistenze anche crociate e pertanto si è proseguito nello studio di questi composti solo in terapia di combinazione.
Oggi vengono prevalentemente utilizzati in associazione con 2 NRTIs. Visto che i vari PIs interferiscono l’un con l’altro a livello metabolico nell’organismo dei pazienti (un PI può, a seconda dei casi, aumentare o diminuire le concentrazioni raggiungibili nel sangue di un altro PI) si stanno anche studiando regimi associativi che prevedano 2 NRTIs + 2 PIs; in questo caso uno dei due PI viene somministrato a dosi molto basse, non in grado di esplicare un’azione antivirale, ma tali da aumentare significativamente le concentrazioni nel sangue, e quindi l’attività, dell’altro PI.
In pazienti con ripetuti fallimenti terapeutici e con poche opzioni terapeutiche vengono anche utilizzati due PIs a dosi “normali” da soli o, ancora meglio, in associazione con farmaci di altre classi.

Anteprima News

01/08/19

URO-GINECOLOGI: “SI ALL’USO DELLE PROTESI/RETI PER LA CHIRURGIA VAGINALE”

Mauro Cervigni, segretario scientifico AIUG: “Sono dispositivi che non devono essere banditi ma utilizzati in modo corretto. Possono rappresentare un’opportunità positiva per le pazienti”

Milano, 01 agosto 2019 – “Sì all’utilizzo delle protesi/reti (mesh) per il trattamento conservativo del prolasso. Questi dispositivi medici non devono essere banditi e, se usati correttamente,…
22/07/19

TUMORE DEL COLON RETTO: BAYER, BRISTOL-MYERS SQUIBB E ONO PHARMACEUTICAL AVVIANO UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE CLINICA PER STUDIARE REGORAFENIB E NIVOLUMAB COME TERAPIA DI COMBINAZIONE

· La combinazione di regorafenib e nivolumab rispetto a regorafenib da solo sarà valutata in pazienti con tumore del colon retto metastatico con microsatelliti stabili
· Le Aziende pianificano uno studio di ricerca dell’indicazione

Milano, 22 luglio 2019 – Bayer, Bristol-Myers Squibb e Ono Pharmaceutical (“Ono”) hanno annunciato di aver avviato un accordo di collaborazione clinica per valutare la combinazione di regorafenib,…
18/07/19

Ipertensione: semplificare la terapia favorisce l’aderenza e il controllo della pressione

I risultati dello studio Senior Italia FederAnziani presentati al Ministero della Salute

Roma, 18 luglio 2019 – Senior Italia FederAnziani ha monitorato oltre 12.000 anziani attraverso un controllo costante della pressione, costruendo un vero e proprio diario dell’iperteso. Allo studio ha…
11/07/19

I PEDIATRI DI FAMIGLIA FIMP AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO
“NEI NOSTRI STUDI SERVONO PIU’ COLLABORATORI E STRUMENTI DIAGNOSTICI”

Il Presidente Paolo Biasci: “Così possiamo favorire l’appropriatezza prescrittiva, ridurre le ospedalizzazioni e determinare importanti risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Rapporto di fiducia con le famiglie elemento di forza dell’assistenza pediatrica grazie al rapporto convenzionale”

Roma, 11 luglio 2019 – “Bisogna garantire su tutto il territorio nazionale studi di pediatri di famiglia dotati di personale qualificato e di attrezzature diagnostiche a risposta rapida (o self-help).…
28/06/19

I FIMP: “CONDIVIDIAMO LE PROTESTE DEL MINISTRO GRILLO CONTRO CHI VUOLE METTERE IN DUBBIO IL VALORE DELLE VACCINAZIONI”

Roma, 27 giugno 2019 - “Facciamo nostre le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo, parole che devono far molto riflettere su quanto sta avvenendo nel nostro Paese rispetto ad una questione,…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522