mercoledì, 21 agosto 2019

Contenuto

11 luglio 2001

L’EPIDEMIA DI HIV/AIDS NELL’AFRICA SUB-SAHARIANA

L'infezione da HIV è presente in tutto il mondo ma è l'Africa il continente che sopporta il maggiore impatto della malattia. Nel ‘99 sono morte di Aids 2,6 milioni di persone nel mondo, nel 2000 3 milioni, l’80% delle quali, cioè 2,4 milioni, in Africa. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima vi siano attualmente 35,1 milioni di adulti e 1 milione di bambini contagiati nel mondo. Di questi più del 70% (25,3 milioni di persone) vive nell'Africa sub-Sahariana che resta la regione più duramente colpita del pianeta.

Sono queste le cifre tragiche dell’Aids, sottolineate dall’ultimo rapporto UNAIDS (United Nations Programme on HIV/AIDS) secondo cui la situazione dei popoli africani sarebbe catastrofica: sale drasticamente la mortalità, si riducono sensibilmente le nascite e l'aspettativa di vita media. In Africa muoiono per Hiv 6.600 persone al giorno; l’Aids rappresenta la prima causa di morte con il 20,6% (mentre in Occidente è la quarta con il 4,8%), seguita dalla polmonite e dalla malaria (rispettivamente 10,3 e 9,1%). Ma questi dati sono ancora modesti, se paragonati a quello che succede nello stato africano del Botswana, in assoluto l’area più colpita al mondo. Nel paese subsahariano una persona su cinque (300.000 su una popolazione di 1.600.000 abitanti) è infettata dal virus Hiv.
Ma la devastazione che l'Aids porta nelle nazioni africane colpisce soprattutto l’infanzia: Unaids calcola che i bambini rimasti orfani prima dei 15 anni, più spesso di madre ma anche di entrambi i genitori, sono più di 12 milioni nella sola Africa subsahariana, 13,2 nel mondo.
Inoltre il virus, facendo più vittime tra le donne che tra gli uomini, riduce anche il tasso di fertilità prefigurando un'ulteriore drammatica situazione: drastica riduzione delle nascite, emigrazione degli uomini in cerca di moglie. La demografia di tutta l’Africa subsahariana è sconvolta. L’aspettativa di vita cala ormai da quindici anni: da una media di 53 anni nel 1985 si è passati ai 47 attuali; in alcuni Paesi come il Botswana e lo Zimbabwe siamo tornati ai livelli del 1950 quando un cittadino di quei paesi viveva mediamente 40 anni. In questo stesso arco di tempo le morti legate al parto e al periodo neonatale in Africa sono finite all’ultimo posto nell’elenco delle 10 maggiori cause di morte.
Secondo le stime di Unaids, la mortalità di persone nella fascia di età tra i 15 e i 49 anni aumenterà ancora in maniera drammatica e la spesa degli stati africani per la cura dell'Aids salirà fino a raggiungere i 12 milioni di dollari entro il 2005 (stornando fondi da altre esigenze sanitarie di primaria importanza), lo sviluppo economico e sociale dell'Africa ne subirà serie conseguenze.

Anteprima News

01/08/19

URO-GINECOLOGI: “SI ALL’USO DELLE PROTESI/RETI PER LA CHIRURGIA VAGINALE”

Mauro Cervigni, segretario scientifico AIUG: “Sono dispositivi che non devono essere banditi ma utilizzati in modo corretto. Possono rappresentare un’opportunità positiva per le pazienti”

Milano, 01 agosto 2019 – “Sì all’utilizzo delle protesi/reti (mesh) per il trattamento conservativo del prolasso. Questi dispositivi medici non devono essere banditi e, se usati correttamente,…
22/07/19

TUMORE DEL COLON RETTO: BAYER, BRISTOL-MYERS SQUIBB E ONO PHARMACEUTICAL AVVIANO UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE CLINICA PER STUDIARE REGORAFENIB E NIVOLUMAB COME TERAPIA DI COMBINAZIONE

· La combinazione di regorafenib e nivolumab rispetto a regorafenib da solo sarà valutata in pazienti con tumore del colon retto metastatico con microsatelliti stabili
· Le Aziende pianificano uno studio di ricerca dell’indicazione

Milano, 22 luglio 2019 – Bayer, Bristol-Myers Squibb e Ono Pharmaceutical (“Ono”) hanno annunciato di aver avviato un accordo di collaborazione clinica per valutare la combinazione di regorafenib,…
18/07/19

Ipertensione: semplificare la terapia favorisce l’aderenza e il controllo della pressione

I risultati dello studio Senior Italia FederAnziani presentati al Ministero della Salute

Roma, 18 luglio 2019 – Senior Italia FederAnziani ha monitorato oltre 12.000 anziani attraverso un controllo costante della pressione, costruendo un vero e proprio diario dell’iperteso. Allo studio ha…
11/07/19

I PEDIATRI DI FAMIGLIA FIMP AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO
“NEI NOSTRI STUDI SERVONO PIU’ COLLABORATORI E STRUMENTI DIAGNOSTICI”

Il Presidente Paolo Biasci: “Così possiamo favorire l’appropriatezza prescrittiva, ridurre le ospedalizzazioni e determinare importanti risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Rapporto di fiducia con le famiglie elemento di forza dell’assistenza pediatrica grazie al rapporto convenzionale”

Roma, 11 luglio 2019 – “Bisogna garantire su tutto il territorio nazionale studi di pediatri di famiglia dotati di personale qualificato e di attrezzature diagnostiche a risposta rapida (o self-help).…
28/06/19

I FIMP: “CONDIVIDIAMO LE PROTESTE DEL MINISTRO GRILLO CONTRO CHI VUOLE METTERE IN DUBBIO IL VALORE DELLE VACCINAZIONI”

Roma, 27 giugno 2019 - “Facciamo nostre le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo, parole che devono far molto riflettere su quanto sta avvenendo nel nostro Paese rispetto ad una questione,…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522