mercoledì, 21 agosto 2019

Contenuto

11 luglio 2001

L’EPIDEMIA DI HIV/AIDS NEL MONDO

In vent’anni l’Aids ha fatto 22 milioni di morti. Era infatti il marzo del 1981 quando al CCD (Centers for Diseases Control) di Atlanta (USA) furono segnalati 5 casi di una rara forma di polmonite che aveva colpito giovani omosessuali con le difese immunitarie distrutte. Ma il peggio per l’umanità sembra dover ancora venire. Le Nazioni Unite ricordando a tutti il ventesimo anniversario dalla scoperta dei primi casi di Aids, forniscono i dati del programma quadro sull’Aids (UNAIDS) relativo al 2000. Secondo l’Unaids l’epidemia dell’immunodeficienza acquisita è la più devastante che si sia mai verificata nella storia dell’uomo.

Quando l’HIV apparve non era neppure possibile immaginare che si sarebbe diffuso così rapidamente da infettare, nei primi vent’anni, 58 milioni di persone, uccidendone quasi 22. Oggi si stima che ci siano oltre 36 milioni di persone tra sieropositivi e malati di Aids. Di questi più del 70% (25,3 milioni di persone) vive nell'Africa sub-Sahariana, la regione più duramente colpita del pianeta. Dopo l’Africa è l’Asia il continente con più malati (5,8 milioni), seguita dall’America Latina (1,4 milioni) e dal Nord America (920.000). Cina, Europa e Nord Africa contano circa lo stesso numero di pazienti (640.000, 540.000 e 400.000 rispettivamente). In questa tragica geografia la Nuova Zelanda appare veramente un’isola felice con soli 15.000 casi.
Le nuove infezioni nel corso del 2000 sono state 5,3 milioni, 3 milioni i morti. Ma le conseguenze più drammatiche sono quelle demografiche: 13,2 milioni di orfani nel 2000. E’ questo il bollettino di una guerra che non risparmia i bambini, nel 90% dei casi quelli dell’Africa (12,1 milioni) e del Sud-Est asiatico (850.000 orfani). Mentre globalmente l’Aids rappresenta “solo” la quarta causa di morte (4,8%) - preceduta da malattie respiratorie (7,1%), cerebrovascolari (9,9%) e malattie ischemiche cardiache (12,7%) – in Africa è la prima con il 20,6%.

Anteprima News

01/08/19

URO-GINECOLOGI: “SI ALL’USO DELLE PROTESI/RETI PER LA CHIRURGIA VAGINALE”

Mauro Cervigni, segretario scientifico AIUG: “Sono dispositivi che non devono essere banditi ma utilizzati in modo corretto. Possono rappresentare un’opportunità positiva per le pazienti”

Milano, 01 agosto 2019 – “Sì all’utilizzo delle protesi/reti (mesh) per il trattamento conservativo del prolasso. Questi dispositivi medici non devono essere banditi e, se usati correttamente,…
22/07/19

TUMORE DEL COLON RETTO: BAYER, BRISTOL-MYERS SQUIBB E ONO PHARMACEUTICAL AVVIANO UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE CLINICA PER STUDIARE REGORAFENIB E NIVOLUMAB COME TERAPIA DI COMBINAZIONE

· La combinazione di regorafenib e nivolumab rispetto a regorafenib da solo sarà valutata in pazienti con tumore del colon retto metastatico con microsatelliti stabili
· Le Aziende pianificano uno studio di ricerca dell’indicazione

Milano, 22 luglio 2019 – Bayer, Bristol-Myers Squibb e Ono Pharmaceutical (“Ono”) hanno annunciato di aver avviato un accordo di collaborazione clinica per valutare la combinazione di regorafenib,…
18/07/19

Ipertensione: semplificare la terapia favorisce l’aderenza e il controllo della pressione

I risultati dello studio Senior Italia FederAnziani presentati al Ministero della Salute

Roma, 18 luglio 2019 – Senior Italia FederAnziani ha monitorato oltre 12.000 anziani attraverso un controllo costante della pressione, costruendo un vero e proprio diario dell’iperteso. Allo studio ha…
11/07/19

I PEDIATRI DI FAMIGLIA FIMP AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO
“NEI NOSTRI STUDI SERVONO PIU’ COLLABORATORI E STRUMENTI DIAGNOSTICI”

Il Presidente Paolo Biasci: “Così possiamo favorire l’appropriatezza prescrittiva, ridurre le ospedalizzazioni e determinare importanti risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Rapporto di fiducia con le famiglie elemento di forza dell’assistenza pediatrica grazie al rapporto convenzionale”

Roma, 11 luglio 2019 – “Bisogna garantire su tutto il territorio nazionale studi di pediatri di famiglia dotati di personale qualificato e di attrezzature diagnostiche a risposta rapida (o self-help).…
28/06/19

I FIMP: “CONDIVIDIAMO LE PROTESTE DEL MINISTRO GRILLO CONTRO CHI VUOLE METTERE IN DUBBIO IL VALORE DELLE VACCINAZIONI”

Roma, 27 giugno 2019 - “Facciamo nostre le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo, parole che devono far molto riflettere su quanto sta avvenendo nel nostro Paese rispetto ad una questione,…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522