mercoledì, 21 agosto 2019

Contenuto

19 giugno 2001

COSTI SANITARI DELLE BPCO IN ITALIA

La BPCO comporta costi elevati sia in termini di costi sanitari che in termini di costi sociali. È difficile tuttavia disporre di dati specifici che supportino in modo quantitativo questa affermazione. Non è infatti possibile valutare tutta quella quota di costi sociali indirettamente causati dalla malattia (assenza dal lavoro del paziente o dei familiari, riduzione della qualità della vita, ecc.) la cui consistenza potrebbe essere tutt'altro che indifferente. Per quanto riguarda i costi sanitari è però possibile stimare i ricoveri ospedalieri. L'introduzione del sistema di pagamento per l'attività ospedaliera ha certamente comportato un significativo incremento dei dati sanitari disponibili e, soprattutto, una loro maggior qualità legata ad una più accurata compilazione della scheda di ammissione dimissione.

C
La fonte delle informazioni utilizzate per questa valutazione è rappresentata dalla pubblicazione dei dati relativi alle Schede di Dimissione Ospedaliera del 1994 pubblicati dal Dipartimento della Programmazione del Ministero della Sanità nel maggio 1996. Questi dati sono desunti da 5.965.813 dimissioni ospedaliere da 914 Istituti di 14 Regioni. Riferendosi ai flussi informativi delle attività gestionali ed economiche delle USL nello stesso anno è stato stimato che i dati riportati corrispondono a circa il 57% del totale dei ricoveri per acuti ed a circa il 70% dei ricoveri di riabilitazione.
I dati successivi fanno invece riferimento al Maggior Gruppo Diagnostico (MDC) 4 "Malattie e Disturbi dell'Apparato Respiratorio" ed in particolare al DRG 88 - Malattia Polmonare Cronica Ostruttiva. All'interno del MDC 4 le BPCO sono le malattie che presentano sia il maggior numero di casi sia il maggior numero di giornate di degenza precedendo sia le neoplasie che le polmoniti. Nel 1994 il DRG 88 ha presentato 61.591 casi di ricovero ordinario pari al 1,2% di tutte le dimissioni ed è al settimo posto (1,7% dei casi), dopo l'aterosclerosi e l'ipertensione arteriosa e prima delle neoplasie dell'apparato respiratorio.
Per quanto riguarda i ricoveri ospedalieri in regime di day hospital il DRG 88 si colloca al 28 posto (1% dei casi) dopo le neoplasie dell'apparato respiratorio (1,8% dei casi).

Le BPCO sono dunque trattate preferibilmente in regime di ricovero con episodi di degenza media di 11.3 giorni piuttosto che in regime di day - hospital. Fra i ricoveri per riabilitazione in regime ordinario il DRG 88 appare all'11º posto con 1931 ricoveri (2,5% di tutti i casi). È probabile che i dati relativi alla riabilitazione siano soprattutto influenzati dalla scarsa disponibilità di posti letto specialistici più che dai bisogni sanitari della popolazione. Il dato di 3,5% di tutti i ricoveri di lungodegenza per il DRG 88 testimonia l'importante invalidità causata dalle BPCO. Il costo ospedaliero del DRG 88 è risultato pari a 318.772 milioni si colloca ancora al settimo posto ed è solo di poco inferiore al costo delle neoplasie respiratorie e superiore a quello dell'ipertensione arteriosa e delle aterosclerosi. All'interno delle malattie respiratorie è superiore a quello delle polmoniti e pleuriti ed è molto superiore a quello dell'asma. Considerando anche i costi di day-hospital, di riabilitazione e di lungodegenza il costo globale per BPCO raggiunge 347.664 milioni superando quello per aterosclerosi ma rimanendo di molto inferiore a quello per neoplasie polmonari. Tenendo conto che queste stime si basano su circa il 56% dei casi di ricovero ospedaliero per acuti e su circa il 70% dei casi in ricovero ospedaliero di riabilitazione, appare evidente il notevole costo sanitario delle BPCO. Risulta chiaro, quindi, quanto importanti possano essere gli sforzi per la prevenzione della patologia e per il conseguente abbattimento dei suoi costi socio-sanitari attraverso, per esempio, tutti gli interventi sulla cessazione del fumo di sigaretta.

Anteprima News

01/08/19

URO-GINECOLOGI: “SI ALL’USO DELLE PROTESI/RETI PER LA CHIRURGIA VAGINALE”

Mauro Cervigni, segretario scientifico AIUG: “Sono dispositivi che non devono essere banditi ma utilizzati in modo corretto. Possono rappresentare un’opportunità positiva per le pazienti”

Milano, 01 agosto 2019 – “Sì all’utilizzo delle protesi/reti (mesh) per il trattamento conservativo del prolasso. Questi dispositivi medici non devono essere banditi e, se usati correttamente,…
22/07/19

TUMORE DEL COLON RETTO: BAYER, BRISTOL-MYERS SQUIBB E ONO PHARMACEUTICAL AVVIANO UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE CLINICA PER STUDIARE REGORAFENIB E NIVOLUMAB COME TERAPIA DI COMBINAZIONE

· La combinazione di regorafenib e nivolumab rispetto a regorafenib da solo sarà valutata in pazienti con tumore del colon retto metastatico con microsatelliti stabili
· Le Aziende pianificano uno studio di ricerca dell’indicazione

Milano, 22 luglio 2019 – Bayer, Bristol-Myers Squibb e Ono Pharmaceutical (“Ono”) hanno annunciato di aver avviato un accordo di collaborazione clinica per valutare la combinazione di regorafenib,…
18/07/19

Ipertensione: semplificare la terapia favorisce l’aderenza e il controllo della pressione

I risultati dello studio Senior Italia FederAnziani presentati al Ministero della Salute

Roma, 18 luglio 2019 – Senior Italia FederAnziani ha monitorato oltre 12.000 anziani attraverso un controllo costante della pressione, costruendo un vero e proprio diario dell’iperteso. Allo studio ha…
11/07/19

I PEDIATRI DI FAMIGLIA FIMP AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO
“NEI NOSTRI STUDI SERVONO PIU’ COLLABORATORI E STRUMENTI DIAGNOSTICI”

Il Presidente Paolo Biasci: “Così possiamo favorire l’appropriatezza prescrittiva, ridurre le ospedalizzazioni e determinare importanti risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Rapporto di fiducia con le famiglie elemento di forza dell’assistenza pediatrica grazie al rapporto convenzionale”

Roma, 11 luglio 2019 – “Bisogna garantire su tutto il territorio nazionale studi di pediatri di famiglia dotati di personale qualificato e di attrezzature diagnostiche a risposta rapida (o self-help).…
28/06/19

I FIMP: “CONDIVIDIAMO LE PROTESTE DEL MINISTRO GRILLO CONTRO CHI VUOLE METTERE IN DUBBIO IL VALORE DELLE VACCINAZIONI”

Roma, 27 giugno 2019 - “Facciamo nostre le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo, parole che devono far molto riflettere su quanto sta avvenendo nel nostro Paese rispetto ad una questione,…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522