mercoledì, 21 agosto 2019

Contenuto

2 giugno 2001

SINTESI DELL’INTERVENTO DEL PROF. FRANCESCO MONACO

IL PROF. FRANCESCO MONACO È DIRETTORE DELLA CLINICA NEUROLOGICA DELL’UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE “AMEDEO AVOGADRO” DI NOVARA E COORDINATORE DEL GRUPPO DI STUDIO DI PATOLOGIE DI CONFINE DELLA SOCIETA’ ITALIANA DI NEUROLOGIA.

La “rinascita” della neuropsichiatria, disciplina clinica e di ricerca ora pienamente rivalutata (grazie anche a iniziative come questo Convegno), sta a indicare chiaramente che oggi non é più possibile operare una dicotomia arbitraria tra “malattia del cervello” e “malattia della mente”. La neurobiologia é inscindibile dalla psicobiologia, ed entrambe concorrono alla ricerca dei meccanismi sottesi ai processi fisiologici e patologici del sistema nervoso.

La comorbidità psichiatrica nelle malattie neurologiche – cioè la coesistenza di due patologie, una delle quali è di natura psichiatrica (depressione, ansia o disturbi comportamentali) – è argomento di grande attualità, e i rapporti tra disturbi dell’umore e le malattie neurologiche (ad esempio stroke, malattia di Parkinson, epilessia, trauma cranico ecc.) sono oggi sempre più studiati ed approfonditi.
La comorbidità, inoltre, non è una relazione casuale tra le patologie: la patologia mentale è correlata patologicamente e biologicamente alla malattia. Quindi la depressione neurologica non è una depressione solamente reattiva all’evento.
Nella popolazione anziana la presenza della depressione post ictus è del 50%: significa che la metà delle persone che hanno avuto un ictus entrano in depressione.
Per quanto riguarda il Parkinson – una patologia che può addirittura avere inizio da una depressione – la percentuale si modifica, ma di poco, e riguarda il 35-40% dei pazienti: oggi la depressione viene considerata uno dei quattro sintomi principali, oltre alla bradicinesia, alla rigidità e al tremore.
In pazienti giovani la comorbidità è più frequente su malattie quali epilessia o trauma cranico. La percentuali riguardano circa un terzo dei pazienti, soprattutto in caso di epilessie del lobo temporale, quindi spesso epilessie di origine lesionale, per esempio quella post traumatica accompagnata da sintomatologia depressiva e disturbi gravi del comportamento (asocialità ecc..).
Un approccio integrato al paziente con esiti di malattia neurologica in fase depressiva o disturbi comportamentali potrà giovare anche al percorso neuroriabilitativo e al reinserimento del paziente nel contesto familiare e sociale. Neurologi e psichiatri dovranno operare congiuntamente per prendersi cura, in atteggiamento collaborativo, del soggetto affetto da malattie neurologiche in comorbidità psichiatrica.
Riveste particolare importanza, infine, l’aspetto farmacoterapeutico. Infatti l’impiego razionale dei nuovi farmaci antidepressivi, stabilizzanti del tono dell’umore, e degli antipsicotici, ha radicalmente modificato la prognosi di queste patologie, permettendo di ottenere notevoli risultati clinici senza gli effetti collaterali indesiderati dei neurofarmaci della prima generazione.

Per quanto riguarda l’ansia, ad esempio, le benzodiazepine ed i triciclici non sono indicati per i pazienti anziani poiché hanno effetti collaterali eccessivi sulle performance cognitive e cardiovascolari. Nell’epilessia è importante fare molta attenzione dal momento che alcuni farmaci antidepressivi sono epilettogeni, cioè sono essi stessi causa di epilessia.
La paroxetina a causa della scarsa incidenza di effetti collaterali non ha invece particolari problemi ad essere utilizzata sia nelle fasce di età giovanili che in quelle più avanzate.

Anteprima News

01/08/19

URO-GINECOLOGI: “SI ALL’USO DELLE PROTESI/RETI PER LA CHIRURGIA VAGINALE”

Mauro Cervigni, segretario scientifico AIUG: “Sono dispositivi che non devono essere banditi ma utilizzati in modo corretto. Possono rappresentare un’opportunità positiva per le pazienti”

Milano, 01 agosto 2019 – “Sì all’utilizzo delle protesi/reti (mesh) per il trattamento conservativo del prolasso. Questi dispositivi medici non devono essere banditi e, se usati correttamente,…
22/07/19

TUMORE DEL COLON RETTO: BAYER, BRISTOL-MYERS SQUIBB E ONO PHARMACEUTICAL AVVIANO UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE CLINICA PER STUDIARE REGORAFENIB E NIVOLUMAB COME TERAPIA DI COMBINAZIONE

· La combinazione di regorafenib e nivolumab rispetto a regorafenib da solo sarà valutata in pazienti con tumore del colon retto metastatico con microsatelliti stabili
· Le Aziende pianificano uno studio di ricerca dell’indicazione

Milano, 22 luglio 2019 – Bayer, Bristol-Myers Squibb e Ono Pharmaceutical (“Ono”) hanno annunciato di aver avviato un accordo di collaborazione clinica per valutare la combinazione di regorafenib,…
18/07/19

Ipertensione: semplificare la terapia favorisce l’aderenza e il controllo della pressione

I risultati dello studio Senior Italia FederAnziani presentati al Ministero della Salute

Roma, 18 luglio 2019 – Senior Italia FederAnziani ha monitorato oltre 12.000 anziani attraverso un controllo costante della pressione, costruendo un vero e proprio diario dell’iperteso. Allo studio ha…
11/07/19

I PEDIATRI DI FAMIGLIA FIMP AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO
“NEI NOSTRI STUDI SERVONO PIU’ COLLABORATORI E STRUMENTI DIAGNOSTICI”

Il Presidente Paolo Biasci: “Così possiamo favorire l’appropriatezza prescrittiva, ridurre le ospedalizzazioni e determinare importanti risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Rapporto di fiducia con le famiglie elemento di forza dell’assistenza pediatrica grazie al rapporto convenzionale”

Roma, 11 luglio 2019 – “Bisogna garantire su tutto il territorio nazionale studi di pediatri di famiglia dotati di personale qualificato e di attrezzature diagnostiche a risposta rapida (o self-help).…
28/06/19

I FIMP: “CONDIVIDIAMO LE PROTESTE DEL MINISTRO GRILLO CONTRO CHI VUOLE METTERE IN DUBBIO IL VALORE DELLE VACCINAZIONI”

Roma, 27 giugno 2019 - “Facciamo nostre le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo, parole che devono far molto riflettere su quanto sta avvenendo nel nostro Paese rispetto ad una questione,…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522