venerdì, 18 aprile 2014

Contenuto

14 dicembre 2010

METASTASI LINFONODALI DEL CANCRO MIDOLLARE DELLA TIROIDE IN ETÀ PEDIATRICA E SOPRAVVIVENZA

Nel cancro midollare della tiroide, le metastasi linfonodali rappresentano un fattore di prognosi sfavorevole per la sopravvivenza globale. Un'adeguata valutazione linfonodale offre un valido contributo per la prognosi dei pazienti pediatrici con questa forma tumorale e dovrebbe essere presa in considerazione anche in quelli più grandi in attesa di procedura chirurgica per tumore midollare della tiroide sia ereditario che confermato da biopsia. Le metastasi linfonodali sono comuni negli adulti con cancro midollare della tiroide nei quali rappresentano fattore prognostico sfavorevole. Meno è invece noto circa le metastasi linfonodali nei bambini, che spesso presentano forme ereditarie del tumore. Le linee guida raccomandano per i più giovani la tiroidectomia profilattica, ma studi clinici prospettici randomizzati non sono attuabili in questo campo. I ricercatori della Division of Research and Optimal Patient Care del Cancer Programs dell'American College of Surgeons di Chicago hanno ipotizzato che le metastasi linfonodali fossero associate a prognosi sfavorevole anche nei bambini. Hanno quindi selezionato dal National Cancer Database i casi di cancro midollare della tiroide insorto in età inferiore a 21 anni nel periodo 1985 - 2007. Nello studio pubblicato sul Journal of Pediatric Surgery (leggi abstract originale) la regressione logistica multivariata è stata applicata per identificare i fattori associati alla valutazione linfonodale e la sopravvivenza è stata stimata usando il metodo di Kaplan-Meier. Dei 340 pazienti selezionati, 276 (64.2%) sono stati sottoposti a valutazione linfonodale e 121 (28.1%) hanno evidenziato presenza di metastasi. I pazienti più vecchi, quelli con tumori più grandi di 2 cm e con coinvolgimento dei margini presentavano maggiore probabilità di manifestare metastasi linfonodali (tutti p < 0.05). I pazienti sottoposti a tiroidectomia totale, quelli con coinvolgimento dei margini e i più grandi avevano maggiori probabilità di essere sottoposti a valutazione linfonodale dopo controllo dei fattori relativi a paziente, tumore e tipo di ospedale (tutti p < 0.05). Nel tempo un numero crescente di pazienti con cancro midollare della tiroide è stato sottoposto a tiroidectomia totale. I pazienti di 16 - 21 anni hanno mostrato una sopravvivenza globale a 10 anni più bassa rispetto ai bambini da 0 a 15 anni (88.7% vs 98.1%; p = 0.005). Anche le metastasi linfonodali sono state associate a ridotta sopravvivenza globale a 10 anni (84.4% vs 100%; p < 0.001).

Anteprima News

14/04/14

SIGO: “SERVONO SUBITO LINEE GUIDA PER LA FECONDAZIONE ETEROLOGA”

Roma, 14 aprile 2014 – Il presidente Paolo Scollo: “La decisione della Corte Costituzionale apre una serie di domande che devono trovare una risposta. Vogliamo offrire alle Istituzioni e alla collettività le nostre competenze ed esperienze.”

Roma, 14 aprile 2014 – “I ginecologi italiani si rimettono alla decisione della Corte Costituzionale che permetterà, anche in Italia, la fecondazione assistita eterologa. Siamo pronti a dare il nostro…
14/10/13

IL BERGAMASCO GIORDANO BERETTA . ELETTO CONSIGLIERE NAZIONALE DEGLI ONCOLOGI

Bergamo, 14 ottobre 2013 – È responsabile dell’Oncologia Medica dell’Humanitas Gavazzeni di Bergamo. Stefania Gori (Verona) diventa Segretario. Carmine Pinto (Bologna) è Presidente eletto

Giordano Beretta, responsabile dell’Oncologia Medica dell’Humanitas Gavazzeni di Bergamo, è stato eletto nel Consiglio Direttivo nazionale dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM). La…
13/10/13

IL BRINDISINO SAVERIO CINIERI RIELETTO CONSIGLIERE DEGLI ONCOLOGI

Milano, 13 ottobre 2013 – È Direttore dell’Unità Operativa Complessa dell’Oncologia Medica e Breast Unit di Brindisi. Stefania Gori (Verona) diventa Segretario. Carmine Pinto (Bologna) è Presidente eletto

Saverio Cinieri, brindisino classe 1960, è stato rieletto nel Consiglio Direttivo nazionale dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM). La nomina è avvenuta ieri, durante la seconda…
23/09/13

TUMORI: ITALIA MODELLO IN EUROPA PER LE CURE SIMULTANEE . “MA VA REALIZZATA SUBITO L’INTEGRAZIONE DELLE RETI”

Roma, 23 settembre 2013 – È dimostrato che il controllo dei sintomi, associato ai trattamenti anti-cancro, migliora la qualità di vita dei pazienti. Il nostro Paese detiene il primato in UE per numero di centri certificati (35). Manca però un network che integri le reti oncologiche con quelle di cure palliative

In Italia il 35% dei malati di cancro giunge alla diagnosi quando la malattia è in fase avanzata. A questi pazienti deve essere applicato il modello di cure simultanee, che implica l’integrazione tra…
10/09/13

L’AOGOI: “VICINI AI FAMILIARI DELLA COLLEGA ELEONORA CANTAMESSA
IL DOVERE MEDICO SEMPRE PIÙ VINCOLATO A PESANTI TRIBUTI E SACRIFICI”

La vicinanza dei camici bianchi alla famiglia della donna uccisa mentre prestava soccorso in Provincia di Bergamo

Bergamo, 10 settembre 2013 – “La morte di Eleonora Cantamessa, la nostra collega bergamasca crudelmente uccisa da un gruppo di immigrati mentre prestava soccorso ad un loro connazionale coinvolto in…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522
E-mail: intermedia@intermedianews.it