Contenuto

14 dicembre 2010

METASTASI LINFONODALI DEL CANCRO MIDOLLARE DELLA TIROIDE IN ETÀ PEDIATRICA E SOPRAVVIVENZA

Nel cancro midollare della tiroide, le metastasi linfonodali rappresentano un fattore di prognosi sfavorevole per la sopravvivenza globale. Un'adeguata valutazione linfonodale offre un valido contributo per la prognosi dei pazienti pediatrici con questa forma tumorale e dovrebbe essere presa in considerazione anche in quelli più grandi in attesa di procedura chirurgica per tumore midollare della tiroide sia ereditario che confermato da biopsia. Le metastasi linfonodali sono comuni negli adulti con cancro midollare della tiroide nei quali rappresentano fattore prognostico sfavorevole. Meno è invece noto circa le metastasi linfonodali nei bambini, che spesso presentano forme ereditarie del tumore. Le linee guida raccomandano per i più giovani la tiroidectomia profilattica, ma studi clinici prospettici randomizzati non sono attuabili in questo campo. I ricercatori della Division of Research and Optimal Patient Care del Cancer Programs dell'American College of Surgeons di Chicago hanno ipotizzato che le metastasi linfonodali fossero associate a prognosi sfavorevole anche nei bambini. Hanno quindi selezionato dal National Cancer Database i casi di cancro midollare della tiroide insorto in età inferiore a 21 anni nel periodo 1985 - 2007. Nello studio pubblicato sul Journal of Pediatric Surgery (leggi abstract originale) la regressione logistica multivariata è stata applicata per identificare i fattori associati alla valutazione linfonodale e la sopravvivenza è stata stimata usando il metodo di Kaplan-Meier. Dei 340 pazienti selezionati, 276 (64.2%) sono stati sottoposti a valutazione linfonodale e 121 (28.1%) hanno evidenziato presenza di metastasi. I pazienti più vecchi, quelli con tumori più grandi di 2 cm e con coinvolgimento dei margini presentavano maggiore probabilità di manifestare metastasi linfonodali (tutti p < 0.05). I pazienti sottoposti a tiroidectomia totale, quelli con coinvolgimento dei margini e i più grandi avevano maggiori probabilità di essere sottoposti a valutazione linfonodale dopo controllo dei fattori relativi a paziente, tumore e tipo di ospedale (tutti p < 0.05). Nel tempo un numero crescente di pazienti con cancro midollare della tiroide è stato sottoposto a tiroidectomia totale. I pazienti di 16 - 21 anni hanno mostrato una sopravvivenza globale a 10 anni più bassa rispetto ai bambini da 0 a 15 anni (88.7% vs 98.1%; p = 0.005). Anche le metastasi linfonodali sono state associate a ridotta sopravvivenza globale a 10 anni (84.4% vs 100%; p < 0.001).

Anteprima News

28/03/17

TUMORE TESTA E COLLO: PARERE FAVOREVOLE DEL CHMP PER NIVOLUMAB

È la prima molecola immuno-oncologica a ricevere il parere favorevole del CHMP per il trattamento del tumore testa-collo in stadio avanzato

Il parere favorevole si basa sul beneficio di sopravvivenza globale raggiunto nello studio di fase III CheckMate -141 (28 marzo 2017) – Il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia…
28/03/17

A CAGLIARI IL 1° FESTIVAL DELLA PREVENZIONE E INNOVAZIONE IN ONCOLOGIA
UN MOTORHOME IN CORSO VITTORIO EMANUELE II: I CLINICI INCONTRANO I CITTADINI

I camici bianchi saranno per 3 giorni nel pullman per fornire consigli sugli stili di vita sani contro il cancro. In Sardegna il 9,8% degli adulti è obeso e il 27% fuma. In programma anche lezioni in Università e alle Superiori. Nella Regione nel 2016 stimate 9.600 nuove diagnosi

Cagliari, 28 marzo 2017 - La lotta ai tumori scende in piazza a Cagliari. L’ottava tappa del “Festival della prevenzione e innovazione in oncologia” si svolge proprio nel capoluogo sardo. Un…
27/03/17

AL VIA IL TAVOLO AIFA-MEDICINA GENERALE E TERRITORIALE

Il dott. Claudio Cricelli (presidente SIMG): “Ottima iniziativa, siamo pronti a fare la nostra parte. La nostra Società è l’unica in grado di fornire all’Agenzia tutti i dati relativi alle malattie croniche e alla presa in carico dei pazienti. Possiamo così valutare le performance e le considerazioni dei medici”

Roma, 27 marzo 2017 – Dopo alcuni anni di stallo riapre il tavolo della medicina generale e territoriale presso l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA). La scorsa settimana si è tenuto un primo incontro…
23/03/17

FONDAZIONE MELANOMA: AL VIA LA CAMPAGNA “NOI ROSSI”

Il presidente Paolo Ascierto: “Vogliamo sensibilizzare i cittadini che hanno questa pigmentazione della pelle e dei capelli, ma tutti dovrebbero seguire le regole della prevenzione. Se individuata in fase precoce, la malattia è guaribile con l’asportazione di un neo”. In programma una mostra con le immagini dei testimonial

Napoli, 23 marzo 2017 – Gli under 40 sono fra i più colpiti dal melanoma, tumore della pelle particolarmente aggressivo: il 20% dei casi è riscontrato in pazienti di età compresa fra 15 e 39 anni. La…
23/03/17

A FROSINONE IL 1° FESTIVAL DELLA PREVENZIONE E INNOVAZIONE IN ONCOLOGIA
UN MOTORHOME A VILLA COMUNALE: I CLINICI INCONTRANO I CITTADINI

Nel Lazio il 33,2% degli adulti è sedentario e il 29,6% fuma. I camici bianchi saranno per 3 giorni nel pullman per fornire consigli sugli stili di vita sani contro il cancro. In programma lezioni in classe agli studenti di 9 Istituti. Domenica mattina la “passeggiata della salute”. Nella Regione stimate 33.300 nuove diagnosi nel 2016

Dal 24 al 26 marzo la città ospita la settima tappa del tour dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica

Frosinone, 23 marzo 2017 - La lotta ai tumori scende in piazza a Frosinone. La settima tappa del “Festival della prevenzione e innovazione in oncologia” si svolge proprio nel capoluogo laziale. Un…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it