Contenuto

14 dicembre 2010

METASTASI LINFONODALI DEL CANCRO MIDOLLARE DELLA TIROIDE IN ETÀ PEDIATRICA E SOPRAVVIVENZA

Nel cancro midollare della tiroide, le metastasi linfonodali rappresentano un fattore di prognosi sfavorevole per la sopravvivenza globale. Un'adeguata valutazione linfonodale offre un valido contributo per la prognosi dei pazienti pediatrici con questa forma tumorale e dovrebbe essere presa in considerazione anche in quelli più grandi in attesa di procedura chirurgica per tumore midollare della tiroide sia ereditario che confermato da biopsia. Le metastasi linfonodali sono comuni negli adulti con cancro midollare della tiroide nei quali rappresentano fattore prognostico sfavorevole. Meno è invece noto circa le metastasi linfonodali nei bambini, che spesso presentano forme ereditarie del tumore. Le linee guida raccomandano per i più giovani la tiroidectomia profilattica, ma studi clinici prospettici randomizzati non sono attuabili in questo campo. I ricercatori della Division of Research and Optimal Patient Care del Cancer Programs dell'American College of Surgeons di Chicago hanno ipotizzato che le metastasi linfonodali fossero associate a prognosi sfavorevole anche nei bambini. Hanno quindi selezionato dal National Cancer Database i casi di cancro midollare della tiroide insorto in età inferiore a 21 anni nel periodo 1985 - 2007. Nello studio pubblicato sul Journal of Pediatric Surgery (leggi abstract originale) la regressione logistica multivariata è stata applicata per identificare i fattori associati alla valutazione linfonodale e la sopravvivenza è stata stimata usando il metodo di Kaplan-Meier. Dei 340 pazienti selezionati, 276 (64.2%) sono stati sottoposti a valutazione linfonodale e 121 (28.1%) hanno evidenziato presenza di metastasi. I pazienti più vecchi, quelli con tumori più grandi di 2 cm e con coinvolgimento dei margini presentavano maggiore probabilità di manifestare metastasi linfonodali (tutti p < 0.05). I pazienti sottoposti a tiroidectomia totale, quelli con coinvolgimento dei margini e i più grandi avevano maggiori probabilità di essere sottoposti a valutazione linfonodale dopo controllo dei fattori relativi a paziente, tumore e tipo di ospedale (tutti p < 0.05). Nel tempo un numero crescente di pazienti con cancro midollare della tiroide è stato sottoposto a tiroidectomia totale. I pazienti di 16 - 21 anni hanno mostrato una sopravvivenza globale a 10 anni più bassa rispetto ai bambini da 0 a 15 anni (88.7% vs 98.1%; p = 0.005). Anche le metastasi linfonodali sono state associate a ridotta sopravvivenza globale a 10 anni (84.4% vs 100%; p < 0.001).

Anteprima News

03/08/17

LA FIMP, “I DECRETI ATTUATIVI SULLA NUOVA LEGGE VACCINI DEVONO TENER CONTO DEL RAPPORTO DI FIDUCIA PEDIATRIA-FAMIGLIA”

Roma, 31 luglio 2017 – “La definitiva conversione in legge del decreto sui vaccini obbligatori ha chiuso un aspro dibattito politico e consegnato al Paese l'auspicato strumento per una maggiore tutela…
03/08/17

LA SIR: “LA SCOMPARSA DEL PROF. OLIVIERI, UNA PERDITA PER LA REUMATOLOGIA ITALIANA”

Roma, 31 luglio 2017 – Il past president della Società è scomparso dopo una lunga malattia

La Società Italiana di Reumatologia (SIR) esprime profondo cordoglio per la scomparsa del prof. Ignazio Benedetto Olivieri avvenuta venerdì scorso. Nato nel 1953, è stato presidente della SIR nel…
28/07/17

ARTRITE PSORIASICA ATTIVA: OK DELL’EUROPA PER ABATACEPT

28 luglio 2017 - La Commissione Europea ha approvato abatacept da solo o in combinazione con metotrexato per il trattamento dell’artrite psoriasica (AP) attiva in pazienti adulti per i quali la…
26/07/17

FIMMG, FIMP, SUMAI: LA LETTERA DEL MINISTRO LORENZIN
È UN ATTO D’ATTENZIONE

La nota inviata dal Ministro Beatrice Lorenzin al Presidente del Comitato di Settore Massimo Gravaglia sulla necessità di aggiornare l’atto di indirizzo per il rinnovo del contratto dell’area…
24/07/17

CARCINOMA UROTELIALE: PARERE POSITIVO DEL CHMP PER PEMBROLIZUMAB

La raccomandazione del Comitato per i medicinali per uso umano riguarda il trattamento di pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico

La raccomandazione riguarda sia il trattamento dei pazienti adulti che hanno ricevuto in precedenza chemioterapia contenente platino, sia pazienti non eleggibili al trattamento con cisplatino

Il parere positivo si basa sul beneficio in termini di sopravvivenza globale dimostrato dallo studio di Fase 3 KEYNOTE-045 e sulle risposte durature osservate nello studio di Fase 2 KEYNOTE-052

KENILWORTH, N.J., 24 luglio 2017 – Il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia Europea per i farmaci (EMA) ha espresso parere favorevole all'approvazione di pembrolizumab, terapia…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it