Contenuto

14 dicembre 2010

METASTASI LINFONODALI DEL CANCRO MIDOLLARE DELLA TIROIDE IN ETÀ PEDIATRICA E SOPRAVVIVENZA

Nel cancro midollare della tiroide, le metastasi linfonodali rappresentano un fattore di prognosi sfavorevole per la sopravvivenza globale. Un'adeguata valutazione linfonodale offre un valido contributo per la prognosi dei pazienti pediatrici con questa forma tumorale e dovrebbe essere presa in considerazione anche in quelli più grandi in attesa di procedura chirurgica per tumore midollare della tiroide sia ereditario che confermato da biopsia. Le metastasi linfonodali sono comuni negli adulti con cancro midollare della tiroide nei quali rappresentano fattore prognostico sfavorevole. Meno è invece noto circa le metastasi linfonodali nei bambini, che spesso presentano forme ereditarie del tumore. Le linee guida raccomandano per i più giovani la tiroidectomia profilattica, ma studi clinici prospettici randomizzati non sono attuabili in questo campo. I ricercatori della Division of Research and Optimal Patient Care del Cancer Programs dell'American College of Surgeons di Chicago hanno ipotizzato che le metastasi linfonodali fossero associate a prognosi sfavorevole anche nei bambini. Hanno quindi selezionato dal National Cancer Database i casi di cancro midollare della tiroide insorto in età inferiore a 21 anni nel periodo 1985 - 2007. Nello studio pubblicato sul Journal of Pediatric Surgery (leggi abstract originale) la regressione logistica multivariata è stata applicata per identificare i fattori associati alla valutazione linfonodale e la sopravvivenza è stata stimata usando il metodo di Kaplan-Meier. Dei 340 pazienti selezionati, 276 (64.2%) sono stati sottoposti a valutazione linfonodale e 121 (28.1%) hanno evidenziato presenza di metastasi. I pazienti più vecchi, quelli con tumori più grandi di 2 cm e con coinvolgimento dei margini presentavano maggiore probabilità di manifestare metastasi linfonodali (tutti p < 0.05). I pazienti sottoposti a tiroidectomia totale, quelli con coinvolgimento dei margini e i più grandi avevano maggiori probabilità di essere sottoposti a valutazione linfonodale dopo controllo dei fattori relativi a paziente, tumore e tipo di ospedale (tutti p < 0.05). Nel tempo un numero crescente di pazienti con cancro midollare della tiroide è stato sottoposto a tiroidectomia totale. I pazienti di 16 - 21 anni hanno mostrato una sopravvivenza globale a 10 anni più bassa rispetto ai bambini da 0 a 15 anni (88.7% vs 98.1%; p = 0.005). Anche le metastasi linfonodali sono state associate a ridotta sopravvivenza globale a 10 anni (84.4% vs 100%; p < 0.001).

Anteprima News

24/06/16

ALMIRALL: “LE MALATTIE DERMATOLOGICHE SULLA PELLE DEI DIPENDENTI
COSÌ POSSONO CAPIRE LO STIGMA CHE COLPISCE I PAZIENTI”

I lavoratori truccati per vivere in prima persona le stesse sensazioni dei malati. L’iniziativa premiata con il Leone d’argento al Festival internazionale della creatività di Cannes. Assegnato a Biagio Viganò, Human Resources Manager, il “Positive Business Award” organizzato dalla Scuola di Palo Alto

Milano, 24 giugno 2016 – Diverse. Così si sentono le persone colpite da malattie dermatologiche gravi, perché percepiscono ogni giorno lo stigma sociale che accompagna la loro condizione. Shared Skin…
22/06/16

Catanzaro capitale italiana della lotta al mieloma multiplo

Catanzaro, 22 giugno 2016 – Dal 30 giugno al 2 luglio Catanzaro ospiterà il workshop Multiple Myeloma 2016. Perspectives for a Paradigm Change. L’evento è organizzato dalla Società Italiana…
21/06/16

Al via il registro nazionale sull’asma grave

Roma, 20 giugno 2016 - L’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri (AIPO), insieme all’Associazione Allergologi Immunologi Territoriali Ospedalieri (AAITO), lancia il registro Nazionale sull’Asma…
16/06/16

TUMORI NEI TRAPIANTATI DI ORGANO
A PADOVA RIUNIONE DEL GRUPPO GIOTTO

Padova, 16 giungo 2016 - Il Gruppo di Studio GIOTTO (Gruppo Italiano Oncologico Tumori nei Trapiantati di Organo), che si è costituito, all’inizio dell’anno in corso, per lo studio dei tumori nei…
15/06/16

PARTE DA LIVORNO IL PROGETTO “ALLENATORE ALLEATO DI SALUTE”. ONCOLOGI, PEDIATRI E COACH INSIEME PER INSEGNARE LA PREVENZIONE

Livorno, 15 giugno 2016 - Parte da Livorno il progetto Allenatore Alleato di Salute, il primo al mondo che vede uniti coach, pediatri e oncologi. L’obiettivo è coinvolgere i mister di tutta Italia in…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it