Contenuto

14 dicembre 2010

METASTASI LINFONODALI DEL CANCRO MIDOLLARE DELLA TIROIDE IN ETÀ PEDIATRICA E SOPRAVVIVENZA

Nel cancro midollare della tiroide, le metastasi linfonodali rappresentano un fattore di prognosi sfavorevole per la sopravvivenza globale. Un'adeguata valutazione linfonodale offre un valido contributo per la prognosi dei pazienti pediatrici con questa forma tumorale e dovrebbe essere presa in considerazione anche in quelli più grandi in attesa di procedura chirurgica per tumore midollare della tiroide sia ereditario che confermato da biopsia. Le metastasi linfonodali sono comuni negli adulti con cancro midollare della tiroide nei quali rappresentano fattore prognostico sfavorevole. Meno è invece noto circa le metastasi linfonodali nei bambini, che spesso presentano forme ereditarie del tumore. Le linee guida raccomandano per i più giovani la tiroidectomia profilattica, ma studi clinici prospettici randomizzati non sono attuabili in questo campo. I ricercatori della Division of Research and Optimal Patient Care del Cancer Programs dell'American College of Surgeons di Chicago hanno ipotizzato che le metastasi linfonodali fossero associate a prognosi sfavorevole anche nei bambini. Hanno quindi selezionato dal National Cancer Database i casi di cancro midollare della tiroide insorto in età inferiore a 21 anni nel periodo 1985 - 2007. Nello studio pubblicato sul Journal of Pediatric Surgery (leggi abstract originale) la regressione logistica multivariata è stata applicata per identificare i fattori associati alla valutazione linfonodale e la sopravvivenza è stata stimata usando il metodo di Kaplan-Meier. Dei 340 pazienti selezionati, 276 (64.2%) sono stati sottoposti a valutazione linfonodale e 121 (28.1%) hanno evidenziato presenza di metastasi. I pazienti più vecchi, quelli con tumori più grandi di 2 cm e con coinvolgimento dei margini presentavano maggiore probabilità di manifestare metastasi linfonodali (tutti p < 0.05). I pazienti sottoposti a tiroidectomia totale, quelli con coinvolgimento dei margini e i più grandi avevano maggiori probabilità di essere sottoposti a valutazione linfonodale dopo controllo dei fattori relativi a paziente, tumore e tipo di ospedale (tutti p < 0.05). Nel tempo un numero crescente di pazienti con cancro midollare della tiroide è stato sottoposto a tiroidectomia totale. I pazienti di 16 - 21 anni hanno mostrato una sopravvivenza globale a 10 anni più bassa rispetto ai bambini da 0 a 15 anni (88.7% vs 98.1%; p = 0.005). Anche le metastasi linfonodali sono state associate a ridotta sopravvivenza globale a 10 anni (84.4% vs 100%; p < 0.001).

Anteprima News

22/05/17

DECRETO VACCINI: I PEDIATRI FIMP, “BENE LA DECISIONE DEL GOVERNO
ORA BISOGNA RIVEDERE E MODERNIZZARE LA RETE ORGANIZZATIVA”

Roma, 20 maggio 2017 – Il Presidente Giampietro Chiamenti: “Il provvedimento potrà fermare la preoccupante ricomparsa di alcune malattie infettive. Siamo pronti a dare il nostro aiuto e a favorire il dialogo con le famiglie”

“La Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) plaude il Governo per la decisione assunta col Decreto sull'obbligo vaccinale e si congratula col Ministro della Salute Beatrice Lorenzin per la…
19/05/17

I PEDIATRI FIMP: “BENE LA NUOVA LEGGE SUL CYBERBULLISMO”

Il Presidente Giampietro Chiamenti: “Finalmente un provvedimento che vuole superare il
far west di Internet. Siamo pronti ad aiutare giovani e genitori in difficoltà per colpa del web”

Roma, 19 maggio 2017 – La Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) plaude per l’approvazione della nuova legge sul cyberbullismo. “Finalmente un provvedimento efficace teso a superare il far west…
17/05/17

A CUNEO IL 1° FESTIVAL DELLA PREVENZIONE E INNOVAZIONE IN ONCOLOGIA
UN MOTORHOME IN PIAZZA EUROPA: I CLINICI INCONTRANO I CITTADINI

I camici bianchi saranno per 3 giorni nel pullman per fornire consigli e spiegare l’importanza degli stili di vita sani contro le neoplasie. Ogni anno in Piemonte 30.700 nuove diagnosi, nel capoluogo 3.500. Nella Regione il 32,8% degli adulti è sedentario, il 28,6% in sovrappeso e l’8,2% obeso. Fuma il 24,9% della popolazione

Cuneo, 17 maggio 2017 - La lotta ai tumori scende in piazza a Cuneo. La sedicesima tappa del “Festival della prevenzione e innovazione in oncologia” si svolge proprio nel capoluogo piemontese. Un…
16/05/17

XIII GIORNATA MONDIALE CONTRO L'IPERTENSIONE ARTERIOSA

MERCOLEDÌ' 17 E GIOVEDÌ 18 MAGGIO MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA IN OCCASIONE DELLA PUNZONATURA DELLE VETTURE DELLA MILLE MIGLIA

Brescia – 16 maggio 2017 – Dopodomani, mercoledì 17 maggio, torna l’appuntamento annuale della SIIA – Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa – con la Giornata Mondiale contro l’ipertensione,…
15/05/17

A LA SPEZIA IL 1° FESTIVAL DELLA PREVENZIONE E INNOVAZIONE IN ONCOLOGIA. UN MOTORHOME IN PIAZZA GARIBALDI: I CLINICI INCONTRANO I CITTADINI

I camici bianchi saranno per 3 giorni nel pullman per fornire consigli e spiegare l’importanza degli stili di vita sani contro le neoplasie. In Liguria 12.000 nuove diagnosi stimate nel 2016. Nella Regione il 31,3% degli adulti è sedentario, il 27,1% in sovrappeso e il 7,9% obeso. Fuma il 25% della popolazione

La Spezia, 15 maggio 2017 - La lotta ai tumori scende in piazza a La Spezia. La quindicesima tappa del “Festival della prevenzione e innovazione in oncologia” si svolge proprio nel capoluogo di…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it