Contenuto

6 novembre 2002

I DANNI SOCIOSANITARI ED ECONOMICI DEL FUMO

Danni da fumo attivo

Il tabacco causa ogni anno nel mondo circa 4 milioni di morti: 11.000 al giorno. Le proiezioni, basate sulle stime attuali, indicano che alla fine del 2020 i morti saranno 10 milioni. Nel 1998, si stima che il fumo di sigaretta sia stato causa di circa:
· l’90% delle morti per cancro del polmone,
· l’75% delle morti per malattie polmonari ostruttive croniche (COPD), che includono bronchiti croniche e enfisema,
· il 25% di tutte le morti per malattie cardiache.

i
Il 30% delle morti per cancro può essere attribuita al fumo, e meno del 10% dei pazienti con tumore del polmone sopravvive a cinque anni dalla diagnosi. Un uomo che fuma ha 23 volte più probabilità di ammalarsi di cancro al polmone di uno che non fuma, mentre per le donne il pericolo è 13 volte maggiore. Dal 1987, ogni anno muoiono più donne per cancro del polmone che per cancro mammario, per 40 anni prima causa di morte da tumore nelle donne. Le altre forme di cancro correlate al fumo includono: leucemia, cancro della cervice, della bocca, delle labbra, della gola, del pancreas, della vescica, del rene, dello stomaco e del fegato.
Approssimativamente, il 90% dei casi di malattie vascolari periferiche (PVD), con possibile amputazione di una o entrambe le gambe, sono causate dal fumo. Nel Regno Unito ogni anno avvengono 2.000 amputazioni riferibili a PVD.
Il fumo è anche associato ad anormalità degli spermatozoi e a impotenza maschile. Un recente relazione congiunta della British Medical Association e della ASH stima che 120.000 uomini inglesi tra i 30 e 49 anni siano impotenti a causa del fumo.
Gli uomini che fumano 25 o più sigarette al giorno hanno un rischio relativamente più alto di diventare diabetici rispetto ai non fumatori. Questo potrebbe essere dovuto all’effetto cumulativo a lungo termine del fumo sulla secrezione dell’insulina.

Danni da fumo passivo
Ogni anno, 3000 adulti non-fumatori muoiono per cancro del polmone dovuto al fumo di sigarette altrui. Il fumo passivo è inoltre causa di morte per malattia cardiaca in 35/40.000 non fumatori. Non solo: si calcola che il fumo passivo provochi da 150.000 a 300.000 polmoniti e bronchiti nei bambini sotto i 18 mesi e sia causa di 15.000 ricoveri ospedalieri.

Danni economici
Nel 1994, la Banca Mondiale ha calcolato il peso economico del tabacco in 200 miliardi di dollari. In questo conto non sono inclusi i danni provocati da ustioni e incendi e le malattie comparse nei bambini nati sotto peso da madri fumatrici. Gli stessi studi hanno inoltre mostrato che la prevenzione del fumo si colloca fra i massimi livelli di costo-efficacia degli interventi di ambito sanitario. Chi smette di fumare prima dei 50 anni ha un rischio di morte dimezzato (nei 15 anni successivi) rispetto a chi continua a fumare.

Anteprima News

28/04/16

CANCRO DELLA PROSTATA, 8 ANZIANI SU 10 NON SANNO CHE SI PUÒ PREVENIRE
GLI ONCOLOGI:IL RISCHIO AUMENTA CON L'AVANZARE DELL'ETÀ

A Padova e provincia quasi 700 casi all'anno in parte a causa di sovrappeso ed eccessivo consumo di grassi.Il dott. Umberto Basso dell’Istituto Oncologico Veneto:“Anche dopo i 65 anni di può fare educazione: è essenziale muoversi e seguire un’alimentazione sana lasciando da parte sigarettee alcol per la prevenzione in generale di tutti i tumori e delle malattie cardiovascolari”

Padova, 28 aprile 2016-Sono circa 700 le diagnosi di tumore della prostata registrate ogni anno nei residenti di Padova e provincia, circa un quinto dei 3.990casi totali della regione con oltrela metà…
17/03/16

PROSTATA: TOUR DEGLI ONCOLOGI PER PROMUOVERE STILI DI VITA SANI
8 ANZIANI SU 10 NON SANNO CHE IL CANCRO SI PUO’ PREVENIRE

In Puglia,quasi 2 su 3 sono in sovrappeso e solo l'8,7% consuma giornalmente frutta e verdura, il 13,3% eccede con l'alcol e il 7,2% è fumatore. Il prof. Saverio Cinieri, direttore di Oncologia medica all'ospedale ‘Sen. AntonioPerrino': “Negli over65, il rischio di sviluppare questo tumore è più alto che in età giovanile.È importante intervenire con programmi di informazione adeguati”

Brindisi, 16 marzo2016-Il tumore della prostata in Puglia colpisce ogni anno 1.460 persone,più di200 nella sola Brindisi. E, in tutta Italia, le nuove diagnosi nel 2015sono state 35.000. È la prima…
02/02/16

I MEDICI DI LABORATORIO: "NO AGLI ESAMI INUTILI. COSÌ AVREMO DIAGNOSI PIÙ ACCURATE E RISPARMI"

Milano, 2 febbraio 2016 – Il presidente, prof. Marcello Ciaccio: "Senza le prescrizioni inappropriate potremo ottenere una consistente riduzione della spesa sanitaria". Fondamentale il sostegno dei medici di famiglia

"No agli esami inutili, solo così potremo ottenere una riduzione della spesa sanitaria." La S.I.Bio.C., la più importante Società Scientifica di Medicina di Laboratorio in Italia, si associa…
09/11/15

PROGETTO SAM
PARTONO LE GIORNATE DELLA PREVENZIONE CON VISITE SPECIALISTICHE GRATUITE

Milano, 9 novembre 2015 - Dal 23 al 30 novembre sarà possibile sottoporsi a un controllo in 60 centri sparsi su tutto il territorio nazionale (attivo il numero verde 800.59.83.95). L’iniziativa fa parte di SAM “Salute Al Maschile”, progetto di Fondazione Umberto Veronesi in collaborazione con AURO e SIURO

Uomini italiani bocciati in prevenzione. Otto su 10 non sono mai andati dall’urologo. Il 43% non sa che le malattie sessualmente trasmissibili (MST) si possono prevenire. Solo il 16% usa regolarmente…
23/10/15

TUMORI, ITALIA AL PRIMO POSTO PER GUARIGIONI IN EUROPA
CON L’IMMUNO-ONCOLOGIA NUOVE ARMI CONTRO I BIG KILLER

Roma, 23 ottobre 2015 - Questo approccio innovativo ha già dimostrato di essere efficace nel melanoma e nel carcinoma polmonare. Il presidente Carmine Pinto: “Il livello delle cure nel nostro Paese è alto. Ma i cittadini sono poco informati: per il 54% il cancro è ancora un male incurabile. Sbarchiamo sui social per fare cultura a 360 gradi”

In diciassette anni (1990-2007) i pazienti che hanno sconfitto il cancro nel nostro Paese sono aumentati del 18% (uomini) e del 10% (donne). Percentuali che collocano l’Italia al vertice in Europa per…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it