Contenuto

6 novembre 2002

I DANNI SOCIOSANITARI ED ECONOMICI DEL FUMO

Danni da fumo attivo

Il tabacco causa ogni anno nel mondo circa 4 milioni di morti: 11.000 al giorno. Le proiezioni, basate sulle stime attuali, indicano che alla fine del 2020 i morti saranno 10 milioni. Nel 1998, si stima che il fumo di sigaretta sia stato causa di circa:
· l’90% delle morti per cancro del polmone,
· l’75% delle morti per malattie polmonari ostruttive croniche (COPD), che includono bronchiti croniche e enfisema,
· il 25% di tutte le morti per malattie cardiache.

i
Il 30% delle morti per cancro può essere attribuita al fumo, e meno del 10% dei pazienti con tumore del polmone sopravvive a cinque anni dalla diagnosi. Un uomo che fuma ha 23 volte più probabilità di ammalarsi di cancro al polmone di uno che non fuma, mentre per le donne il pericolo è 13 volte maggiore. Dal 1987, ogni anno muoiono più donne per cancro del polmone che per cancro mammario, per 40 anni prima causa di morte da tumore nelle donne. Le altre forme di cancro correlate al fumo includono: leucemia, cancro della cervice, della bocca, delle labbra, della gola, del pancreas, della vescica, del rene, dello stomaco e del fegato.
Approssimativamente, il 90% dei casi di malattie vascolari periferiche (PVD), con possibile amputazione di una o entrambe le gambe, sono causate dal fumo. Nel Regno Unito ogni anno avvengono 2.000 amputazioni riferibili a PVD.
Il fumo è anche associato ad anormalità degli spermatozoi e a impotenza maschile. Un recente relazione congiunta della British Medical Association e della ASH stima che 120.000 uomini inglesi tra i 30 e 49 anni siano impotenti a causa del fumo.
Gli uomini che fumano 25 o più sigarette al giorno hanno un rischio relativamente più alto di diventare diabetici rispetto ai non fumatori. Questo potrebbe essere dovuto all’effetto cumulativo a lungo termine del fumo sulla secrezione dell’insulina.

Danni da fumo passivo
Ogni anno, 3000 adulti non-fumatori muoiono per cancro del polmone dovuto al fumo di sigarette altrui. Il fumo passivo è inoltre causa di morte per malattia cardiaca in 35/40.000 non fumatori. Non solo: si calcola che il fumo passivo provochi da 150.000 a 300.000 polmoniti e bronchiti nei bambini sotto i 18 mesi e sia causa di 15.000 ricoveri ospedalieri.

Danni economici
Nel 1994, la Banca Mondiale ha calcolato il peso economico del tabacco in 200 miliardi di dollari. In questo conto non sono inclusi i danni provocati da ustioni e incendi e le malattie comparse nei bambini nati sotto peso da madri fumatrici. Gli stessi studi hanno inoltre mostrato che la prevenzione del fumo si colloca fra i massimi livelli di costo-efficacia degli interventi di ambito sanitario. Chi smette di fumare prima dei 50 anni ha un rischio di morte dimezzato (nei 15 anni successivi) rispetto a chi continua a fumare.

Anteprima News

22/12/16

MENOPAUSA: UNA DONNA SU TRE NON HA MAI RICEVUTO INFORMAZIONI. IN ARRIVO LA PRIMA GUIDA DEI GINECOLOGI ITALIANI

La pubblicazione fa parte della campagna SIGO dedicata alle over 50 e nelle prossime settimane verrà distribuita su tutto il territorio nazionale. Il prof. Paolo Scollo: “Questa fase della vita femminile non deve essere più considerata un tabù o un sinonimo esclusivo di invecchiamento”

Roma, 22 dicembre 2016 – Tra la popolazione femminile del nostro Paese c’è poca consapevolezza sulla menopausa. Un’italiana su tre non ha mai ricevuto informazioni a riguardo. Il 23% vorrebbe invece…
21/12/16

GIUSEPPE APRILE È IL NUOVO DIRETTORE DELL’ONCOLOGIA DI VICENZA

Vicenza, 21 dicembre 2016 – Nato a Udine, 44 anni, è membro del Consiglio Direttivo Nazionale AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica). “Orgoglioso della nomina, la mia esperienza al servizio dei pazienti”

Giuseppe Aprile, nato a Udine 44 anni fa, è il nuovo Direttore dell’Oncologia di Vicenza (Ospedale San Bortolo, Azienda ULSS 6), uno dei cinque poli della Rete Oncologica Veneta. Il dott. Aprile, che…
20/12/16

MALATTIE CARDIACHE CONGENITE NEI BIMBI, DALLA SOLIDARIETA’ ITALIANA. UN PRIMO OSPEDALE IN MAROCCO: CURERA’ OLTRE 1000 PICCOLI OGNI ANNO

Roma, 20 dicembre 2016 - Il progetto è stato presentato al congresso nazionale dei cardiologi appena conclusosi a Roma, con la proiezione di un video alla cerimonia inaugurale. L’impegno del prof. Roberto Ferrari

E’ frutto dell’impegno di una fondazione umanitaria italiana, l’EHC (European Heart for Children) con sede a Nizza presso la Società Europea di Cardiologia, il primo e unico centro che tratterà in…
20/12/16

I GINECOLOGI: “SERVE AL PIÙ PRESTO UNA RETE DI PUNTI NASCITA”

Roma, 19 dicembre 2016 - E’ questa la proposta di SIGO, AOGOI e AGUI alle Istituzioni. I proff Paolo Scollo, Elsa Viora e Nicola Colacurci: “Così possiamo garantire a tutti i neonati e le partorienti la migliorare l’assistenza possibile”

“E’ necessario creare, quanto prima a livello regionale, una rete di punti nascita. In questo modo possiamo aumentare la sicurezza per donne e neonati e migliorare la qualità del lavoro di tutto il…
19/12/16

Almirall e Nuevolution siglano una collaborazione strategica per lo sviluppo di inibitori RORyt per il trattamento di malattie dermatologiche e dell’artrite psoriasica

• Almirall ha ottenuto i diritti sul programma di inibitori di RORyt di Nuevolution per identificare e sviluppare nuove molecole terapeutiche per malattie infiammatorie cutanee e per l’artrite psoriasica

• Nuevolution riceverà un pagamento upfront 11,2 milioni di euro (109,4 milioni SEK*) e potrà ricevere altri pagamenti al raggiungimento di obiettivi di sviluppo e regolatori fino a un totale massimo di 172 milioni di euro (1,7 miliardi SEK*), sulla base del successo dello sviluppo, e al raggiungimento di obiettivi di vendite commerciali fino a un totale massimo di 270 milioni di euro (2,6 miliardi SEK*). Nuevolution avrà diritto a ricevere diritti sulla base delle vendite nette future

• Almirall sarà responsabile del finanziamento di ogni ulteriore ricerca e delle attività preclinica, clinica, regolatoria e commerciale

Barcellona, 19 dicembre 2016 - Almirall e Nuevolution hanno siglato una collaborazione strategica globale focalizzata allo sviluppo e alla commercializzazione di un programma riguardante un nuovo…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it