mercoledì, 21 agosto 2019

Contenuto

20 giugno 2003

MALATTIE CARDIOVASCOLARI: MORTALITA’ E CIFRE

La mortalità in Italia
Ogni anno in Italia circa 242.000 persone muoiono per malattie cardiovascolari, che rappresentano la prima causa di morte nella nostra popolazione e in quella degli altri Paesi occidentali. Quasi il 30% di questi decessi (70.000 circa) è dovuto all'infarto miocardico.
Ogni anno circa 160.000 persone hanno un infarto; gli uomini sono più colpiti delle donne con un rapporto di 6 a 1. Il 44% di chi subisce un attacco cardiaco muore e più dei due terzi non arriva in ospedale, meno della metà giunge in ospedale in tempo: il 10% entro 2 ore dai primi sintomi, il 20% vi arriva dopo 12 ore, quando la finestra temporale utile per eseguire le terapie acute che ricanalizzano la coronaria ostruita è ormai esaurita.

La mortalità nel mondo
Le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte nei Paesi occidentali: circa il 50 per cento del totale dei decessi (stima OMS del ’98: 17 milioni morti/anno) è infatti correlabile a una patologia del cuore, contro il 27 per cento dovuto ai tumori. La mortalità è molto superiore per il sesso maschile fino ai 65 anni (con un rapporto di circa 3 a 1). Dopo i 65 anni l'indice di mortalità per i due sessi tende ad equipararsi, fino a diventare superiore nelle donne, soprattutto in caso di recidiva. Le proiezioni epidemiologiche per il futuro non sono incoraggianti: l'OMS ha previsto che da qui al 2020 ci sarà un incremento di circa 250mila morti all'anno per malattie cardiovascolari anche nei Paesi che sino a poco tempo fa si credevano meno a rischio e cioè quelli meno economicamente sviluppati.

I costi in Italia
Ogni anno in Italia vengono ricoverati 1.200.000 pazienti per una malattia cardiovascolare che costituisce così la prima causa di ospedalizzazione. Il costo maggiore per il Sistema Sanitario Nazionale è dovuto al ricovero ospedaliero.
Nel 2000 sono stati ricoverati:
· 71.600 pazienti con infarto miocardico con un costo di 270 milioni di euro
· 127.000 pazienti con scompenso cardiaco con un costo di 371 milioni di euro
· 77.000 pazienti con angina con un costo di circa 214 milioni di euro
Il costo totale è di 855 milioni di euro all'anno, senza contare le spese per la riabilitazione.

Altre cifre in Italia
- 1.500.000: i malati affetti da cardiopatia ischemica, la più diffusa tra le malattie cardiovascolari, che sono a rischio ‘grave’ di subire attacchi di angina o infarti
- 3 su 10: italiani che soffrono di ipertensione
- 3 su 5: italiani che hanno il colesterolo alto
- 2 su 5: italiani che non fanno attività fisica
- 7 su 10: persone che in Italia presentano almeno uno dei quattro principali fattori di rischio cardiovascolare (fumo, obesità, diabete, ipertensione)

Anteprima News

01/08/19

URO-GINECOLOGI: “SI ALL’USO DELLE PROTESI/RETI PER LA CHIRURGIA VAGINALE”

Mauro Cervigni, segretario scientifico AIUG: “Sono dispositivi che non devono essere banditi ma utilizzati in modo corretto. Possono rappresentare un’opportunità positiva per le pazienti”

Milano, 01 agosto 2019 – “Sì all’utilizzo delle protesi/reti (mesh) per il trattamento conservativo del prolasso. Questi dispositivi medici non devono essere banditi e, se usati correttamente,…
22/07/19

TUMORE DEL COLON RETTO: BAYER, BRISTOL-MYERS SQUIBB E ONO PHARMACEUTICAL AVVIANO UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE CLINICA PER STUDIARE REGORAFENIB E NIVOLUMAB COME TERAPIA DI COMBINAZIONE

· La combinazione di regorafenib e nivolumab rispetto a regorafenib da solo sarà valutata in pazienti con tumore del colon retto metastatico con microsatelliti stabili
· Le Aziende pianificano uno studio di ricerca dell’indicazione

Milano, 22 luglio 2019 – Bayer, Bristol-Myers Squibb e Ono Pharmaceutical (“Ono”) hanno annunciato di aver avviato un accordo di collaborazione clinica per valutare la combinazione di regorafenib,…
18/07/19

Ipertensione: semplificare la terapia favorisce l’aderenza e il controllo della pressione

I risultati dello studio Senior Italia FederAnziani presentati al Ministero della Salute

Roma, 18 luglio 2019 – Senior Italia FederAnziani ha monitorato oltre 12.000 anziani attraverso un controllo costante della pressione, costruendo un vero e proprio diario dell’iperteso. Allo studio ha…
11/07/19

I PEDIATRI DI FAMIGLIA FIMP AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO
“NEI NOSTRI STUDI SERVONO PIU’ COLLABORATORI E STRUMENTI DIAGNOSTICI”

Il Presidente Paolo Biasci: “Così possiamo favorire l’appropriatezza prescrittiva, ridurre le ospedalizzazioni e determinare importanti risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Rapporto di fiducia con le famiglie elemento di forza dell’assistenza pediatrica grazie al rapporto convenzionale”

Roma, 11 luglio 2019 – “Bisogna garantire su tutto il territorio nazionale studi di pediatri di famiglia dotati di personale qualificato e di attrezzature diagnostiche a risposta rapida (o self-help).…
28/06/19

I FIMP: “CONDIVIDIAMO LE PROTESTE DEL MINISTRO GRILLO CONTRO CHI VUOLE METTERE IN DUBBIO IL VALORE DELLE VACCINAZIONI”

Roma, 27 giugno 2019 - “Facciamo nostre le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo, parole che devono far molto riflettere su quanto sta avvenendo nel nostro Paese rispetto ad una questione,…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522