mercoledì, 21 agosto 2019

Contenuto

27 gennaio 2003

IL PREMIO GALENO, CENNI DI STORIA

· Il Prix Galien è nato in Francia nel 1970 per iniziativa di M. Roland Mehl un farmacista francese, per promuovere lo sviluppo e la ricerca nel campo farmaceutico, premiando di volta in volta le molecole più innovative.

· Dopo le prime edizioni limitate alla Francia, si sono quindi via via aggiunti i riconoscimenti nazionali in Germania, Spagna, Olanda, Portogallo, Regno Unito, Belgio e Canada, Italia e Svizzera.

· In Italia la prima edizione del Galeno è stata indetta nel 1992. In quell’occasione il premio fu assegnato alla CICLOSPORINA, farmaco che consente di controllare il rigetto di trapianto d'organo, indicato anche per il trattamento della psoriasi severa prodotto da Novartis (allora Sandoz).
Nel 1993, alla LACIDIPINA, calcioantagonista di terza generazione di Glaxo Wellcome;
nel 1994, alla RIFABUTINA di Pharmacia, antimicotico specifico per il M. tuberculosis, ma attivo anche sui micobatteri atipici;
nel 1995 e nel 1996 non è stato attribuito
nel 1997, alla FOLLITROPINA BETA, preparato ricombinante di origine biotecnologica della Organon per il trattamento ormonale della sterilità femminile;
nel 1998, al LOSARTAN, capostipite dei sartani, nuova classe di antipertensivi della Merck, Sharp & Dohme;
nel 1999, al BASILIXIMAB, anticorpo monoclonale della Novartis che ha fatto registrare significativi passi avanti nel controllo del rigetto post-trapianto;
nel 2000, al ROFECOXIB, farmaco antinfiammatorio non steroideo inibitore selettivo della COX 2, dalla ricerca Merck Sharp&Dohme
nel 2001, a MOXIFLOXACINA, antibiotico di III generazione della classe dei fluorochinoloni, specifico per le infezioni gravi dell’apparato respiratorio, polmoniti in primis, sviluppato da Bayer
nel 2002, a IMATINIB (Glivec), frutto della ricerca Novartis e capostipite di una nuova classe di agenti antiproliferativi, chiamati inibitori della trasduzione del segnale, indicato per il trattamento della leucemia mieloide cronica (LMC) e dei tumori GIST (Gastrointestinal Stromal Tumors), rara e fatale forma di tumore dello stroma gastrointestinale, che non risponde ad alcun altro tipo di chemio o di radioterapia.

Nel 2002 IMATINIB ha vinto il Prix Galien anche in Belgio, Canada, Francia, Lussemburgo, Olanda e Portogallo.

· Nel 1990 il Prix Galien è diventato internazionale: ogni due anni la giuria assegna un ulteriore riconoscimento, il Galien International, ad un farmaco selezionato tra i vincitori dei vari Paesi. La scorsa edizione l’Oscar per la molecola più innovativa è stato conferito all’INFLIXIMAB di Schering Plough, primo anticorpo monoclinale anti – Tnf alfa ottenuto attraverso l’ingegneria genetica, che rappresenta un’importante opportunità per il trattamento della malattia di Crohn.
Nel 2002 il Galien International è stato vinto da IMATINIB (Glivec)

Perché Galeno

Claudio Galeno è stato, insieme ad Ippocrate, il più celebre medico del mondo antico. Nato nel 129 d.C. a Pergamo (Asia Minore), studiò ad Alessandria, per poi far ritorno nella città d'origine, dove cominciò ad esercitare la professione. Successivamente si trasferì a Roma, come medico alla corte di Marco Aurelio e dei suoi successori. Fondatore della fisiologia sperimentale e della medicina sistematica, sino al Rinascimento ebbe considerazione pari a quella di Aristotele in filosofia. Nelle malattie, a differenza di Ippocrate, valorizzò la perturbazione locale, cioé quella dei singoli organi.
A Galeno vengono attribuiti oltre quattrocento scritti suddivisibili in sette gruppi: anatomia, patologia, terapia, diagnostica e prognostica, commentari agli scritti ippocratici, filosofia e grammatica. A noi ne sono pervenuti 108. Il più noto è il Methodus medendi, che riassume il metodo galenico e per lungo tempo costituì il testo fondamentale dell'insegnamento medico. Morì a Roma nel 199.
Claudio Galeno ha legato il proprio nome a una categoria di preparati farmaceutici – i galenici, appunto - e viene correttamente considerato il padre della farmacologia moderna. Come detto è stato il primo a impostare il ragionamento clinico, suggerendo di formulare la diagnosi soltanto dopo un’attenta e sistematica osservazione del paziente.
Nell’enorme mole di lavori che ha lasciato ai posteri, Galeno ha sottolineato l’importanza della posologia, affermando: «Il metodo terapeutico si basa sulla qualità delle droghe, il modo e il tempo della somministrazione, che sono specifici per ogni malato.
E’ importante anche determinare la quantità esatta rispetto alla robustezza del paziente». L’opera più specifica di Galeno si intitola “De simplicium medicamentorum temperamentis et facultatibus”; per la prima volta si elencano 473 rimedi di origine vegetale, minerale e animale, alcuni dei quali sono medicamenti sorprendentemente articolati e composti, come per esempio la triaca, che contiene ben 73 principi attivi.
Una figura insomma in grande anticipo sui tempi, che coincide perfettamente con gli intenti del premio che le è stato intitolato.

Anteprima News

01/08/19

URO-GINECOLOGI: “SI ALL’USO DELLE PROTESI/RETI PER LA CHIRURGIA VAGINALE”

Mauro Cervigni, segretario scientifico AIUG: “Sono dispositivi che non devono essere banditi ma utilizzati in modo corretto. Possono rappresentare un’opportunità positiva per le pazienti”

Milano, 01 agosto 2019 – “Sì all’utilizzo delle protesi/reti (mesh) per il trattamento conservativo del prolasso. Questi dispositivi medici non devono essere banditi e, se usati correttamente,…
22/07/19

TUMORE DEL COLON RETTO: BAYER, BRISTOL-MYERS SQUIBB E ONO PHARMACEUTICAL AVVIANO UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE CLINICA PER STUDIARE REGORAFENIB E NIVOLUMAB COME TERAPIA DI COMBINAZIONE

· La combinazione di regorafenib e nivolumab rispetto a regorafenib da solo sarà valutata in pazienti con tumore del colon retto metastatico con microsatelliti stabili
· Le Aziende pianificano uno studio di ricerca dell’indicazione

Milano, 22 luglio 2019 – Bayer, Bristol-Myers Squibb e Ono Pharmaceutical (“Ono”) hanno annunciato di aver avviato un accordo di collaborazione clinica per valutare la combinazione di regorafenib,…
18/07/19

Ipertensione: semplificare la terapia favorisce l’aderenza e il controllo della pressione

I risultati dello studio Senior Italia FederAnziani presentati al Ministero della Salute

Roma, 18 luglio 2019 – Senior Italia FederAnziani ha monitorato oltre 12.000 anziani attraverso un controllo costante della pressione, costruendo un vero e proprio diario dell’iperteso. Allo studio ha…
11/07/19

I PEDIATRI DI FAMIGLIA FIMP AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO
“NEI NOSTRI STUDI SERVONO PIU’ COLLABORATORI E STRUMENTI DIAGNOSTICI”

Il Presidente Paolo Biasci: “Così possiamo favorire l’appropriatezza prescrittiva, ridurre le ospedalizzazioni e determinare importanti risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Rapporto di fiducia con le famiglie elemento di forza dell’assistenza pediatrica grazie al rapporto convenzionale”

Roma, 11 luglio 2019 – “Bisogna garantire su tutto il territorio nazionale studi di pediatri di famiglia dotati di personale qualificato e di attrezzature diagnostiche a risposta rapida (o self-help).…
28/06/19

I FIMP: “CONDIVIDIAMO LE PROTESTE DEL MINISTRO GRILLO CONTRO CHI VUOLE METTERE IN DUBBIO IL VALORE DELLE VACCINAZIONI”

Roma, 27 giugno 2019 - “Facciamo nostre le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo, parole che devono far molto riflettere su quanto sta avvenendo nel nostro Paese rispetto ad una questione,…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522